Flickr conserva per 90 giorni le immagini degli account cancellati

Flickr conserva per 90 giorni le immagini degli account cancellati

di Fabio Boneschi, pubblicata il

“Flickr ha deciso di mantenere sui propri server per 90 giorni le immagini relative ad account cancellati. Zack Sheppard rispiega anche alcuni dettagli delle proprie condizioni d'uso che tutelano l'utente in modo più completo rispetto a certi concorrenti”

Buone notizie per gli utenti di Flickr, infatti Zack Sheppard - Senior Community Manager di Flickr - ha voluto fare il punto su alcune caratteristiche del servizio e su una novità decisamente utile per garantire la protezione delle proprie immagini. Flickr tiene a precisare che dopo il banale upload di un file vengono create varie copie del contenuto e dei metadati: per approfondimenti dedicati alla modalità di gestione del network di Flickr sono disponibili alcuni manuali.

Una novità recentemente comunicata da Flickr riguarda la conservazione dei dati per 90 giorni dalla chiusura di un account, quindi se per un qualsiasi motivo un utente decide di chiudere il proprio account Flickr avrà 90 giorni di tempo per ravvedersi e riaccedere così a tutti i propri contenuti: immagini, metadati e eventuali commenti.

Nel post di Zack Sheppard c'è poi un interessante finale che sembra essere un'invettiva contro i concorrenti: Flickr sottolinea il valore delle licenza Creative Common che affida all'utente la totalità dei diritti sulle proprie immagini, anche dopo averle pubblicate sul network e offre la possibilità di modulare i diritti d'uso in base alle specifiche esigenze. Consigliamo una rilettura attenta di questa pagina prima di pubblicare sul Web il proprio archivio fotografico.

Nell'ultimo periodo parecchi utenti hanno sollevato molte critiche nei confronti di Twitpic, e in particolare su questo passaggio delle condizioni d'uso: You retain all ownership rights to Content uploaded to Twitpic. However, by submitting Content to Twitpic, you hereby grant Twitpic a worldwide, non-exclusive, royalty-free, sublicenseable and transferable license to use, reproduce, distribute, prepare derivative works of, display, and perform the Content in connection with the Service and Twitpic's (and its successors' and affiliates') business, including without limitation for promoting and redistributing part or all of the Service (and derivative works thereof) in any media formats and through any media channels.

Circolano ad esempio online racconti di alcune immagini caricate da utenti, ad esempio relative a importanti calamità naturali, che Twitpic avrebbe reso disponibili a terze parti dietro pagamento. Insomma, ancora una volta un invito alla cautela e alla critica lettura dei termini di utilizzo dei servizi online ai quali con sempre più facilità accediamo. Qui altri utili consigli.


Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: RR2 pubblicato il 27 Maggio 2011, 11:54
"Circolano ad esempio online" il link è alla pagina dei termini d'uso di Twitpic.

Pubblicare qualcosa di interessante su internet e pensare che non sia possibile un suo uso non autorizzato secondo me è da sciocchi, al limite del "sperochelofaccianocosìpoichiedoidanni"
Finiscono illegalmente in rete film/software con alle spalle multinazionali e relativi avvocati, io che pubblico la foto di un incidente o la prova dell'esistenza degli ufo cosa penso? Che nessuno ne trarrà un guadagno? Se la pubblica un'agenzia coreana e da li tutto il mondo che faccio? Vado in Corea a chiedere i danni? Tanto al massimo tolgono la foto, ma ormai quando lo fanno la notizia è vecchia. Flick o altri ti tutelano? A si? Qui una storia tutta italiana.
Soluzioni? Non pubblicare su Flickr e simili, fare foto brutte , watermark seri o invasivi, scattare sempre in raw. Altro?
Commento # 2 di: Perseverance pubblicato il 27 Maggio 2011, 14:17
Bell'articolo che hai linkato, lo ripropongo http://smargiassi-michele.blogautor...ezza-del-pixel/

Commento # 3 di: Kasanova pubblicato il 27 Maggio 2011, 16:00
Va detto che intanto Flickr ti permette di specificare immediatamente il tipo di copyright.
Io lo uso principalmente per avere un backup sicuro delle mie foto e siccome non sono un professionista avrei soltanto soddisfazione a vedermele linkate in giro per la rete, tanto che la licenza con cui le pubblico è sempre e solo "Attribuzione, Non commerciale".
Per quanto riguarda i furti è vero, si ruba di tutto e pensare di esserne immuni è sciocco, ma se mi accorgo che una delle mie foto viene usata per scopi di lucro, al contrario di facebook o altri siti simili, ho la possibilità di dimostrare di avere l'immagine originale (con relativo raw) con una licenza ben specificata. Se a quel punto la vuoi o l'hai già usata, poi me la paghi.
E' così che sogno di comprarmi il Canon 70-200 2.8 II
BenQ Monitor