La lente per scovare la polvere sul sensore delle reflex

La lente per scovare la polvere sul sensore delle reflex

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Una lente con led permette di 'dare un occhio' al sensore per capire se è arrivato il momento di pulirlo dalla polvere”

La polvere sul sensore delle fotocamere reflex ha da relativamente poco catturato l'attenzione di tutti i consumatori ed è diventato terreno di sfida tra i vari produttori sul sistema migliore per eliminarla. C'è chi fa vibrare il sensore, chi invece il filtro posto di fronte ad esso e chi infine ha posto un vetro a chiudere il bocchettone della reflex per eliminare il problema alla radice.

Del problema del sensore sporco ci si accorge solitamente fotografandoampie porzioni a colore uniforme (il cielo sereno per esempio), dove l'odiato pulviscolo appare sotto forma di puntini e aloni. Difficile però da una fotografia stabilire l'esatto stato del sensore e , soprattutto, se quest'ultimo necessita di una sessione di pulizia.

Alcune prove (una delle quali abbiamo riportato a questo indirizzo) hanno dimostrato la poca efficienza dei sitemi di pulizia 'on-board' che poco possono nei confronti delle particelle più tenaci; va considerato che i sensori (in particolare quelli del tipo CCD) subiscono una carica elettrostatica, un richiamo irresistibile per le particelle di pulviscolo. Per una pulizia più completa i metodi sono principalmente due: procedere con una pulizia fai-da-te con strumenti quali pennelli e tamponi imbevuti di solventi non dannosi; oppure portare la macchina in assistenza e far procedere un esperto alla pulizia.

Per ridurre al minimo il numero degli interventi, da un parte per i costi (nel secondo caso), dall'altra per la possibilità di rovinare la superficie del sensore (nel primo caso), è utile disporre di uno strumento che permetta di analizzare visivamente lo stato del sensore.

Diversi sono le soluzioni presentate negli anni dai diversi produttori, l'ultima in ordine cronologico arriva da VisibleDust, che ha presentato il SensorLoupe. In pratica non è altro che una lente di ingrandimento con dei led per illuminare la superficie del sensore, ma il produttore garantisce un trattamento della lente in modo da eliminare le aberrazioni e avere un'esatta idea della situazione. I led, poi, sono studiati in modo da aiutare l'individuazione della polvere, mettendo le particelle in maggiore evidenza.

Naturalmente il corpo della lente è studiato in modo da non fare entrare polvere, se no il rischio è quello di individaure la polvere all'interno del dispositivo e non quella sul sensore. L'oggetto in questione costa sul sito del produttore poco meno di 60 euro: al consumatore la scelta se investirli o se ingegnarsi con lenti e luci fai-da-te.

Nel caso il sensore risultasse effetivamente bisognoso di una bella pulita lo stesso produttore vende anche spatole, pennelli, tamponi e solventi adatti. Se no chi vuole può aspettare l'aspirapolvere del cui brevetto abbiamo parlato qui.


Commenti (16)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Paganetor pubblicato il 18 Maggio 2007, 08:53
ma basta con questi aggeggi! poi scusate, "il produttore garantisce un trattamento della lente in modo da eliminare le aberrazioni e avere un'esatta idea della situazione."

se non sei cieco la polvere la vedi (o, meglio, sai dov'è perchè te la ritrovi in certi punti delle foto)... e alla fine cosa ti suggeriscono, dopo aver regalato 60 euro a questi per la lente coi led? di spendere altri soldi per comprare i loro pennellini, liquidi e spazzoline

cos'è, ora oltre alla rincorsa ai megapixel c'è anche la rincorsa ai modi più sciocchi di buttare i soldi per fare una pseudo pulizia dei sensori?
Commento # 2 di: Crux_MM pubblicato il 18 Maggio 2007, 08:58
ALLA REDAZIONE!

"anche spatole, pennelli, tamponi e [soventi] adatti"

Piccolo errore soventi=solventi!
Commento # 3 di: Portocala pubblicato il 18 Maggio 2007, 09:17
è uscito il calzino per le fotocamere come per i cellulari

Commento # 4 di: danyroma80 pubblicato il 18 Maggio 2007, 09:24
Prendi una bacchetta di vetro, strofinala su di un panno di lana e poi passala in prossimità del sensore senza toccarlo: così facendo risucchi tutte le particelle di polvere utilizzando un campo elettrico superiore a quello del sensore stesso.
Commento # 5 di: Paganetor pubblicato il 18 Maggio 2007, 09:46
dany, però se le particelle non sono semplicemente appoggiate ma leggermente appiccicate non le stacchi...

senza contare che se per sbaglio tocchi qualcosa all'interno del corpo macchina parte un fulmine che rischia di seccare l'elettronica!
Commento # 6 di: S.Ferretti pubblicato il 18 Maggio 2007, 09:54
contando che la fotocamera un anno fa la comprai a quasi 300 euro... se anche spendo un po di assistenza ogni 2 anni per dargli una ripulita generale e controllare che sia a posto penso che ne valga la pena piuttosto che lenti e solventi dove rischi di far danni (e buttare i 300 neuri)
Commento # 7 di: bs82 pubblicato il 18 Maggio 2007, 10:47
il fatto è che la zona dove risiede il sensore dovrebbe ermetica e la polvere non ci dovrebbe entrare...
Commento # 8 di: joe4th pubblicato il 18 Maggio 2007, 10:50
non si puo' usare l'aria compressa?
Commento # 9 di: Paganetor pubblicato il 18 Maggio 2007, 11:00
Originariamente inviato da: bs82
il fatto è che la zona dove risiede il sensore dovrebbe ermetica e la polvere non ci dovrebbe entrare...


sì, ma così facendo avresti bisogno comunque di un "vetro" davanti per far passare la luce... e pure quel vetro può sporcarsi... certo, meglio di andare a ravanare il sensore e menate varie, ma per ogni vetro che metti tra il soggetto e il sensore decade un po' di più la qualità dell'imagine.

Originariamente inviato da: joe4th
non si puo' usare l'aria compressa?


sì, ma è meglio aspirare (porta via la polvere) che soffiare (la agita e, se ce n'è un po' dentro al corpo macchina che però NON è sul sensore, rischi addirittura di peggiorare la situazione)


stasera faccio le grandi pulizie alla mia: obiettivi (lente frontale e posteriore con cartine e solventi) e sensore (perettona da clistere! )
Commento # 10 di: facip pubblicato il 18 Maggio 2007, 11:25
Sul sensore è già posto un vetro speciale resistente ai graffi. E' sbagliato dire che si pulisce il sensore ..... quello che andate a strofinare con i sistemi di pulizia non è direttamente il sensore ma uno vetro (o altro materiale) protettivo.

Certo se lo graffiate sono dolori perchè non credo si possa sostituire .... ma almeno non è delicato come il sensore vero e proprio.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor