GPS Photo Finder: il geotagging si fa facile

GPS Photo Finder: il geotagging si fa facile

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Georiferire le proprie foto con l'APT GPS Photo Finder dovrebbe diventare più facile e non richiedere l'uso del PC”

Il numero di foto scattate, da quando le fotocamere digitali hanno invaso il mercato, è in costante aumento, e spesso si arriva al paradosso di trovare memorizzate immagini sulle schede di memoria senza ricordarsi dove siano state scattate.

I metadati possono venire in aiuto dicendoci l'ora dello scatto, ma è sempre più richiesto dagli utenti il geotagging delle foto, ossia l'inserimento all'interno dei dati che accompagnano l'immagine della posizione geografica dello scatto.

Ci sono diversi dispositivi che permettono di fare ciò: alcuni sono dei veri e propri accessori dedicati che operano direttamente in macchina al momento dello scatto, altri aggiungono la posizione in post-produzione sincronizzando, in base all'orario, le posizioni rilevate e gli scatti.

Questa seconda soluzione prevede solitamente l'uso di un PC e, a volte, incontra problemi di compatibilità dei sistemi. APT, con il suo GPS Photo Finder, si ripropone di eliminare proprio quest'ultimo problema, prescindendo dall'uso del PC.

In pratica il GPS Photo Finder è un ricevitore di segnali satellitari dotato di lettore di schede di memoria; inserendo il proprio supporto di memorizzazione i dati del GPS e delle foto vengono automaticamente sincronizzati. Per offrire la massima compatibilità, oltre allo slot MS/SD/MMC, il dispositivo offre anche una porta USB e può essere collegato a un card reader universale.

Le foto, dopo il geotagging, possono essere facilmente localizzate su una mappa con programmi come Picasa e Google Earth. Il dispositivo dovrebbe vedere il mercato nel primo trimestre del 2008.


Commenti (16)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: frankie pubblicato il 04 Gennaio 2008, 11:25
ma è lo stesso che utilizza a daily dose of imagery?

http://wvs.topleftpixel.com/
[daily dose of imagery]

a me sembrava che bastava registrare ora precisa su entrambi gli apparecchi e poi scattare e sincronizzare via sw
Commento # 2 di: Paganetor pubblicato il 04 Gennaio 2008, 11:32
giusto l'altro ieri ho visto il Sony a 79 euro: a mio parere è meglio....

http://www.sony.it/view/ShowArticle...;site=odw_it_IT
Commento # 3 di: claudegps pubblicato il 04 Gennaio 2008, 11:37
Mah... a cosa serve se uno lo puo' fare con uno dei tanti software per PC?
E soprattutto con i software per PC c'e' la possibilita' di correggere l'ora (la macchina fotografica potrebbe avere l'orologio impreciso).
Sarebbe interessante sapere se questo coso puo' farlo e se rende disponibile la traccia GPS registrata (in modo da poterla eventualmente riusare)
Commento # 4 di: Duncan pubblicato il 04 Gennaio 2008, 13:40
funziona anche sui raw?

tutti quelli che ho guardato funzionano sui JPG, invece sarebbe comodo che funzionassero sui raw, che è il formato che uso per l'archivio...
Commento # 5 di: Paganetor pubblicato il 04 Gennaio 2008, 13:45
tecnicamente anche nei raw ci sono gli exif, quindi (a rigor di logica) dovrebbe funzionare anche su quelli...
Commento # 6 di: kralin pubblicato il 04 Gennaio 2008, 13:49
utilissimo... come ho fatto finora senza?
Commento # 7 di: BitmaniaK pubblicato il 04 Gennaio 2008, 14:45
Beh in realtà mi sono trovato piu' di una volta nella necessità di capire dove avevo scattato quella foto.
Immaginate situazioni tipo 5000 foto di vacanze o di lavoro per sopralluoghi.. Poi ci sono software tipo Photoshop elements che mostrano la mappa del luogo della foto direttamente presa dai metadati o dalle info inserite dall'utente. E poi ci sarebbe quel software del laboratori microsoft che ricostruisce in 3d gli ambienti partendo da tante foto.
Commento # 8 di: Cybor069 pubblicato il 04 Gennaio 2008, 16:23
gpicsync

Sicuramente comodo per chi è pigro o non ha un palmare o smarphone con GPS, altrimenti c'è gpicsync che fa la stessa cosa su PC.

O perlomeno dovrebbe fare, dal momento che l'ho trovato cercando in rete, incuriosito dall'argomento.

Ovviamente dall'onnipresente..... http://code.google.com/p/gpicsync/ :-)

Per Duncan, su un forum si dice che lo faccia anche sui RAW.


Volevo aggiungere che mi ero scordato che non serve uno smarphone per loggare il GPS in quanto esiste GPS Track che funziona su qualsiasi cellulare che suporti il JM2E ed il BT

http://qcontinuum.org/gpstrack/

Quindi a questo punto, visto che i soft sopra sono gratuiti (Ed anche per Linux) basta un ricevitore GPS BT (Che si può utilizzare anche per altro) e si fa la stessa cosa.
Commento # 9 di: -ips- pubblicato il 04 Gennaio 2008, 16:56
Originariamente inviato da: Paganetor
giusto l'altro ieri ho visto il Sony a 79 euro: a mio parere è meglio....

http://www.sony.it/view/ShowArticle...;site=odw_it_IT

Sì? Ma online?
Commento # 10 di: SuperSandro pubblicato il 04 Gennaio 2008, 17:17
Bello senz'anima

1) Per bello, è bello (e anche utile)

2) Tuttavia...

...tuttavia, per la mia esperienza (ho due navigatori satellitari, uno è il Tom-Tom Italia, l'altro è su Treo 650), il problema è legato alla "disponibilità " dei satelliti. Con il navigatore te ne accorgi subito se è riuscito a collegarsi ai satelliti; ma con questi apparecchi - privi di schermi, nemmeno LCD (mi riferisco soprattutto al Sony) - come si fa a sapere se la connessione è attiva? Inoltre:

a) dove posizioni lo strumento? (in testa, magari sul cappellino?)
b) che fare nei luoghi dove non c'è ricezione? (non solo quando sei all'interno delle Piramidi, ma anche nei grattacieli oppure, meglio ancora, all'interno del Louvre?)
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor