Canon ottiene brevetto per sensori CMOS retroilluminati APS-C e Full Frame

Canon ottiene brevetto per sensori CMOS retroilluminati APS-C e Full Frame

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Canon ottiene due brevetti in materia di sensori CMOS BSI retroilluminati di grande formato: APS-C e Full Frame”

I sensori CMOS retroilluminati sono stati nell'ultimo periodo una delle innovazioni più tangibili introdotte nel mondo delle compatte: i CMOS BSI hanno una costruzione ribaltata rispetto ai sensori di tipo classico e vedono lo strato sensibile alla luce più vicino alla superficie e non coperto in parte dalla circuiteria.

Per ora questa tecnologia è stata applicata solo ai sensori di piccolo formato, tra cui cellulari e fotocamere compatte. Canon potrebbe però essere la prima a portare i CMOS retroilluminati nei formati APS-C e Full Frame.

Nei giorni scorsi Canon ha ottenuto un brevetto proprio su questa materia. In particolare il brevetto Canon copre alcune tecnologie relative ai circuiti periferici, alla connessione a una fonte di energia e ai relativi parametri di resistenza e voltaggio.

Al momento non è noto se la tecnologia sia già in produzione e possa sbarcare a breve sulle reflex del produttore nipponico (ad esempio la misteriosa reflex avvistata in Kenya) oppure se sarà necessario attendere molto di più per capirne il destino.


Commenti (13)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: demon77 pubblicato il 24 Gennaio 2012, 10:50
ALLELUJA!!!

Questo vuol dire che nei prosimi anni usciranno reflex ed evil con prestazioni migliori a livello di sensibilità e di qulaità globale.

Speriamo che anche la nuova tendenza "basta con la corsa al megapixel" si faccia sentire.
Commento # 2 di: Parappaman pubblicato il 24 Gennaio 2012, 11:41
Personalmente la vedo come una cosa MOLTO negativa invece: hanno brevettato una tecnologia già presente e di largo uso, solo in un nuovo formato, il che vuol dire che non ci sarà concorrenza tra le varie case produttrici nel campo degli eventuali futuri sensori BSI-CMOS di grandi dimensioni, ma solo Canon li avrà. Poi c'è da dire che i vantaggi pratici sono stati finora sfruttati dai produttori proprio per incrementare il numero di pixel per superficie... le vere novità (legate all'abbandono del pattern Bayer nei sensori, e nella Pro 1 anche al filtro anti-alias) ultimamente sono solo in casa Fuji
Commento # 3 di: sbaffo pubblicato il 24 Gennaio 2012, 12:17
ho molto sentito parlare dei nuovi BSI sulle compatte ma non sono aggiornato con le prove sul campo, danno veramente dei vantaggi tangibili in pratica? o è più teoria (e marketing)?
Commento # 4 di: demon77 pubblicato il 24 Gennaio 2012, 12:18
mmmm...
messa così non ci avevo pensato..
Commento # 5 di: tuttodigitale pubblicato il 24 Gennaio 2012, 12:43
Originariamente inviato da: sbaffo
ho molto sentito parlare dei nuovi BSI sulle compatte ma non sono aggiornato con le prove sul campo, danno veramente dei vantaggi tangibili in pratica? o è più teoria (e marketing)?


Vantaggi tangibili? Riduzione del costo di produzione. I CCD restano superiori. Non resta che attendere la fuji x10 per tirare le conclusioni.
Commento # 6 di: uncletoma pubblicato il 24 Gennaio 2012, 12:54
Interessante, sempre sui sensori CMOS, anche questa notizia: http://www.tomshw.it/cont/news/sens...ia/35524/1.html
Commento # 7 di: Parappaman pubblicato il 24 Gennaio 2012, 13:11
Originariamente inviato da: tuttodigitale
Vantaggi tangibili? Riduzione del costo di produzione. I CCD restano superiori. Non resta che attendere la fuji x10 per tirare le conclusioni.


Sbagliato, ci sono pro e contro per entrambe le tecnologie, e i sensori CMOS più evoluti costano parecchio: se ci fosse una tecnologia chiaramente SUPERIORE, l'altra non avrebbe senso di esistere, no?

La X10 è una compatta spettacolare che se ben compresa straccia la concorrenza in ogni aspetto, ma è afflitta da un grave problema di blooming del sensore che porta alla creazione di macchie bianche in caso di sovraesposizione alla luce, inevitabile nel caso di riflessi speculari o foto notturne con lunghe esposizioni. Un giro nei forum di dpreview alla ricerca del termine "orbs" chiarifica meglio il problema con esempi pratici. A seconda degli usi che se ne fa, può essere un problema da poco o un danno gravissimo: per me è la seconda opzione.
Commento # 8 di: blade9722 pubblicato il 24 Gennaio 2012, 18:00
Originariamente inviato da: Parappaman
Personalmente la vedo come una cosa MOLTO negativa invece: hanno brevettato una tecnologia già presente e di largo uso, solo in un nuovo formato, il che vuol dire che non ci sarà concorrenza tra le varie case produttrici nel campo degli eventuali futuri sensori BSI-CMOS di grandi dimensioni, ma solo Canon li avrà. Poi c'è da dire che i vantaggi pratici sono stati finora sfruttati dai produttori proprio per incrementare il numero di pixel per superficie... le vere novità (legate all'abbandono del pattern Bayer nei sensori, e nella Pro 1 anche al filtro anti-alias) ultimamente sono solo in casa Fuji


Guarda che non si può brevettare una tecnologia già esistente,e di largo uso. probabilmente hanno pensato a qualche nuova implementazione.

Da quello che ho capito io, i vantaggi su sensori grandi, dove la superficie coperta dalle metallizzazione è percentualmente inferiori, è minore.
Commento # 9 di: tuttodigitale pubblicato il 24 Gennaio 2012, 19:11
Originariamente inviato da: Parappaman
Sbagliato, ci sono pro e contro per entrambe le tecnologie, e i sensori CMOS più evoluti costano parecchio: se ci fosse una tecnologia chiaramente SUPERIORE, l'altra non avrebbe senso di esistere, no?

La X10 è una compatta spettacolare che se ben compresa straccia la concorrenza in ogni aspetto, ma è afflitta da un grave problema di blooming del sensore che porta alla creazione di macchie bianche in caso di sovraesposizione alla luce, inevitabile nel caso di riflessi speculari o foto notturne con lunghe esposizioni. Un giro nei forum di dpreview alla ricerca del termine "orbs" chiarifica meglio il problema con esempi pratici. A seconda degli usi che se ne fa, può essere un problema da poco o un danno gravissimo: per me è la seconda opzione.

Avevo già visto i file della x10 e sono abbastanza deludenti se si confrontano con quelli di una Fujifilm f100fs, ma prima di dare un giudizio definitvo preferirei provarla di persona.
Per adesso, e fino a prova contraria, non c'è un sensore CMOS pari ad un CCD quando le dimensioni sono davvero ridotte.
I vantaggi dei Cmos li conosco (il principale è il minor consumo energetico, utile nel caso di sensore di grandi dimensioni e/o uso continuativo, vedi live view e video) ma quando i sensori sono piccoli il CCD per uso fotografico è superiore al momento.

Ti faccio una domanda secca:
Al momento quali vantaggi porta un Cmos BSi rispetto un SuperCCD alla fotocamera Fujifilm? Di concreto al momento non c'è niente, anzi sembra che la qualità sia scemata

Imho, Fuji ha scelto di sviluppare il Cmos perchè non ha visto un futuro nei CCD: troppo costosi per essere infilati nelle compattine di domani e non all'altezza dei promettenti sensori organici di prossima commercializzazione.
Commento # 10 di: Parappaman pubblicato il 24 Gennaio 2012, 19:47
Originariamente inviato da: tuttodigitale
Ti faccio una domanda secca:
Al momento quali vantaggi porta un Cmos BSi rispetto un SuperCCD alla fotocamera Fujifilm? Di concreto al momento non c'è niente, anzi sembra che la qualità sia scemata

Imho, Fuji ha scelto di sviluppare il Cmos perchè non ha visto un futuro nei CCD: troppo costosi per essere infilati nelle compattine di domani e non all'altezza dei promettenti sensori organici di prossima commercializzazione.


Beh, ridurre il consumo ha permesso di continuare l'evoluzione in termini di aumento della risoluzione (checchè se ne dica, senza andare a elogiare gli estremi raggiunti l'anno scorso è principalmente lì che si concentrano gli sforzi dei progettisti), quindi il passaggio è stato quasi obbligato. Ovvio poi che la tecnologia "organica" di nuova concezione probabilmente sbaraglierà tutto il resto in termini qualitativi, ma altrettanto ovviamente i costi sono molto diversi...

CMOS vs CCD: partiamo dal fatto che la X10 ha un sensore EXR, quindi non va bene per fare un confronto nitido tra le due tecnologie, per il semplice fatto che è progettato per dare il meglio a risoluzione dimezzata. I vantaggi immediati comunque sono una velocità di cattura delle immagini maggiore, e la possibilità di avere fotodiodi più grandi, che eventualmente, se il progetto è volto in quella direzione, portano a migliori performance con meno luce. Ovvio che l'evoluzione nei sensori più piccoli con più megapixel ha portato a un "peggioramento" rispetto ai vecchi CCD con meno megapixel, ma a parità di dimensioni e pixel la situazione sarebbe diversa.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor