Nikon: novità in anticipo sul PMA

Nikon: novità in anticipo sul PMA

di Andrea Bai, pubblicata il 29 Gennaio 2008, alle 12:02

“Nikon annuncia ben sei fotocamere compatte della serie Coolpix, la nuova reflex entry-level Nikon D60 e ben tre obiettivi: uno zoom standard, un'ottica macro e un obiettivo decentrabile”

Con due giorni di anticipo rispetto al Photo Marketing Association che aprirà i battenti a Las Vegas nella giornata di giovedì 31 gennaio, Nikon annuncia una nutrita schiera di novità per quanto riguarda le proprie serie di fotocamere compatte e reflex.

Coolpix L Series

Nikon Coolpix L16 ed L18 sono due nuove fotocamere compatte basate sul nuovo processore di immagine Nikon Expeed. I due modelli sono di fatto identici in quasi tutte le caratteristiche se non per la dimensione del display LCD e la risoluzione del sensore: il modello L16 ha infatti un display da 2,8 pollici e risoluzione di 7.1 megapixel, mentre il modello L18 è dotato di un più ampio display da 3 pollici e di un sensore capace di una risoluzione di 8 megapixel.

Entrambi i modelli sono dotati di ottica NIKKOR Zoom 3x caratterizzata da lunghezza focale di 35-105mm (equivalenti al formato 35mm) e permettono di fruire di un range di sensibilità da ISO 64 a ISO 1600. Entrambe le fotocamere sono provviste di sensore CCD da 1/2,5"

Tra le funzionalità software si segnala la presenza di Anti-shake AE, una modalità che in modo automatico incrementa sensibilità e riduce il tempo di scatto per scongiurare la presenza del mosso negli scatti. Presente inoltre la ormai sempre più diffusa funzione di face-recognition che permette la messa a fuoco automatica sui volti presenti nella scena e la funzione In-Camera Red-Eye Fix, in grado di ridurre l'effetto "occhi rossi" nelle foto scattate con flash. Da ultima l'opzione D-Lighting che permette di migliorare il dettaglio nelle zone fortemente sottoesposte, lasciando inalterate le zone correttamente esposte.

Si segnala infine la possibilità di realizzare scatti macro alla distanza di 15 cm, uno zoom digitale 4x e la presenza di 21MB di memoria integrati. Ancora non disponibili i prezzi.

Coolpix S Series

Sono ben quattro i nuovi modelli della serie Coolpix S, che anche in questo caso si arricchisce del nuovo processore di immagine Nikon EXPEED. Si tratta dei modelli S210, S520, S550 ed S600, le cui caratteristiche principali sono le seguenti:

Coolpix S210
Coolpix S520

-S210: 8,0 megapixel, sensore 1/2,5" CCD, zoom Nikkor 3x 38-114mm, ISO 64-2000, LCD 2,5 pollici da 230 mila punti
-S520: 8,0 megapixel, sensore 1/2,5" CCD, zoom Nikkor 3x 35-105mm, ISO 80-2000, LCD 2,5 pollici da 153 mila punti
-S550: 10,0 megapixel, sensore 1/2,3" CCD, zoom Nikkor 3x 36-108mm, ISO 64-2000, LCD 2,5 pollici da 230 mila punti
-S600: 10,0 megapixel, sensore 1/2,3" CCD, zoom Nikkor 4x 28-112mm, ISO 64-3200, LCD 2,7pollici da 230 mila punti

Coolpix S550
Coolpix S600

Tutte e quattro le fotocamere sono provviste di un sistema di stabilizzazione: per i modelli S210 e S550 la stabilizzazione VR (Vibration Reduction) avviene elettronicamente via software, il modello S520 è invece provvisto di sistema di stabilizzazione sulla lente, mentre il modello S600 vanta un sistema di stabilizzazione sul sensore.

Di tutte e quattro le fotocamere è disponibile solamente il prezzo del modello S600, che si attesta su €366.00.

Coolpix P Series

Un nuovo arrivo anche per la serie Coolpix P e precisamente il modello P60. Ritroviamo anche in questo caso il processore EXPEED e le funzionalità di face recognition, rimozione degli occhi rossi e di miglioramento delle foto sottoesposte già incontrate con i nuovi modelli della serie L.

La Nikon Coolpix P60 è una fotocamera con sensore CCD da 1/2,5" con risoluzione di 8,1 megapixel. E' provvista di un'ottica Nikkor zoom 5X con focale di 36-180mm. La gamma di sensibilità si estende da ISO 80 sino a ISO 2000 ed il display LCD è da 2,5 pollici con risoluzione di 153 mila punti. Da segnalare, anche in questo caso, un sistema di stabilizzazione applicato al sensore, per ottenere scatti nitidi e privi di mosso anche nelle situazioni più difficili.

Nikon D60

Interessante novità anche nel panorama delle soluzioni DSLR, con l'arrivo della soluzione Nikon D60, una reflex digitale con risoluzione di 10,2 megapixel e tre punti di messa a fuoco indirizzata alla fascia entry-level e pertanto molto indicata per coloro i quali si avvicinano per la prima volta al mondo della fotografia reflex.

Anche per questo modello troviamo il processore d'immagine EXPEED, che lavora in sinergia con il sensore CCD da 23,4x15,8 millimetri ed il convertitore A/D a 12-bit. Il range di sensibilità varia da ISO 100 a ISO 1600, con estensione fino ad ISO 3200. La raffica è di 3 frame al secondo.

Tra le novità di questo modello si segnala il sistema per la pulizia del sensore e per la riduzione della polvere che consta sia di un meccanismo di vibrazione, sia di un sistema di controllo del flusso d'aria, sia di una procedura software che rimuove le macchie sullo scatto tramite il confronto con uno scatto di riferimento.

Nikon D60, il cui peso è di 495 grammi e le dimensioni complessive sono di 126 x 94 x 64 mm, viene commercializzata in kit standard con obiettivo AF-S DX NIKKOR 18-55mm f/3.5-5.6G VR. Il prezzo del kit è di 699,00 Euro.

Nuovi obiettivi Nikkor

A completamento delle novità introdotte quest'oggi da Nikon si segnala anche la presenza di ben tre diversi obiettivi per le soluzioni DSLR. Nikon presenta uno zoom standard AF-S DX NIKKOR 16-85mm f/3.5-5.6G ED VR, una soluzione per macrofotografia AF-S Micro NIKKOR 60mm f/2.8G ED e una lente destinata alla fotografia architettonica PC-E NIKKOR 24mm f/3.5D ED.

L'unità AF-S DX NIKKOR 16-85mm f/3.5-5.6G ED VR è caratterizzata da 17 elementi in 11 gruppi e provvista di un diaframma a 7 lamelle. Il diametro frontale è di 67 millimetri. L'obiettivo permette una distanza minima di messa a fuoco di 38 centimetri e consente un rapporto massimo di riproduzione di 1:4,6. Il peso è di circa 485 grammi. In commercio a breve ad un prezzo di 642,00 Euro.

La lente AF-S Micro NIKKOR 60mm f/2.8G ED è un obiettivo per macrofotografia con rapporto di riproduzione di 1:1 e distanza minima di messa a fuoco di 18,5 centimetri. L'ottica consta di 12 elementi (tra cui due lenti asferiche, due elementi in vetro Extra-low Dispersion e uno con Nano Crystal Coat) in 9 gruppi e un diaframma a 9 lamelle. Il diametro frontale dell'unità è di 62 millimetri ed il peso è di 425 grammi. Il prezzo è di circa 538,00 Euro.

L'obiettivo PC-E NIKKOR 24mm f/3.5D ED è una soluzione di tipo decentrabile, in grado di un'escursione di ±11,5 millimetri e di una oscillazione di ±8,5° rispetto al proprio asse. L'unità è composta da 13 elementi in 10 gruppi (tra cui tre con vetro Extra-low Dispersion, tre lenti asferiche e una con Nano Crystal Coat) e da diaframma a 9 lamelle. Il rapporto di riproduzione massimo è di 1:2,7, la distanza minima di messa a fuoco è di 21 centimetri ed il diametro frontale è di 77 millimetri. L'obiettivo pesa circa 730 grammi e sarà in commercio ad un prezzo di circa €1642,00


Commenti (40)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: spetro pubblicato il 29 Gennaio 2008, 12:16
C'è qualcosa che non mi torna nelle focali equivalenti della serie S:

-S210: 3x 38-144mm - 38x3 fa 114

-S520: 3x 35-105mm - ok

-S550: 3x 36-180mm - 36x3 fa 108

-S600: 4x 28-112mm - ok


Per il resto... si, belle caratteristiche, belle integrazioni tecnologiche... ma li vogliamo ingrandire 'sti sensori???
Commento # 2 di: CLAUDIO78 pubblicato il 29 Gennaio 2008, 12:18
sarebbe proprio bello un round-up con la Pentax K200D e magari anche con la Canon 400D, anche se appartiene alla generazione precedente. Ma a livello di prezzo siamo lì.
Commento # 3 di: merced pubblicato il 29 Gennaio 2008, 12:22
Peccato per la d60, è solo un refresh della d40x, speravo in qualcosa di innovativo in stile canon 450d.
Commento # 4 di: Andrea Bai pubblicato il 29 Gennaio 2008, 12:32
Originariamente inviato da: spetro
C'è qualcosa che non mi torna nelle focali equivalenti della serie S:

-S210: 3x 38-144mm - 38x3 fa 114

-S520: 3x 35-105mm - ok

-S550: 3x 36-180mm - 36x3 fa 108

-S600: 4x 28-112mm - ok


Per il resto... si, belle caratteristiche, belle integrazioni tecnologiche... ma li vogliamo ingrandire 'sti sensori???


In mezzo a questa marea di numeri mi sono scappati un paio di typo....corretto, grazie mille
Commento # 5 di: gerasimone pubblicato il 29 Gennaio 2008, 12:34
credo che la nikon abbia preferito creare una reflex molto facile da usare, con molti automatismi, piuttosto che una concorrente diretta della 450d. non chiedetemi il perchè, ma credo che abbiano fatto bene i loro conti
che ne sai magari adesso abbassano il presso della D80 e fanno competere quella con la 450d ahahahhahaha
link
Commento # 6 di: ^v3rsus pubblicato il 29 Gennaio 2008, 12:38
3 punti di messa a fuoco per la D60???Ma stiamo scherzardo o cosa? Spero sia un errore di battitura perchè altrimenti quì stiamo tornando indietro di 10 anni(controllato, è così, han mantenuto lo stesso AF della D40x ). Ok la corsa ai megapixel, ok le ottiche stabilizzate, ben vengano le innovazioni e l'ergonomia dei corpi macchina nikon ma questa mi sa dell'ennesima cappellata(dopo le d40x e le sue ottiche con controllo autofocus integrato) della Nikon sui corpi entry level
Commento # 7 di: merced pubblicato il 29 Gennaio 2008, 13:24
Originariamente inviato da: gerasimone
credo che la nikon abbia preferito creare una reflex molto facile da usare, con molti automatismi, piuttosto che una concorrente diretta della 450d. non chiedetemi il perchè, ma credo che abbiano fatto bene i loro conti
che ne sai magari adesso abbassano il presso della D80 e fanno competere quella con la 450d ahahahhahaha
link


peccato che seguendo i tempi del mercato uscirà una d90 a sostituire la mitica d80 entro fine anno e con ciò verrà tolta dal mercato... quindi con la 450d chi competerà a parità di prezzo? nessuno
Commento # 8 di: kralin pubblicato il 29 Gennaio 2008, 13:25
Originariamente inviato da: merced
Peccato per la d60, è solo un refresh della d40x, speravo in qualcosa di innovativo in stile canon 450d.


perchè cosa ha di innovativo la 450D?
ha cercato di copiare la concorrenza, ma non c'è una sola innovazione...
Commento # 9 di: merced pubblicato il 29 Gennaio 2008, 13:31
Originariamente inviato da: kralin
perchè cosa ha di innovativo la 450D?
ha cercato di copiare la concorrenza, ma non c'è una sola innovazione...


Forse tutto ciò che presenta come entry-level lo trovi in unafotocamera pro, ma se tu preferisci aggiornare le entry-level con l'aggiunta solamente dello sgrulla-polvere sei liberissimo... Io preferisco il convertitore 14bit, il DIGIC III, il liveview a contrasto, il mirino pentaspecchio con qualità prossime ai ben più blasonati pentaprisma, una raffica decorosa, e mi fermo quì, tu trovami qualcosa di nuovo che possa realmente fare la differenza sulla d60 rispetto alla d40x (e bada bene non ho detto che fanno schifo, ho solo detto che sono praticamente uguali senza evoluzioni nella propria fascia di mercato).
Commento # 10 di: ^v3rsus pubblicato il 29 Gennaio 2008, 14:04
Originariamente inviato da: kralin
perchè cosa ha di innovativo la 450D?
ha cercato di copiare la concorrenza, ma non c'è una sola innovazione...


Un mirino finalmente decente per la categoria (quello della 350-400d è un buco di serratura) che già giustificherebbe l'acquisto (bada bene, ho detto acquisto, non un passaggio da una 350-400d), un ergonomia decisamente migliorata (la 400d è ininmpugnabile senza battery-grip aggiunto), il tasto iso e la visualizzazione nel mirino dello stesso(sembra una cazzata ma con queste digitali sfruttabilissime fino ad 800 è davvero utile). Un autofocus del tutto nuovo(maggiore sensibilità e punti Af "nascosti" ereditato direttamente dalla sorellona 40d, la misurazione spot(fino ad ora riservata alla fascia "semi-pro"...Il liveview(utile nelle macro e per i principianti che voglion iniziare a scattare come sono abituati con le compattine), un bel display, un obiettivo in kit che per quello che costa è una spanna avanti al precedente "plasticotto" per quanto riguarda la qualità ottica e lo stabilizzatore(guadagno di 3stop "pieni" in ogni situazione)...Il tutto unito ad un prezzo tipicamente "canon" per la categoria entry level, Ti sembra poco???

In ogni caso parlare di "innovazione" nel settore delle reflex digitali è un parolone, dato che le maggiori case(e mi riferisco a tutte, senza alcuna preferenza o tifo) rilasciano le varie "funzioni" presenti da 10anni sulle reflex a pellicola col contagocce, per uno strano fenomeno chiamato MARKETING.
In ogni caso è scandaloso, come ho già scritto, vedere una reflex di produzione 2008 con soli tre punti autofocus e delle ottiche "dedicate" usabili solo su quel modello, un sensore AF a tre punti lo si è visto solo sulla canon D30 e D60(non 30d...mi raccomando) ma si parla della prima reflex digitale in assoluto prodotta da canon(e si sta parlando dell'anno 2000)...Saprai benissimo cosa voglion dire 8 anni di evoluzione nel settore elettronico-informatico...

P.S. ho avuto modo di vedere-provare la D300 sempre di Nikon (questo per far capire che non sono un Fanboy di questa o quella marca), quella si che è innovazione ma si parla di altri prezzi ed utilizzi
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »