Obiettivo Macro Tamron SP AF60 mm F/2 Di II LD (IF)

Obiettivo Macro Tamron SP AF60 mm F/2 Di II LD (IF)

di Matteo Cervo, pubblicata il

“Tamron lancia un nuovo obiettivo macro specifico per il formato APS-C con rapporto di ingrandimento 1:1”

Dopo una parentesi silenziosa, Tamron torna a far parlare di se con la presentazione americana del nuovo obiettivo Tamron SP AF 60 mm F/2 Di II LD (IF) MACRO. Negli ultimi anni, Tamron ha iniziato una completa revisione dei propri vetri, proponendo soluzioni alternative come l'originale sistema zoom di alcuni obiettivi. Ora lancia sul mercato un prodotto che aspettiamo di toccare con mano al Photoshow di Milano.

Tamron SP AF 60 mm   F/2 Di II LD (IF) Macro è un obiettivo macro specifico che permette un rapporto di ingrandimento 1:1. Vuole essere il corrispettivo del noto Tamron 90 mm F/2,8 Di Macro, differenziandosi però per essere una lente dedicata al formato ridotto APS-C.  Questo medio tele consente di mantenere il rapporto di ingrandimento 1:1 da una distanza massima di 100 mm. Permettendo così di avvicinare soggetti schivi e diffidenti come alcuni insetti.

La costruzione ottica prevede l'adozione di due lenti a bassa dispersione LD per prevenire le aberrazioni, in associazione ad una nuova tecnologia di coating delle lenti denominata BBAR Broad-Band Anti Reflection Coating, che consente una trasmissione ottimale delle frequenze luminose lungo tutto lo spettro.

Lunghezza focale 60 mm
Apertura massima F/2.0
Angolo di vista 26° 35' (APS-C)
Costruzione ottica 14 elementi in 10 gruppi
Distanza minima di messa a fuoco 23 cm
Lamelle 7
Diametro filtri 55 mm
Rapporto di ingrandimento 1:1
Dimensioni 73 x 80 mm (diametro per lunghezza)
Peso 400 g
Baionetta disponibile per attacco Canon EF-s, Nikon (motore interno), Sony

Sistema di messa a fuoco interno ed un peso contenuto in 400 g completano la panoramica di un'ottica che aspettiamo di vedere in Italia e della quale speriamo di conoscere presto il prezzo.


Commenti (20)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: ciop71 pubblicato il 25 Marzo 2009, 17:23
Per Pentax non è neanche previsto, siamo sempre i parenti poveri...
Commento # 2 di: opelio pubblicato il 25 Marzo 2009, 17:33
peccato ciop perchè la pentax è una macchina di grande qualità
Commento # 3 di: ]Rik`[ pubblicato il 25 Marzo 2009, 17:48
f/2.0..molto luminoso

anche se un po' inutile, tanto nelle macro è difficile che si vada a scattare con focali così aperte..troppa poca pdc..
Commento # 4 di: SK8R1 pubblicato il 25 Marzo 2009, 17:49
ma una distanza minima di 23 cm non è tanto per un macro?!? credevo che i macro avessero distanze di 3 - 4 cm... devo informarmi meglio allora... perfino un fisheye ha una distanza minima inferiore!!
Commento # 5 di: Yin pubblicato il 25 Marzo 2009, 18:24
@SK8R1 non è la distanza dal soggetto che garantisce il rapporto di ingrandimento macro (1:1) , anzi la distanza è utile poichè permette di fotografare soggetti diffidenti, per questo motivo ho appena cambiato il mio tamron sp 90 con un sigma 180
Commento # 6 di: ciccio83a pubblicato il 25 Marzo 2009, 18:24
distanze di 3-4 cm sono impossibili, già l'obiettivo è più lungo di 7, figurati.
Inoltre se stai un pò più distante è meglio, così hai più luce e non fai scappare il soggetto.
La cosa che rende un obiettivo un macro è l'ingrandimento 1:1 almeno. Non la distanza di maf.
Comunque ti assicuro che già così stai a circa 10 cm dal soggetto.
Commento # 7 di: Genesio pubblicato il 25 Marzo 2009, 18:31
Originariamente inviato da: ciccio83a
distanze di 3-4 cm sono impossibili, già l'obiettivo è più lungo di 7, figurati.
Inoltre se stai un pò più distante è meglio, così hai più luce e non fai scappare il soggetto.
La cosa che rende un obiettivo un macro è l'ingrandimento 1:1 almeno. Non la distanza di maf.
Comunque ti assicuro che già così stai a circa 10 cm dal soggetto.


Scusate, per fare chiarezza :

il rapporto 1:1 si raggiunge a una certa distanza che dipende dalla lunghezza focale e in piccola parte dalla costruzione della lente; io ho un canon efs 60mm macro e la distanza per il rapporto 1:1 è di circa 8 cm se non sbaglio. Posso ulteriormente avvicinarmi (fino a circa 5 cm) e ottengo un soggetto poco più grande (ricordo che 1:1 significa che la mosca che stai fotografando ricopre sul sensore esattamente le dimensioni della mosca stessa).
Se avessi un 120 mm (o un extender 2x) potrei mantenere un fattore di 1:1 mantenendomi a circa 20 cm.

ciao
Commento # 8 di: ciccio83a pubblicato il 25 Marzo 2009, 18:35
comunque per chi non lo sapesse i centimetri di distanza non si misurano dalla fine dell'obiettivo, ma dal segnale posto nel corpo macchina.
Per questo si parla di 23 cm, che poi saranno una decina dall'estremità dell'obiettivo.
Commento # 9 di: Genesio pubblicato il 25 Marzo 2009, 18:54
Originariamente inviato da: ciccio83a
comunque per chi non lo sapesse i centimetri di distanza non si misurano dalla fine dell'obiettivo, ma dal segnale posto nel corpo macchina.
Per questo si parla di 23 cm, che poi saranno una decina dall'estremità dell'obiettivo.


Se non sbaglio (ma correggimi se non è così, quando si parla di "distanza", si intende la distanza fisica tra soggetto e lente esterna + la lunghezza focale (che dovrebbe essere la distanza che la luce percorre all'interno dell'obbiettivo).
Nel mio post precedente parlavo invece di distanza fisica tra lente e soggetto.
Commento # 10 di: piani pubblicato il 25 Marzo 2009, 19:34
Originariamente inviato da: ciccio83a
comunque per chi non lo sapesse i centimetri di distanza non si misurano dalla fine dell'obiettivo, ma dal segnale posto nel corpo macchina.
Per questo si parla di 23 cm, che poi saranno una decina dall'estremità dell'obiettivo.


Per le reflex la distanza è dal piano pellicola, quando c'era la pellicola.
Oggi è dal sensore.

Esatta la definizione di macro 1:1 di Genesio.
Una precisazione. Gli estender o moltiplicatori, non fanno aumentare la distanza minima di scatto, però raddoppiano la focale. Ovviamente bisogna moltiplicare anche il diaframma minimo di 2x, nel caso di moltiplicatore 2x.

Nel caso dell'obiettivo in oggetto, avremmo un 120mm F4.0, però sempre come distanza minima di scatto di 23 cm.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor