Il selfie del macaco manda in rovina il fotografo Slater: gli ultimi risvolti

Il selfie del macaco manda in rovina il fotografo Slater: gli ultimi risvolti

di Nino Grasso, pubblicata il

“Intervistato dal Guardian il fotografo David Slater ha ammesso di essere in ristrettezze economiche non potendo pagare neanche le tasse. È lo stesso diventato famoso per il "selfie del macaco"”


Commenti (48)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 11 di: kamon pubblicato il 17 Luglio 2017, 18:47
Che figli di p***ana... Incatenare al tribunale per tutto questo tempo un tizio onesto e fare di tutto per cercare di rovinarlo (è evidente che ha progettato lui lo scatto, il quale non sarebbe mai esistito se non fosse per lui) solo per far parlare di se... È questo il modo giusto di tutelare i diritti degli animali? Vermi.

Originariamente inviato da: ripsk
Grosso autogol e occasione mancata per la PETA, che invece ci fa una figura barbina.
Potevano semplicemente chiedere pubblicamente al fotografo di donare una percentuale del ricavo a favore della protezione dei macachi, e probabilmente il fotografo avrebbe accettato (in quanto decisamente buona pubblicità.


Sarebbe stata la cosa migliore, invece hanno mostrato il vero volto dell'organizzazione (o almeno uno dei volti, il peggiore).
Commento # 12 di: Bestio pubblicato il 17 Luglio 2017, 18:55
Originariamente inviato da: demon77
Faciamo in esempio del tutto identico:
Metto una bomba in stazione e tiro il filo del detonatore in una gabbia di scimmie.
La prima che schiaccia il bottone fa saltare la bomba e ammazza una trentina di passanti.

Chi sbatti in galera? Me o la scimmia che ha premuto il bottone?


Ho pensato alla stessa cosa...
Commento # 13 di: demon77 pubblicato il 17 Luglio 2017, 19:14
Originariamente inviato da: 21-5-73
A norma di legge te come mandante, istigatore e preparatore materiale dell' attentato. La scimmia invece non potrà essere condannata perchè incapace di intendere e di volere (nel senso tecnico dei termini) esattamente come non verrebbe condannato un essere umano se, appunto, totalmente incapace di intendere e volere.


Perfetto.
Quindi ribaltando il tutto sul caso del fotografo stai dando piena paternità della foto al fotografo. Come è ovvio che sia.
Commento # 14 di: GaryMitchell pubblicato il 17 Luglio 2017, 19:14
Questo non fa che confermare quanto siano marce e bacate nel cervello le associazioni animaliste e naturalmente di pari passo, quelle vegane.

Reggono in piedi le loro pseudo-fondamenta, sulle assurdita', sull'estremismo, sulle psicosi, sul delirio privo di basi scientifiche e di fonti, sulla violenza verbale, fisica e legale.
Commento # 15 di: Bello&Monello pubblicato il 17 Luglio 2017, 19:20
Già solo il pensare di dare dei diritti d'autore ad un animale mi fa capire che alla PETA "non c'hanno proprio un c@##o da fare"...

Quello che mi fa brutto in questa storia è come un'organizzazione che dovrebbe essere eticamente irreprensibile dia una così clamorosa dimostrazione di avarizia e insensibilità nei confronti di un essere umano...
Commento # 16 di: Alex294 pubblicato il 17 Luglio 2017, 19:31
Ehm..

Quindi se uso l'autoscatto i diritti sull'immagine sono della macchina fotografica??
Commento # 17 di: benderchetioffender pubblicato il 17 Luglio 2017, 19:33
Originariamente inviato da: Alex294
Quindi se uso l'autoscatto i diritti sull'immagine sono della macchina fotografica??


lol
Commento # 18 di: erfinestra pubblicato il 17 Luglio 2017, 19:39
Sicuri che il macaco non sia consapevole che si sta facendo un selfie? La sua espressione mi ricorda quella di tanti selfie "umani" che vedo online
p.s. mai fatto un selfie in vita mia
Commento # 19 di: 21-5-73 pubblicato il 17 Luglio 2017, 19:48
Originariamente inviato da: demon77
Perfetto.
Quindi ribaltando il tutto sul caso del fotografo stai dando piena paternità della foto al fotografo. Come è ovvio che sia.


Eh questo dipende da come se la giocano i rispettivi avvocati e da quanta "pubblicità" vuole farsi il giudice. Vedi nell' esempio che hai fatto tu è facile rispondere perchè il nostro ordinamento prevede espressamente che se un soggetto capace porta a commettere reato un soggetto incapace venga punito solo il primo, ma il caso del macaco è diverso (a parte che diverso è il sistema giuridico) perchè non vi è reato. Tra l' altro in Italia la domanda della Peta verrebbe verosimilmente rigettata in quando secondo me mancano le condizioni dell' azione.
Commento # 20 di: Doraneko pubblicato il 17 Luglio 2017, 20:09
I diritti d'autore dovrebbero essere sempre di chi concepisce l'opera e di chi la progetta, non di chi la realizza seguendo delle istruzioni. Altrimenti se un architetto progetta un palazzo, i diritti sono dei muratori che lo realizzano. Stessa cosa per ponti, monumenti ecc...Se progetto un pezzo o un prodotto di un qualche tipo e chiedo ad un'officina meccanica di realizzarmelo, i diritti sono dell'officina? Ecc...
Assurdo secondo me. Il fotografo comunque avrebbe potuto dire che lo scatto lo ha fatto lui facendolo sembrare un selfie...ma vai te a pensare che qualcuno possa tirarti su un tale casino!
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor