Australia, il servizio postale testa le consegne con i droni

Australia, il servizio postale testa le consegne con i droni

di Salvatore Carrozzini, pubblicata il

“Il servizio postale australiano ha attivato un programma di test che prevede l'impiego di droni per portare termine le consegne. ”

Australian Post si somma alla lista di aziende private ed agli enti pubblici interessati a sperimentare l'impiego di droni per gestire le consegne. Come riportato dal The Sidney Morning Herald sul finire della settimana scorsa, il servizio postale australiano ha dato il via ad un progetto pilota che prevede l'utilizzo di droni controllati da remoto con il supporto dell'autorità per la sicurezza dei voli civili nazionale. Se gli esiti del programma di test saranno positivi, il servizio sarà reso disponibile per gli utenti finali entro la fine dell'anno. Obiettivo ultimo è quello di deflazionare il carico di lavoro derivante dalle consegne dei pacchi postali. 

Droni Australia

L'Amministratore Delegato di Australian Post, Ahmed Fahour, ha dichiarato: 

Stiamo valutando la fattibilità di aggiungerlo ai nostri molteplici metodi di consegna. Siamo abbastanza sicuri che, se supereremo la fase di test, saremo in grado di offrire questo servizio sperimentale verso la fine dell'anno.

A trarre beneficio potrebbero essere anche gli utenti che vivono in aree rurali e coloro che utilizzano una casella postale collocata a diversi chilometri di distanza dalla propria abitazione. Il progetto pilota prevede di consegnare due volte a settimana in pacchi in 50 località situate al di fuori dell'area urbana metropolitana.

I droni impiegati nel programma di test sono realizzati dalla compagnia australiana ARI Labs e muniti di fotocamera, grazie alla quale l'operatore può individuare gli ostacoli presenti sul percorso, paracadute e luci di segnalazione. Australian Post sottolinea che l'esito del programma e l'eventuale trasformazione in un servizio attivato su vasta scala per l'utenza consumer dipende, in primo luogo, dai riscontri in termini di sicurezza e affidabilità, come ribadisce l'Amministratore Delegato dell'ente: 

Prendiamo in considerazione molto seriamente la sicurezza. Lo faremo entrare in gioco solo quando saremo sicuri al 100% che è sicuro e affidabile

Un aspetto quello della sicurezza che è corretto non sottovalutare, non soltanto per evitare l'ipotesi, meno grave, del danneggiamento o dello smarrimento dell'oggetto delle consegne, ma anche per prevenire il verificarsi di incidenti di peso ben maggiore (ved. QUI).

La scelta di Australian Post di ricorrere ai droni per gestire le consegne non è isolata a livello mondiale. Anche note aziende private, da Amazon a Wal-Mart, per arrivare a Google stessa, hanno dato il via a sperimentazioni analoghe. Lungi dall'essere un metodo di consegna standard e disponibile senza limiti per l'utenza consumer, il tema delle consegne tramite droni si intreccia a quello dell'evoluzione della normativa che deve adeguarsi per disciplinare l'impiego delle nuove "aeromobili" in ambito civile. Resta ancora da dimostrare, inoltre, la propensione dei consumatori ad utilizzare tale strumento di consegna: per restare nell'ambito del mercato australiano, un sondaggio citato dal The Sidney Morning Herald condotto alla fine del 2015, ha evidenziato che solo il 10% dei partecipanti hanno manifestato un parere favorevole all'impiego di droni per la gestione delle consegne.

 


Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Mith89 pubblicato il 18 Aprile 2016, 15:40
ma una cosa non mi è chiara, droni di questo tipo non sono pilotati a distanza, ma gli viene impostata una rotta da seguire, o sbaglio? potrebbero essere pilotati altrimenti via rete 3G/4G?
Commento # 2 di: zappy pubblicato il 18 Aprile 2016, 16:11
"deflazionare il carico di lavoro"?!?
Magari "inflazionare negativamente il carico di lavoro" oppure "scalare l'ammontare di forza x spostamento"...
mi sembra che sarebbe stato più chiaro...
Commento # 3 di: aled1974 pubblicato il 19 Aprile 2016, 08:41
questo mondo sta andando fuori di testa dietro alle mode

ciao ciao
BenQ Monitor