Nuove videocamere professionali e prosumer CanonXA25, XA20 e LEGRIA HF G30

Nuove videocamere professionali e prosumer CanonXA25, XA20 e LEGRIA HF G30

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Canon mette sul piatto prima del NAB 2013 un terzetto di videocamere leggere e portatili indirizzate al pubblico professionale e degli amatori evoluti”

Con il NAB 2013 in avvicinamento, Canon ha deciso di mettere sul piatto in anticipo alcune delle sue novità dedicate al video. Abbiamo visto gli annunci relativi allo sviluppo dei nuovi firmware per le cineprese digitali e della nuova ottica 35mm della serie EF Cinema: si muovono nel campo delle novità definitive, invece, le nuove videocamere professionali Canon XA25, XA20 e la prosumer Canon LEGRIA HF G30.

Tutte e tre si sviluppano a partire dalla stessa base: un sensore CMOS HD PRO in formato 1/2.84 da 2,91 megapixel effettivi e un'ottica stabilizzata 20x con focale equivalente 26,8–576 mm f/1,8-f/2,8 con diaframma circolare a 8 lamelle. Del pacchetto comune fanno parte anche il display touch screen OLED da 3,5" e 1.230.000 punti, con possibilità di visualizzare informazioni come Zebra e Focus Peaking e il mirino elettronico mirino elettronico (EVF) da 1.560.000 punti e 0,61 cm (0,24").Naturalmente le opzioni video sono molto variegate:

  • AVCHD (tutte le modalità bit rate variabile, campionamento colore 4:2:0):
    1920x1080: 50p (28Mbps, audio PCM lineare);
    1920x1080: 50i/PF25 (24Mbps, 17Mbps);
    1440x1080: 50i/PF25 (5Mbps)
  • MP4 (tutte le modalità bit rate variabile, campionamento colore 4:2:0):
    1920x1080: 50p (35Mbps);
    1920x1080: 25P (24Mbps, 17Mbps);
    1280x720: 25P (4Mbps);
    640x360: 25P (3Mbps)

Differente il comparto audio che nelle due professionali vede la presenza dei due immancabili ingressi XLR con alimentazione phantom (sulla maniglia rimovibile) oltre all'ingresso per microfono con jack da 3,5mm. Su tutte e tre zoom o messa a fuoco possono essere regolati tramite la ghiera multifunzione dell'obiettivo, ma anche con il comando zoom a bilanciere integrato nel corpo della videocamera.

Le nuove XA25, XA20 e LEGRIA HF G30 sono dotate di terminali HDMI, microfono, cuffie e USB, mentre XA25 include anche un'uscita HD-SDI non compressa, utile per molte applicazioni broadcast.

Ogni videocamera dispone anche di supporto Wi-Fi dual band integrato (2,4 GHz e 5 GHz), per offrire una serie di funzionalità durante o dopo la ripresa. Il supporto Camera Remote consente la regolazione delle impostazioni wireless tramite browser, mentre Remote Browser permette di rivedere i filmati registrati dalla videocamera direttamente su smartphone o tablet sempre via browser, senza necessità di software proprietario.

Il trasferimento di file FTP consente di trasferire i filmati su server FTP fino a 150 Mbps tramite un punto di accesso wireless mentre, con Media Server è possibile riprodurre i video memorizzati nella videocamera su televisori supportati o computer, senza fili. È anche possibile il trasferimento diretto del filmato su dispositivi iOS utilizzando l'applicazione Canon Movie Uploader, per un upload dei video direttamente su YouTube o Facebook a bitrate fino a 24Mbps. XA25, XA20 e LEGRIA HF G30 saranno in vendita a partire da giugno 2013 rispettivamente al prezzo indicativo suggerito al pubblico di € 2784, € 2225 e € 1610 IVA inclusa.


Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: lucaf pubblicato il 06 Aprile 2013, 18:23
Che poi in Italiano si direbbe Telecamere non frega piu un ##### a nessuno.
Avendo ZERO rispetto per noi stessi ci meritiamo il peggio che ci capiterà.
Per capirci meglio (un esempio a caso ma emblematico): "Media" è una parola latina, che gli inglesi\statunitensi pronunciano "midia" (brivido e raccapriccio...) e che tanti italiani (con la "i" minuscola) a loro volta pronunciano "midia" (brivido e raccapriccio...).
Qual'è la morale?
Che "quegli" altri comandano e noi siamo ultimi....e scivoliamo sempre piu in basso.
Succede perchè diciamo "midia, videocamere. rumors, gaming app"??
Diciamo che è il è il sintomo di un male incurabile che si chiama: "morte di una cultura".
No Cultura.... No PIL.... e NO party.... evvaiiiiii !!!!!!
Commento # 2 di: tuttodigitale pubblicato il 08 Aprile 2013, 08:30
@per la redazione.
Queste non sono camcorder professionali. Sono delle amatoriali con ingressi xlr e hd-sdi, come si evince dal mono-sensore da poco più di 1/3 di pollice.
La qualità dell'immagine è del tutto paragonabile alle telecamerine da 700-800 euro.
@lucas quoto, soprattutto sulla pronuncia di "media", non è mica un caso se si dice multimediale...
Commento # 3 di: Raghnar-The coWolf- pubblicato il 08 Aprile 2013, 13:13
Originariamente inviato da: lucaf
Che poi in Italiano si direbbe Telecamere non frega piu un ##### a nessuno.


Telecamere sono quelle di Broadcast (dato che ti piace il latino: tele -> distanza. Queste registrano l'immagine, non mandano a distanza l'immagine)
Queste non sono telecamere, sono videocamere.

Telecamere Canon non ne fa piu' da un bel po' mi sa...

Originariamente inviato da: tuttodigitale
@per la redazione.
Queste non sono camcorder professionali. Sono delle amatoriali con ingressi xlr e hd-sdi, come si evince dal mono-sensore da poco più di 1/3 di pollice.
La qualità dell'immagine è del tutto paragonabile alle telecamerine da 700-800 euro.


La definizione di professionale e' labile. Ma che siano 1/3 di pollice non e' una novita', perche' sono videocamere e non cineprese, e hanno sensori da 1/3" come standard fino max 2/3" che sono usate per le produzioni.
Che sia monosensore e non triplo e' una scelta tecnica di Canon. Personalmente non la condivido a-priori, ma non credo proprio per questo lascino telecamere della serie X con qualita' paragonabile alle Legria.
BenQ Monitor