Ecco come sviluppare una foto scattata con iPhone con un ingranditore e vere pellicole

Ecco come sviluppare una foto scattata con iPhone con un ingranditore e vere pellicole

di Redazione, pubblicata il

“Un fotografo inglese, sostituendo il negativo con il proprio smartphone, sviluppa le foto catturate con il telefono con i classici metodi della camera oscura”

La fotografia digitale ha ormai preso il sopravvento su quella analogica ed ormai le tecnologie si sono evolute ad un punto tale che molti smartphone permettono di scattare fotografie di buona qualità e di mostrarle su display ad alta risoluzione. Sono molti però gli appassionati che tentano nelle maniere più diverse di unire il mondo del digitale con le più classiche tecniche analogiche.

Solamente pochi giorni fa vi abbiamo mostrato Instalab, il piccolo prodotto marchiato Impossible Project in grado di stampare le foto scattate con iPhone; oggi vi mostriamo il progetto di un fotografo inglese per stampare in camera oscura le foto scattate con il proprio iPhone.

Adam Rhoades, questo il nome del fotografo in questione, utilizza per stampare le fotografie scattate con il proprio smartphone, tutti gli strumenti della classica camera oscura con l’eccezione che sostituisce al negativo un iPhone dotato del cosiddetto display retina.

Il processo di stampa è infatti del tutto analogo a quello analogico: Rhoades inserisce nell’ingranditore l’iPhone mentre il display mostra la fotografia opportunamente capovolta ed invertita nei colori, a questo punto tramite l’ingranditore viene impressionata la carta fotosensibile che poi viene da tradizione fatta passare in sviluppo, arresto e fissaggio.

Rhoades stampa le immagini in bianco e nero, gli effetti di vignettatura visibili nelle sue stampe sono dovuti alle imperfezioni del sistema adottato ed alla non perfettamente omogenea retroilluminazione del display dell’iPhone. Si potrebbe forse pensare ad un cerchio che si apre con il sensore che cattura la luce e si chiude con il ritorno alla carta fotosensibile se non fosse che Rhoades, per pubblicare le immagini appartenenti a questo progetto sulla sua pagina di Flickr naturalmente è costretto a trasformarle nuovamente in un file digitale con tanto di watermark.


Commenti (72)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Mith89 pubblicato il 10 Ottobre 2012, 08:24
se cercava battere il recordo del gadged più inutile di tutti direi che ce l'ha fatta
Commento # 2 di: gd350turbo pubblicato il 10 Ottobre 2012, 08:33
Originariamente inviato da: Mith89
se cercava battere il recordo del gadged più inutile di tutti direi che ce l'ha fatta


Mi hai battuto sul tempo !
Stavo per scrivere la stessa cosa !!!

L'inutilità dell'inutile materializzata in un oggetto inutile, non è poi cosa facile da fare !
Commento # 3 di: threnino pubblicato il 10 Ottobre 2012, 08:53
Non bastava instagram a rovinare le foto, ora abbiamo pure un oggetto inutile che in più consuma pellicole fotografiche
Commento # 4 di: demon77 pubblicato il 10 Ottobre 2012, 09:31
NOTEVOLE!
..notevole boiata!!!!


Cioè.. tante menate e sbattimenti per fare a mano ciò che puoi fare in full auto con il primo instagram di bassa lega che ti passa per le mani?? Ma LOL
Commento # 5 di: recoil pubblicato il 10 Ottobre 2012, 09:40
inutile perché se ti appassiona l'idea di lavorare in camera oscura non vedo per quale motivo dovresti scattare le foto con un telefono
pigliati una buona reflex a pellicola e divertiti con quella...
Commento # 6 di: pin-head pubblicato il 10 Ottobre 2012, 09:42
non avete capito, che c'entra instagram?
L'ingranditore serve, appunto, a fare stampe. Magari su carta baritata, o simili - evitando di comprare una stampante.

se non sapete cosa farci
è perché non ci arrivate.
Commento # 7 di: emanuele83 pubblicato il 10 Ottobre 2012, 09:45
Fantastico: scatti in digitale, con un sensore merdoso e l'ottica pessima di un telefonino, applichi filtri che falsano l'immagine (instagram?) proietti l'immagine dallo schermo del telefonino perdendo risoluzione, integri tremite vetro e lente per impressionare una carta fotografica nemmeno ben stesa sul piano (guardare la foto) poi la foto stampata la scannerizzi o magari, per risparmiare tempo, la fotografi con una reflex (o con il melafonino di nuovo) per postarla su internet

Cioè, fig4 (come si dice dalle mie parti), va bene che l'entropia dell'universo aumenta sempre, ma qui si scende nel ridicolo.

A questi ca$$o di hipster (non sapete cosa siano? --> definizione di Hisper) la fantasia gli galopperà veloce, ma è l'idiozia che taglia il traguardo....
Commento # 8 di: pin-head pubblicato il 10 Ottobre 2012, 09:50
Originariamente inviato da: emanuele83
Fantastico: scatti in digitale, con un sensore merdoso e l'ottica pessima di un telefonino, applichi filtri che falsano l'immagine (instagram?) proietti l'immagine dallo schermo del telefonino perdendo risoluzione, integri tremite vetro e lente per impressionare una carta fotografica nemmeno ben stesa sul piano (guardare la foto) poi la foto stampata la scannerizzi o magari, per risparmiare tempo, la fotografi con una reflex (o con il melafonino di nuovo) per postarla su internet

Cioè, fig4 (come si dice dalle mie parti), va bene che l'entropia dell'universo aumenta sempre, ma qui si scende nel ridicolo.

A questi ca$$o di hipster (non sapete cosa siano? --> definizione di Hisper) la fantasia gli galopperà veloce, ma è l'idiozia che taglia il traguardo....


certo, perché secondo te la foto dell'articolo e le sue altre stampe su flickr sono scattate con il cellulare?

la fantasia galopperà veloce e la fantasia taglierà il traguardo, ma anche il qualunquismo e il pressapochismo non scherzano affatto.
Commento # 9 di: demon77 pubblicato il 10 Ottobre 2012, 09:53
Originariamente inviato da: pin-head
non avete capito, che c'entra instagram?
L'ingranditore serve, appunto, a fare stampe. Magari su carta baritata, o simili - evitando di comprare una stampante.

se non sapete cosa farci
è perché non ci arrivate.


No ti prego.. NON PUOI DIRE SUL SERIO!!!!!
Ma che cavolata è??? Evitando di comprare una stampante!?!?!
Faccio UNA INTERA CAMERA OSCURA CON INGRANDITORE per fare il pirla col telefonino!?!?!?

Abbi pazienza.. ma armato di qualsivoglia sistema di ripresa digitale (dal cell alla reflex) posso fare col pc qualsiasi effetto e miglioria o stilizzazione di sorta.. e quando sono soddisfatto lo prendo e per pochi euro posso avere STAMPE SU QUELLO CHE VOGLIO in un buon centro stampe.

Ti giuro che non sono mai stato così felice di "non arrivarci"
Commento # 10 di: emanuele83 pubblicato il 10 Ottobre 2012, 09:55
Originariamente inviato da: pin-head
certo, perché secondo te la foto dell'articolo e le sue altre stampe su flickr sono scattate con il cellulare?

la fantasia galopperà veloce e la fantasia taglierà il traguardo, ma anche il qualunquismo e il pressapochismo non scherzano affatto.


ma tu lo hai letto l'articolo? hai visto le foto scattate con il telefonino e sviluppate in questo modo su flickr?

la foto dell'articolo è quihttp://www.flickr.com/photos/adamrhoades/8062826254/in/photostream/
The image is created by mounting an iPhone on top of a 35mm enlarger equipped with a 50mm lens, it can be enlarged and focused as with a 35mm negative. When using a grain focuser, instead of grain, the individual reg green and blue pixels of the screen can be seen in detail.

I've kept digital manipulation to a minimum on the phone, only flipping the image and then enabling the 'Invert Colours' option in the accessibility settings to provide what is essentially a 'Digital Negative'

Dramatic vignetting can be seen in the prints, this is partially because of limitations of the rig and the slight darkness of the iPhone screen in the corners. Results vary depending on the size and contrast of the image
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor