AWARE-2: la super fotocamera da un gigapixel

AWARE-2: la super fotocamera da un gigapixel

di Roberto Colombo, pubblicata il

“960 megapixel, pari a 0,96 gigapixel: questa la risoluzione che in grado di riprendere AWARE-2 la super fotocamera composta da 98 su-fotocamere da 14 megapixel ciascuna”


Commenti (42)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, cos da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 21 di: soulinafishbowl pubblicato il 26 Giugno 2012, 20:57
Originariamente inviato da: lucusta
l'energia di una bomba atomica la misuri in equivalenti di tonnellate di tritolo (potenza) o in lavoro? perche' anche in quel caso di lavoro (spostamento e riscaldamento dell'aria) ce n'e' tanto, ma e' solo l'espressione di un evento unico, che conviene esprimere comunque in potenza.




Da Wikipedia (neretti miei):
Il megatone [...] serve per indicare l'energia emanata da una esplosione [...]. Un'esplosione da 1 Mt sprigiona un'energia equivalente a quella liberata dall'esplosione di un milione di tonnellate di tritolo.

Il megatone è un'unità di misura di energia anche se, nel linguaggio comune, solitamente si dice che il megatone indica la potenza esplosiva di una bomba. La potenza, tuttavia, ha dimensioni di un'energia per unità di tempo (la potenza, in modo fisicamente corretto dovrebbe risultare dal rapporto tra l'energia liberata e la durata dell'esplosione).

[B]Un megatone equivale a [...] 4,184 · 1015 J[/B].
Commento # 22 di: Garz pubblicato il 27 Giugno 2012, 07:37
Originariamente inviato da: lucusta
negli eventi "one-shot" e' sovente l'indicazione in potenza e non in lavoro, perche', come definizione enunciata:
"il lavoro lungo una curva "nulla", cioè contratta in un solo punto, è nullo."


a me risulta proprio il contrario: proprio perchè sono eventi singoli e con durate infinitesimali è più comodo e più utile esprimere il lavoro, o meglio, l'energia.
così togli dall'equazione qualcosa di difficilmente misurabile o stimabile.
quanto dura un'esplosione di una bomba atomica??
quanto dura un incidente frontale tra due macchine? hai voglia a paragonare "la grandezza" degli scontri con una potenza..

poi, se vogliamo tanto migliorare la lettura, perché si riportano "definizioni" fatte un po' così? Cosa vuol dire "una curva nulla, cioè contratta in un punto"? Ti sembra una definizione?
Dire che "il lavoro è forza per spostamento e, con spostamenti nulli, il lavoro è nullo per qualunque forza" era troppo
astruso?

inoltre, che cosa c'entra il fatto che, per spostamenti nulli il lavoro è nullo, con il fatto che si parla di un'esplosione???
l'hai detto pure tu che si muovono parecchie cose in un'esplosione.
così sembra che tu intenda che, se un'evento dura poco temporalmente, allora non può compiere lavoro, mentre nella definizione formale di lavoro il tempo non c'entra per niente, quindi la durata dell'evento non influenza il lavoro compiuto (ma la potenza si! ).
Commento # 23 di: +Benito+ pubblicato il 27 Giugno 2012, 09:20
lucusta ma caz'stai addì?
Commento # 24 di: calabar pubblicato il 27 Giugno 2012, 10:34
Originariamente inviato da: Garz
a me risulta proprio il contrario: proprio perchè sono eventi singoli e con durate infinitesimali è più comodo e più utile esprimere il lavoro, o meglio, l'energia.

Il problema è che esprimere i valori in questo modo non risponde all'unica domanda che al lettore medio può interessare, ossia: "quanto consumo sto coso per uno scatto?" (espresso ovviamente in un modo che siano in grado di paragonare a qualcosa che conoscono bene)

Il resto è roba per persone ferrate in materia, per le quali si potrebbe tranquillamente aggiungere un piccolo approfondimento, ma non è d'interesse per la maggior parte dei lettori.
Commento # 25 di: bio82 pubblicato il 27 Giugno 2012, 11:53
Originariamente inviato da: calabar
(espresso ovviamente in un modo che siano in grado di paragonare a qualcosa che conoscono bene)


il problema è che scritto così NON ti sta dicendo quando consuma per lo scatto... è la stessa cosa di dirti che la macchina consuma 3 banane/ora di energia (errato, però l'uso dell'unità di misura della potenza in banane potrebbe essere interessante per far capire meglio il consumo....)

la cosa interessante è che l'articolo non è stato ancora corretto...

la macchina consuma 430W di potenza durante lo scatto? (mancherebbe quanto dura lo scatto)

la macchina consuma 430Wh di energia durante lo scatto?

bio
Commento # 26 di: calabar pubblicato il 27 Giugno 2012, 12:00
Originariamente inviato da: bio82
il problema è che scritto così NON ti sta dicendo quando consuma per lo scatto...

Su questo siamo d'accordo, volevo solo far passare il concetto, non il caso specifico!
Commento # 27 di: Berent pubblicato il 27 Giugno 2012, 12:32
Originariamente inviato da: lucusta
soulinafishbowl, errore mio nello scrivere W/s (Ws - watt per secondo, come anche 100W/h per la lampadina), ma per il resto, essendo un solo scatto, e' piu' adeguato nominarlo come singola espressione di potenza.

l'energia di una bomba atomica la misuri in equivalenti di tonnellate di tritolo (potenza) o in lavoro? perche' anche in quel caso di lavoro (spostamento e riscaldamento dell'aria) ce n'e' tanto, ma e' solo l'espressione di un evento unico, che conviene esprimere comunque in potenza.

negli eventi "one-shot" e' sovente l'indicazione in potenza e non in lavoro, perche', come definizione enunciata:
"il lavoro lungo una curva "nulla", cioè contratta in un solo punto, è nullo."


Scambi l'energia (che è anche il lavoro) con la potenza.

Nel tuo "enunciato" invece è proprio sbagliato il concetto e ti esprimi in termini, perdonami, improponibili.
Cmq il lavoro, come dici tu, lungo una curva nulla (di durata tendente a zero) può essere una quantità non nulla se la potenza è molto elevata.
Questa è la chiave dei tuoi problemi!
Commento # 28 di: Garz pubblicato il 27 Giugno 2012, 13:15
penso che stiamo andando UN PO' ot con queste discussioni. Resta il fatto che queste "semplificazioni" non aiutano a comprendere meglio ma al contrario propagano ignoranza, visto che qualcuno può basarsi su queste per un ragionamento. (e senza delle basi teoriche da cui partire finisce che "dimostra" quello che vuole e capisce quello che gli piace). Che poi, 430W.. Anche senza tirare in ballo diràc, differenziali o altro la quantità di 430 miseri Watt si può far comprendere in fretta. In fondo sono un centinaio di sensori normali, quindi neanche 5W per uno, na miseria.. (chissà cosa usano per riuscire ad alimentarli tutti??!! Probabilmente mia nonna con una dinamo per bicicletta..) Capirei fossero 2 gigowatt! Grande giove!
Commento # 29 di: Berent pubblicato il 27 Giugno 2012, 13:36
Originariamente inviato da: Garz
penso che stiamo andando UN PO' ot con queste discussioni. Resta il fatto che queste "semplificazioni" non aiutano a comprendere meglio ma al contrario propagano ignoranza, visto che qualcuno può basarsi su queste per un ragionamento. (e senza delle basi teoriche da cui partire finisce che "dimostra" quello che vuole e capisce quello che gli piace). Che poi, 430W.. Anche senza tirare in ballo diràc, differenziali o altro la quantità di 430 miseri Watt si può far comprendere in fretta. In fondo sono un centinaio di sensori normali, quindi neanche 5W per uno, na miseria.. (chissà cosa usano per riuscire ad alimentarli tutti??!! Probabilmente mia nonna con una dinamo per bicicletta..) Capirei fossero 2 gigowatt! Grande giove!


Ma infatti in regime impulsato sono pochini.
Considerando una batteria da 3.7V una foto da 1/60 di secondo di esposizione consumerebbe 0.5mAh che sembrano una quantità del tutto ragionevole.
Se però consideri foto con tempi di apertura nell'ordine dei secondi 430 Watt diventanto un'enormità.
Commento # 30 di: +Benito+ pubblicato il 27 Giugno 2012, 17:34
Originariamente inviato da: Garz
penso che stiamo andando UN PO' ot con queste discussioni. Resta il fatto che queste "semplificazioni" non aiutano a comprendere meglio ma al contrario propagano ignoranza, visto che qualcuno può basarsi su queste per un ragionamento. (e senza delle basi teoriche da cui partire finisce che "dimostra" quello che vuole e capisce quello che gli piace). Che poi, 430W.. Anche senza tirare in ballo diràc, differenziali o altro la quantità di 430 miseri Watt si può far comprendere in fretta. In fondo sono un centinaio di sensori normali, quindi neanche 5W per uno, na miseria.. (chissà cosa usano per riuscire ad alimentarli tutti??!! Probabilmente mia nonna con una dinamo per bicicletta..) Capirei fossero 2 gigowatt! Grande giove!


imho è un ragionamento insulso. Un dato senza senso è senza senso. Colombo intederà porre rimedio all'errore? Non credo lo abbia obbligato il dottore a parlarne.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »