Compatte Sony serie W e S950

Compatte Sony serie W e S950

di Matteo Cervo, pubblicata il

“Sony rinnova la gamma 2009 delle compatte con le W210, W220 e S950”

Per chi si approccia da neofita alla fotografia, Sony propone la S950: una fotocamera compatta della serie Cyber Shot che monta un sensore CCD HAD 1/2,3" da 10,1 Mp effettivi.

La S950 è corredata da una lente zoom Sony 4x, della quale va purtroppo sottolineata la focale grandangolare di soli 33 mm equivalenti. La stabilizzazione di immagine avviene tramite algoritmo di tracking dei pixel registrati e sempre a livello software, diversi algoritmi concorrono ad automatizzare le impostazioni di scatto.

Dietro lo schermo lcd da 2,7" agiscono funzioni quali il face detection e la ripresa ad alta sensibilità (3200 ISO). Le modalità di ripresa sono ridotte a 6 per facilitare le operazioni di scatto senza perdere tempo all'interno di menù altrimenti elaborati. Uno tra gli accessori interessanti proposti per la S950 è l'unità GPS-CS3KA che consente di aggiungere dati geotag alle foto scattate.

Per chi vuole andare oltre, la serie W si arricchisce dei modelli W210 e W220: le differenze tra le due sono minime e le caratteristiche di spicco vedono una lente zoom Zeiss Vario-Tessar 4x ed un sensore CCD HAD da 12 Mp effettivi. La stabilizzazione è ancora digitale nel modello W210 mentre la W220 acquista la stabilizzazione meccanica dell'ottica.

Se la S950 supportava schede di memoria SD, le due W adottano lo standard Sony costituito da Memory Stick, nell'immagine sottostante è visibile il modello W210 con pannellino di accesso batteria e scheda in posizione aperta.

Oltre alle funzionalità software adottate dalla S950, entrambi i modelli W adottano il sistema Intelligent Scene Recognition che consente alla fotocamera di impostare in maniera ottimale i parametri di scatto in quelle situazioni altrimenti difficili come il controluce e ritratto al tramonto. L'autonomia delle tre fotocamere vede al primo posto la W220 con 430 scatti, seguono W210 ed S950, rispettivamente con 370 e 330 scatti.


Commenti (8)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: tmx pubblicato il 09 Gennaio 2009, 08:51
le compatte mi sembrano tutte uguali, da un pò di tempo: sembrano tutte scatolette d'alluminio per caramelle con gli spigoli arrotondati e la superficie passata con la cartavetro... aggiungono MP e allargano lo schermo: fine.

...se a questo CES non esce niente di interessante sul fronte compatte CORRO a comprare la lumix LX3 che è l'unica che mi sfagiola (anche se è caruccia).
Commento # 2 di: SK8R1 pubblicato il 09 Gennaio 2009, 10:28
uff la sony potrebbe anche smettere di continuare ad usare ste memory stick... che poi hai bisogno di adattatori da portarti dietro... che si decida ad usare SD e bella finita...
Commento # 3 di: lucasantu pubblicato il 09 Gennaio 2009, 10:53
orripilante l'ottica .
33mm fa semplicemente schifo in un'epoca dove almeno un 28mm ci dovrebbe stare...
Commento # 4 di: Bisont pubblicato il 09 Gennaio 2009, 11:11
non per forza un 33mm è un problema, magari il prezzo è un fattore da tenere in considerazione, una W130 costa 130 euro...mica 300....

ma poi almeno per me che uso il 24-85mm sulla 40D, quindi angolo di visione di un 40mm, non trovo eccessivi problemi di dimensione, è proprio necessario pretendere un 28mm? Succede sempre che non potete fare un passo indietro? Far spostare un'amico, fare una panoramica, trovare un nuovo punto di vista, etc.. di soluzioni ce ne sono... e sono tutte piuttosto economiche
Commento # 5 di: Xile pubblicato il 09 Gennaio 2009, 12:50
Ué mica tutti siamo professionisti, queste sono macchine adatte a chi fa le foto durante le vacanze o quando si sta con gli amici.
Commento # 6 di: tommy781 pubblicato il 09 Gennaio 2009, 15:05
il bello dell'articolo è che parla di 33mm come grandangolare scarso...ma ci rendiamo conto che fino a pochi anni fa il 50mm era il normale e qualsiasi obiettivo inferiore era un grandangolo??? oggi sembra che solo dai 28mm lo sia quando non è vero, qualunque obiettivo inferiore ai 50mm riprende un angolo magiore di quello umano e quindi è un grandangolo a tutti gli effetti.
Commento # 7 di: avvelenato pubblicato il 09 Gennaio 2009, 21:37
Originariamente inviato da: Bisont
non per forza un 33mm è un problema, magari il prezzo è un fattore da tenere in considerazione, una W130 costa 130 euro...mica 300....

ma poi almeno per me che uso il 24-85mm sulla 40D, quindi angolo di visione di un 40mm, non trovo eccessivi problemi di dimensione, è proprio necessario pretendere un 28mm? Succede sempre che non potete fare un passo indietro? Far spostare un'amico, fare una panoramica, trovare un nuovo punto di vista, etc.. di soluzioni ce ne sono... e sono tutte piuttosto economiche


si ma se usi la compattina per autoscattare i limoni, ti assicuro che 28mm fanno comodo
Commento # 8 di: Lud von Pipper pubblicato il 10 Gennaio 2009, 00:04
Si parla di un "33mm equivlente", e date le dimensioni della lente e del sensore direi che è una lente gia molto spinta.
Certi grandangoli sono magari più ampi, ma poi gli effetti di distorsione a cscino e di aberrazione diventano intollerabili.
BenQ Monitor