Aumenta la produzione delle lenti 'liquide'

Aumenta la produzione delle lenti 'liquide'

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Varioptic annuncia l'aumento della produzione delle lenti liquide (senza parti in movimento) per arrivare entro la fine dell'anno a un milione di unità al mese”

Pare essere arrivato il momento della produzione in grande serie delle lenti 'Varioptic liquid lens'. Questo tipo di lenti funziona in modo equivalente al cristallino umano, variando la curvatura di una goccia d'acqua. In pratica quest'ultima è depositata su un substrato metallico ricoperto di un sottile strato isolante.

All'interno della lente i liquidi sono due, della stessa densità, uno isolante. l'altro conduttore. Al variare del voltaggio varia anche l'angolo di contatto del liquido e di conseguenza la curvatura della superficie di interfaccia tra i due liquidi, portando ad una vera e propria lente liquida. La modifica della curvatura della lente liquida porta un cambiamento del fuoco della stessa, permettendo ad esempio di creare un autofocus senza parti meccaniche in movimento.

Il prodotto è stato lanciato sul mercato due anni fa e al momento la capacità di produzione si aggira sulle 100.000 unità al mese; entro la fine dell'anno questa cifra dovrebbe salire fino a raggiunger il milione. Questo tipo di lenti offre grandi vantaggi in termini di miniaturizzazione, basso consumo energetico, basso costo di produzione, velocità di risposta e qualità ottica, tali da renderle molto interessanti per l'uso in fotocamere, cellulari e videocamere.

Il produttore ne garantisce la stabilità in un ampio range di temperature, oltre ad una ottima trasparenza e qualità ottica. Il fatto di non prevedere parti in movimento, oltre portare ad un risparmio energetico, dovrebbe rendere le lenti più solide rispetto agli obiettivi tradizionali.


Commenti (31)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Vash88 pubblicato il 14 Maggio 2007, 16:41
interessante, che prodotti le usano ad oggi?
Commento # 2 di: Paganetor pubblicato il 14 Maggio 2007, 16:42
molto interessante! ma quali sono le attuali applicazioni di queste lenti liquide? perchè se c'è una capacità produttiva di 100.000 pezzi al mese, da qualche parte dovranno pur essere installate no?
Commento # 3 di: Paganetor pubblicato il 14 Maggio 2007, 16:42
ahahahahah!

vash, sei stato più veloce di me!
Commento # 4 di: KinKlod pubblicato il 14 Maggio 2007, 16:55
E' la mia stessa curiosità, non ne avevo mai sentito parlare prima eppure secondo loro ne producono 100.000 pezzi al mese da due anni.
Commento # 5 di: Octane pubblicato il 14 Maggio 2007, 16:59
dando un'occhiata al link segnalato pare siano utilizzate nei cellulari.
cmq arrivano ad un diametro di 7.75 mm!
sinceramente pensavo meno (vista anche la natura elettrostatica del dispositivo)
Commento # 6 di: Paganetor pubblicato il 14 Maggio 2007, 17:01
mmm... sul sito del produttore si parla di fotocamere, videofonini e soluzioni per l'industria...

Commento # 7 di: liviux pubblicato il 14 Maggio 2007, 17:01
Così se ti cade per terra la fotocamera, anziché rompersi la lente si emulsiona!
Commento # 8 di: Bisont pubblicato il 14 Maggio 2007, 17:55
Nooo mi si è emulsionata la lente!! Ora come faccio? Eheh..... bhe come idea sembra interessante... ma quali dispositivi consumer la adottano? e con quali risultati?

ciao!
Commento # 9 di: AndreaG. pubblicato il 14 Maggio 2007, 18:35
Per tutti coloro che dicevano che i cellulari non sarebbero mai arrivati ad avere un ottica seria....
Commento # 10 di: Korn pubblicato il 14 Maggio 2007, 18:46
ne hai una per dire che è di buona qualità?
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor