Nuovi dorsi digitali Leaf Credo da 40, 60 e ben 80 megapixel

Nuovi dorsi digitali Leaf Credo da 40, 60 e ben 80 megapixel

di Roberto Colombo, pubblicata il 23 Aprile 2012, alle 14:00

“Mamiya Leaf presenta i nuovi dorsi digitali Leaf Credo da 40, 60 e 80 megapixel: gamma dinamica, dettaglio e resa dei toni sono i loro punti di forza”

Nikon D800 ha lanciato la sfida delle reflex full frame al mercato delle medio formato, ma i produttori di dorsi digitali non stanno certo a guardare. Mamiya Leaf ha appena lanciato un rinnovo di gamma per i suoi dorsi utilizzabili con macchine medio formato come 645DF, ma anche  Hasselblad V, H e Contax .

I nuovi dorsi prendono il nome di Leaf Credo e offrono risoluzioni di 40, 60 e 80 megapixel. Si tratta di dorsi dotati di sensori CCD rispettivamente delle dimensioni di 43,9x32,9mm; 53,0x40,4mm; 53,7x40,4mm. I primi due hanno pixel size pari a 6,0 micron, mentre la versione a 80 megapixel adotta una dimensione dei pixel pari a 5,2 micron.

La versione da 40 megapixel offre raffica pari a 1,2 frame al secondo, che scendono a 1fps per il dorso a 60 megapixel e arrivano a 0,7fps nel caso del top di gamma. Mamiya Leaf dichiara il dorso da 80 megapixel capace di raggiungere una gamma dinamica di 12,5 stop, consiglia la versione da 60 megapixel per applicazioni con rapporto 3:4 in cui siano richiesti dettaglio, colori ricchi, basso rumore e buona resa dei toni, mentre indica nella versione da 40 megapixel quella più adatta a chi cerca una raffica di più di una immagine al secondo.

I prezzi posizionano i nuovi dorsi digitali Leaf Credo nella fascia professionale con costi pari a circa 15.000, 25.000 e 30.000 euro. I dorsi offrono comandi touchscreen a sfioramento con un'interfaccia grafica rinnovata e connessione USB 3.0 e FireWire 800. Qui sotto una gallery con particolari al 100% di alcuni scatti sample del dorso da 80 megapixel proposti da Mamiya Leaf a questo indirizzo.


Commenti (5)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Notturnia pubblicato il 23 Aprile 2012, 14:46
slurp :-D

ad essere ricchi :-D (o lavorare nel settore..)
Commento # 2 di: daywatch pubblicato il 23 Aprile 2012, 16:34
No ma scusate...la D800 avrebbe lanciato quale sfida alle medio formato???? Scherzate vero? I 36 mpx della D800 fanno schifo gia di loro...se paragonati anche solo alla Pentax 645D...la Nikon ne esce distrutta! E poi sono fotocamere per usi ben diversi, e anche dal costo diverso!
Commento # 3 di: maxiena pubblicato il 23 Aprile 2012, 17:45
Oltre che essere ricchi per il corpo,
servono poi montagne di Tera di Hard Disk per contenere tali risoluzioni (e i loro backup)!
Commento # 4 di: frankie pubblicato il 23 Aprile 2012, 22:43
PS servono anche ottiche per 80MP.
Considerando che le ottiche per medio formato hanno aperture numeriche maggiori (non diaframmi che sono un rapporto), sono meno sensibili alla diffrazione a parità di MP.
Commento # 5 di: tuttodigitale pubblicato il 24 Aprile 2012, 12:34
Originariamente inviato da: frankie
PS servono anche ottiche per 80MP.
Considerando che le ottiche per medio formato hanno aperture numeriche maggiori (non diaframmi che sono un rapporto), sono meno sensibili alla diffrazione a parità di MP.

Certo che ci vogliono le ottiche, ma anche l'uso di tempi di otturazione ridotti o di un robusto treppiedi o usare una fonte di illuminazione dalla breve durata (flash).

Le ottiche medio-formato sono più buie e a parità di profondità di campo bisogna usare aperture relative più piccole, quindi in teoria soffrono di più della diffrazione, ma a parità di MP la risoluzione richiesta in lp/mm è inferiore del 60%.

X la redazione.
Ogni volta la stessa storia.
la kodak slr 14 lancia la sfida alle medio-formato
la 1ds M2 lancia la sfida alle medio-formato
la 1ds M3 lancia la sfida alle medio-formato
la d800 lancia la sfida alle medio-formato.

Sono 8 anni che va avanti questo ritornello. Le Reflex potranno essere delle valide alternative alle medio-formato solo nel momento in cui offriranno la stessa identica qualità dell'immagine, ma finchè il budget per certi tipi di fotografia non è un problema, nessuno scende a compromessi.