Flash invisibile grazie all'ultravioletto

Flash invisibile grazie all'ultravioletto

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Niente più occhi rossi e riflessi: ecco cosa promette una nuova tecnologia che utilizza flash a luce ultravioletta”

In fotografia ci sono filtri dedicati a limitare lo spettro di frequenze in arrivo verso l'elemento sensibile, sia esso un sensore elettronico o una pellicola, tagliando rispettivamente le frequenze dell'ultravioletto e quelle dell'infrarosso. Per quanto riguarda queste ultime è necessario posizionare un apposito filtro tra la lente e l'elemento sensibile, le prime sono solitamente fermate in buona parte dalle lenti stesse che costituiscono l'obiettivo, per la loro costruzione in vetro; in ogni caso per effettuare un taglio più netto e preciso i produttori utilizzano anche in questo caso filtri appositi.

Se la fotografia all'infrarosso, tramite la rimozione del filtro e l'uso di elementi sensibili modificati fa parte ormai della storia della fotografia, l'utilizzo della luce ultravioletta è una campo tutto da esplorare. Interessante la direzione presa da Dilip Krishnan e Rob Fergus della New York University, che hanno studiato un particolare metodo per evitare il fenomeno degli occhi rossi o chiusi e dei riflessi nella fotografia di persone con il flash.

Utilizzando un flash ultravioletto e rimuovendo il filtro UV i due ricercatori hanno messo a punto una tecnica che permette di utilizzare un flash invisibile alle persone fotografate. L'immagine ripresa con questa tecnica è però caratterizzata da un bilanciamento colore diverso da quello a cui siamo abituati, risultando più simile a un negativo, per cui la tecnica consiste nel scattare una seconda foto da cui la macchina ricava le informazioni sui colori, che vengono poi fuse con la prima immagine per creare un ritratto senza riflessi o occhi rossi. La fotocamera dovrebbe quindi restituire immagini corrette anche in quelle situazioni in cui la fredda luce dei normali flash falsa pesantemente l'equilibrio dello scatto.

Questo è quanto al momento riporta una delle fonti in rete, Engadget, specificando che il lavoro completo dei due ricercatori sarà presentato in agosto. Attendiamo quella data per avere dettagli più precisi in merito alla tecnologia e alle frequenze utilizzate, qualcuno infatti potrebbe essere preoccupato di abbronzarsi troppo dopo una lunga seduta di fotografia di ritratto all'UV. Scherzi a parte siamo curiosi di avere tutti i dettagli della nuova tecnologie, comprese le possibilità di impiego commerciale a breve termine.


Commenti (40)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Horizont pubblicato il 21 Luglio 2009, 10:30
niente più riflessi e occhi rossi

più cancro alla pelle per tutti
Commento # 2 di: Roman91 pubblicato il 21 Luglio 2009, 10:33
XDXD evvai!!!
Commento # 3 di: Opteranium pubblicato il 21 Luglio 2009, 10:35
macchè UV, voglio i raggi X...!!

per scopi "scientifici", si intende
Commento # 4 di: Fly[] pubblicato il 21 Luglio 2009, 10:39
:O

what a fantastic discovery!
Commento # 5 di: ciop71 pubblicato il 21 Luglio 2009, 10:45
Due foto per avere un corretto bilanciamento del bianco...e se il soggetto si sposta? La seconda foto verrebbe scattata senza flash e quindi probabilmente con tempi più lunghi, non mi convince questa cosa.
Imho ci dovranno lavorare sopra ancora molto.
Commento # 6 di: Wonder pubblicato il 21 Luglio 2009, 10:47
Falsh o UV direi che sta foto è brutta lo stesso. Il soggetto poi non ne parliamo
Commento # 7 di: Horizont pubblicato il 21 Luglio 2009, 10:49
Originariamente inviato da: Wonder
Falsh o UV direi che sta foto è brutta lo stesso. Il soggetto poi non ne parliamo


ahahahaha
Commento # 8 di: Iro Suraci pubblicato il 21 Luglio 2009, 10:57
@opteranium

per i "raggi X" basta un buon illuminatore infrarosso e la rimozione del filtro anti IR dalla macchina, infatti gli IR sono soliti essere in grado di penetrare abbastanza i vestiti leggeri e di poter rendere discretmente i dettagli di quanto sotto...documentati e vedrai appagate le tue curiosità "scientifiche"
Commento # 9 di: drn74 pubblicato il 21 Luglio 2009, 11:05
bhe ti abbronzi almeno
Commento # 10 di: Puddus pubblicato il 21 Luglio 2009, 11:14
certo, solo che se rimuovi il filtro IR dal sensore.... Ti dico che razza di foto vengono di giorno!

Edit:
in effetti parla di filtro UV, comunque non sono convinto.
Nell'ingrandimento il "modello" ha la pupilla parecchio dilatata, per cui una discreta fonte luminosa ci doveva essere...
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor