Canon presenta la nuova ammiraglia sportiva Eos 1D Mark IV

Canon presenta la nuova ammiraglia sportiva Eos 1D Mark IV

di Matteo Cervo, pubblicata il

“Canon Eos 1D Mark IV rinnova la serie professionale puntando a velocità, qualità ed espansione della sensibilità con un ottimo contenimento del rumore”

Precedentemente alla presentazione della Eos 7D circolava già la voce di una anteprima della futura ammiraglia sportiva di casa bianco rossa. Si vociferava di sensore APS-H, specchio fisso ed elevati valori ISO. Gli addetti del settore si aspettavano un primo incontro in concomitanza dei prossimi Giochi Invernali ma Canon ha anticipato questo evento sportivo, che sarà il vero banco prova della nuova Canon Eos 1D Mark IV, con una presentazione avvenuta ieri mattina in centro Milano.

Le caratteristiche solo immaginate hanno trovato parziale riscontro nella realtà che si concretizza in un corpo macchina tropicalizzato dotato di due processori DiGiC IV che assolvono le operazioni di processing delle informazioni raccolte da un nuovo sensore APS-H da 16 Mp attraverso un read out a 8 canali con conversione a 14 bit. Canon Eos 1D Mark IV è una fotocamera dedicata alla fotografia di azione: sportiva, naturalistica, cronaca; ecco perché le velocità sono ai massimi livelli con 10 scatti al secondo e raffiche da 126 fotogrammi consecutivi in Jpeg e 28 fotogrammi in raw. Se pensiamo all'aumento di risoluzione e agli algoritmi che andremo ad illustrare, Canon ha migliorato del 50% la velocità operativa della serie 1 rispetto al modello Mark III.

Il nuovo sensore vede l'adozione di un elettronica di gestione del CMOS dagli ingombri ridotti, fattore che ha permesso di raggiungere un pixel size di 57 micrometri quadrati, aumentare il numero di fotodiodi a parità di superficie e nel contempo massimizzare tramite tecnologia gapless, la superficie sensibile alla luce.

I tecnici Canon ci hanno assicurato che la sensibilità dei singoli fotodiodi è stata incrementata ponendo attenzione al rapporto segnale rumore, spingendo così la sensibilità di lavoro da 100 ISO a 25.600 ISO, con ulteriori espansioni a 50 ISO e 102.400 ISO. Possiamo assicurare che le immagini di sample visionate durante la conferenza offrono un ottima qualità ed un bassissimo rumore. Grazie al nuovo sensore e all'adozione del doppio processore DiGiC IV Canon Eos 1D Mark IV guadagna due stop nella pulizia immagine rispetto al modello precedente.

Niente specchio fisso ma un sistema autofocus che spinge la serie Eos 1D verso nuovi traguardi: si tratta infatti di un modulo AF a 45 punti di messa a fuoco di cui 39 cross type sensibili sia a F/2,8 che F/4. Il sistema di tracking predittivo è stato migliorato fino al punto da presentare uno scarto minimo tra la traiettoria del soggetto e la capacità di inseguimento dell'ottica che in proporzione fa sembrare un giocattolo la vecchia Eos 1D Mark III.

Così come sulla Eos 7D, anche la nuova ammiraglia permette di espandere e personalizzare le modalità di lavoro del sistema AF proponendo un approccio modulare che consente di scegliere il singolo punto di messa a fuoco spot, l'area di assistenza allargata, il sistema a zone e la priorità allo scatto oppure all'inseguimento con ulteriori funzioni attivabili per le immagini riprese durante le raffiche. È possibile sfruttare la memoria del punto di fuoco passando da inquadratura orizzontale a verticale e viceversa.

Le esigenze del mercato fotografico vogliono fotografie pronte alla pubblicazione e alla stampa pochi minuti dopo lo scatto stesso, questa esigenza ha spinto Canon a dare maggiore libertà creativa ai Picture Style che permettono di produrre fotografie cui viene applicata una determinata gestione  cromatica delle curve e un determinato sharpening che rendono la foto pronta per essere utilizzata già al momento dello scatto.

Le immagini prodotte da fotocamere Eos sono sempre state morbide, lasciando alla postproduzione la possibilità di dare maggiore contrasto alla scena, ora le impostazioni di nitidezza presenti sulla Eos 1D Mark IV al valore 3 corrispondono al valore 5 presente sulla Eos 1D Mark III. Canon Eos 1D Mark IV è la prima serie 1 che propone il sistema ALO (Auto Light Optimizer) su quattro livelli che fin'ora abbiamo sempre visto sui modelli prosumer.

Il doppio processore DiGiC IV permette di integrare all'interno della Eos 1D Mark IV la ripresa video FHD 1980x1080p a 30, 25, 24 fps e video HD 1080x720p a 60 e 50 fps. Il frame rate variabile e le impostazioni di ripresa gestibili sia in automatismo che manualmente permettono riprese di qualità cinematografica. I sistemi di controllo immagine come i Picture style, bilanciamento del bianco e sensibilità possono essere utilizzati liberamente anche durante la ripresa video. Ora i microfoni integrati nel corpo macchina sono due: uno posteriore per inserire le note vocali dell'utente ed uno frontale per la ripresa audio del girato, è presente la presa jack per microfono stereo esterno.

Canon Eos 1D Mark IV ci è stata mostrata in anteprima come modello pre-produzione, non abbiamo potuto quindi scattare immagini con la fotocamera, nè ci è stata data possibilità di divulgare le immagini sample che abbiamo visto, possiamo affermare però che il livello di nitidezza e dettaglio offerti sono veramente impressionanti. La carrellata di funzioni che abbiamo illustrato non esaurisce ciò che viene offerto da questo apparecchio professionale, giusto per dare un idea di dove potrà spingersi il professionista citiamo la possibilità di sincronizzare tra loro fino a 10 fotocamere con un offset regolabile di esposizione per eseguire scatti multipli tramite adattatore wi-fi.

La distribuzione di Eos 1D Mark IV è prevista per la fine di novembre ma i prossimi giochi invernali hanno già praticamente saturato la disponibilità dei modelli che sono attualmente in produzione.I tecnici del Canon Professional Service stimano un effettiva disponibilità sui banchi dei negozianti per gennaio, febbraio 2010. Il prezzo ivato consigliato al pubblico è di 5.085 euro.

 


Commenti (29)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: thesaggio pubblicato il 21 Ottobre 2009, 08:40
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Grazie al nuovo sensore e all'adozione del doppio processore DiGiC IV Canon Eos 1D Mark IV guadagna [B][SIZE="5"]DUE STOP[/SIZE][/B] nella pulizia immagine rispetto al modello precedente





Se questa ed altre affermazioni (di una recensione che a tratti sembra forse più vicina ad uno "spot Canon" fossero confermate, beh il salto rispetto al modello precedente sarebbe davvero consistente (ovviamente consistente è anche il prezzo per una macchina dedicata neppure a tutti ma a una parte ben definita di professionisti)
Commento # 2 di: cagnaluia pubblicato il 21 Ottobre 2009, 08:43
ma è il processore che li fa guadagnare?
Commento # 3 di: Paganetor pubblicato il 21 Ottobre 2009, 08:49
che bestia... a me già la 40D sembra veloce!
Commento # 4 di: DUDA pubblicato il 21 Ottobre 2009, 08:50
Diobò che ferro ...sbaglio o a prezzo lancio (sempre in forma teorica ovviamente) vien via a meno che la Nikon D3s?
Commento # 5 di: (IH)Patriota pubblicato il 21 Ottobre 2009, 09:09
Originariamente inviato da: cagnaluia
ma è il processore che li fa guadagnare?


Si , stessa cosa che succede sulla 5DmkII Vs 1DsmkIII , che è successo con la 50D vs. 40D (e vedremo con i 18Mpix della 7D ) , JPG in macchina piu' puliti ma RAW uguali (o peggiori se la densita' è aumentata).

Il digic IV riduce il rumore di 2 stop (insieme ovviamente ai dettagli) anche se un boost in piu' con i 6Mpix dovrebbe comunque restare , si passa dai 6Mpix equivalenti aps-c ai 9,5Mpix sempre equivalenti aps-c.

Tecnicamente quindi una resa superiore dovrebbe esserci andando a sfruttare ancora un po' i vetri , con piu' evidenza a bassi ISO e meno ad alti ISO.

Un cartezza è "file piu' pesanti per tutti" e contando che è rivolta agli sportivi portarsi a casa una marea di roba piu' pesante non è sempre il massimo (anche se hanno implementato un doppio sRAW medio e piccolo che potrebbe risolvere).

Io mi tengo la mia MK3 non fosse altro che preferisco il FF e quindi mi prendero' una seconda 1ds3 quando uscira' la DsmkIV.

Ciauz
Pat

Ciauz
Pat
Commento # 6 di: street pubblicato il 21 Ottobre 2009, 09:11
Si vabbè "due stop guadaqnati nella pulizia immagine" vuol dire tutto e niente, se si mangia i bordi o appiattisce la profondità dello scatto.

Anche perchè se è per via del processore on-camera vuol dire che il sensore in questo poco migliorerebbe.
Commento # 7 di: Paganetor pubblicato il 21 Ottobre 2009, 09:21
il sensore è "nuovo", quindi credo sia un mix tra sensore migliorato e i due digic IV che "elaborano" meglio il file in uscita...
Commento # 8 di: thesaggio pubblicato il 21 Ottobre 2009, 09:24
Originariamente inviato da: street
Si vabbè "due stop guadaqnati nella pulizia immagine" vuol dire tutto e niente, se si mangia i bordi o appiattisce la profondità dello scatto.

Anche perchè se è per via del processore on-camera vuol dire che il sensore in questo poco migliorerebbe.


Concordo.

Infatti le "altre affermazioni" insieme a questa dei 2 stop a cui mi riferivo (e che bisognerà vedere se saranno confermate) sono ad es:

Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Canon Eos 1D Mark IV ci è stata mostrata in anteprima come modello pre-produzione, non abbiamo potuto quindi scattare immagini con la fotocamera, nè ci è stata data possibilità di divulgare le immagini sample che abbiamo visto, possiamo affermare però che il livello di nitidezza e dettaglio offerti sono veramente impressionanti


A che valori iso?

Obiettivi usati?
Commento # 9 di: (IH)Patriota pubblicato il 21 Ottobre 2009, 09:27
A me questa del sensore "nuovo" , delle microlenti gapless mi convince mica tanto.

I fotositi sono il 30% piu' piccoli , la densita' è aumentata , il digic IV abbiamo visto sulla 50D e 5DmkII come lavora (a 3200ISO il 21Mpix della 5DII ha lo stesso dettaglio della D3 da 12Mpix).

Ad alti ISO la piallata piu' che probabile è certa , resta un vantaggio indiscutibile a bassi ISO anche se ci avviciniamo al limite.

Ciao Paga

Pat
Commento # 10 di: Balzy pubblicato il 21 Ottobre 2009, 09:33
Originariamente inviato da: DUDA
Cicciapanza che ferro ...sbaglio o a prezzo lancio (sempre in forma teorica ovviamente) vien via a meno che la Nikon D3s?


Se non bestemmiamo magari ci facciamo un favore

Comunque veramente notevole.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor