Nuovo Nikkor entry-level per reflex Nikon

Nuovo Nikkor entry-level per reflex Nikon

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Il 18-55mm Nikkor, dedicato alle fotocamere reflex digitali Nikon, si arricchisce dello stabilizzatore”

Novità per Nikon nella fascia di obiettivi entry-level, il 18-55mm si arricchisce infatti dello stabilizzatore e prende il nome di Nikkor-Zoom AF-S DX NIKKOR 18-55 mm f/3.5-5.6G VR. Questo zoom 3x, dedicato alle fotocamere reflex digitali di casa Nikon è compatto, leggero (circa 265 grammi) ed economico, è dotato di un motore autofocus Silent Wave e del sistema Nikon di Riduzione Vibrazioni (VR).

Lo stabilizzatore dovrebbe garantire, secondo quando dichiarato da Nikon: 'tempi di posa fino a tre stop più lunghi rispetto a quanto sarebbe possibile senza l'utilizzo di tale sistema'. Essendo il sistema inserito all'interno dell'obiettivo l'immagine stabilizzata viene visualizzata all'interno del mirino: questo permette di avere un'idea diretta dell'efficacia del sistema in tempo reale.

Il diaframma utilizzato per questo obiettivo è del tipo rotondo a sette lamelle, e nello schema ottico, 11 elementi in 8 gruppi, è inclusa una lente asferica ibrida, studiata per ridurre al minimo le distorsioni. Il rivestimento Super Integrated Coating di Nikon dovrebbe inoltre assicurare un bilanciamento e una riproduzione dei colori molto buoni, con la diminuzione delle immagini fantasma.

Montato su una qualsiasi fotocamera reflex digitale Nikon formato DX, il nuovo obiettivo copre la tipica escursione focale equivalente al formato 35mm che va da 27mm a 82,5mm. La distanza di messa a fuoco minima è pari a 28cm per l'intera portata dello zoom.


Commenti (28)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: cagnaluia pubblicato il 21 Novembre 2007, 09:52
pare un entrylevel di tutto rispetto, anche se.. la buona qualità si fa pagare. Costerà il doppio almeno del complementare canon (ma senza IS, 18-55).
Commento # 2 di: Lucamax pubblicato il 21 Novembre 2007, 09:52
Inutile, ho comprato il 18-200 mm e fotografo tutto senza cambiare mai obbiettivo, niente polvere , niente problemi.
Commento # 3 di: ]Rik`[ pubblicato il 21 Novembre 2007, 09:56
Originariamente inviato da: Lucamax
Inutile, ho comprato il 18-200 mm e fotografo tutto senza cambiare mai obbiettivo, niente polvere , niente problemi.


stessa qualità immagino...
Commento # 4 di: raptus pubblicato il 21 Novembre 2007, 10:02
Inutile, ho comprato il 18-200 mm e fotografo tutto senza cambiare mai obbiettivo, niente polvere , niente problemi

.. Mai provato un'altra lente prima di giudicare?
Cosa fotografi? Mai fatto diapositive (.. io la differenza la vedo soprattutto lì!).

Piccola curiosità: il tuo 18-200 che apertura focale (minima) ha?
Mai sentito la necessità di un 2.8 o 3.5 in un ritratto, un glamour, più semplicemente a 200 mm quando non fotografi il sole?
Commento # 5 di: continuiamocosì pubblicato il 21 Novembre 2007, 10:07
la qualità è circa quella ma il prezzo no!
Commento # 6 di: VitiX pubblicato il 21 Novembre 2007, 10:14
Molto probabilmente la mia D80 lo vorrebbe e il 18-135 lo metto un pò da parte
Commento # 7 di: pin_head pubblicato il 21 Novembre 2007, 10:42
Cagnaluia, il complementare canon è il 18-55 IS, e costa intorno a 200 euro - questo nikon lo danno per 270
ah, lo stabilizzatore del canon dovrebbe essere da 4 stop, questo 3.
Commento # 8 di: the_joe pubblicato il 21 Novembre 2007, 10:47
A parte che l'utilità di uno stabilizzatore su queste focali è tutta da dimostrare a meno di non fotografare sempre di notte.....

Credo fermamente che in un futuro prossimo tutte le reflex avranno il sensore stabilizzato come adesso stanno montando tutte il live-view e ancora più avanti toglieranno di mezzo lo specchio e forse anche l'otturatore meccanico......
Commento # 9 di: continuiamocosì pubblicato il 21 Novembre 2007, 10:59
Originariamente inviato da: raptus
.. Mai provato un'altra lente prima di giudicare?
Cosa fotografi? Mai fatto diapositive (.. io la differenza la vedo soprattutto lì!).

Piccola curiosità: il tuo 18-200 che apertura focale (minima) ha?
Mai sentito la necessità di un 2.8 o 3.5 in un ritratto, un glamour, più semplicemente a 200 mm quando non fotografi il sole?


se stiamo parlando del Nikkor 18-200VRII, il 18-55 in questione non regge il confronto. Ovviamente il pezzo è ben diverso.
Entrambi partono da un'apertura di diaframma di 3.5 ma il 18-55 diventa "buio" un po' più rapidamente del 18-200. Quindi se uno possiede il 18-200 non se lo fuma proprio questo entry level.

P.S. in un ritratto sento necessità di aperture maggiori
Commento # 10 di: pin_head pubblicato il 21 Novembre 2007, 11:14
the_joe, io con il 17-85 IS scatto tranquillamente a 17mm e 1/2s, mentre con il 17-40 i tempi devono essere più rapidi.
Se vuoi scattare a F8 e di luce ce n'è poca, lo stabilizzatore è utilissimo in posti al chiuso, non solo di notte.

poi: il sensore stabilizzato, oltre a non essere efficiente come quello ottico, non ti permette di "vedere" la stabilizzazione - prova tu a scattare con un 500 mm e tutto che trema, non riesci nemmeno a comporre l'immagine.
per quanto riguarda il live view lo vedo più come un complementare del mirino ottico, non un sostituto.
ciauz
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor