39 Mp per la serie V di Hasselblad

39 Mp per la serie V di Hasselblad

di Matteo Cervo, pubblicata il

“Un nuovo dorso digitale medio formato dalle caratteristiche avanzate viene proposto da Hasselblad”

Il nuovo dorso digitale Hasselblad CFV-39 è nato per essere montato sui corpi macchina medio formato serie V. Un sensore CCD da 39 Mp delle dimensioni di 33,7x49 mm permette di raggiungere una elevata qualità di immagine unita al sistema rinnovato di demosaicing. Anche altri corpi macchina nati durante l'era analogica potranno godere del CFV-39: tra questi citiamo le serie C/CX/CM/CW, SWC/M, FA/FE/TCC/FCC, ELD, CW+, EL/ELM e la serie ARC BODY e FLEX BODY.

Tra le caratteristiche di spicco del dorso CFV-39 troviamo la possibilità di ottimizzare la ripresa in funzione dell'obiettivo Carl Zeiss montato. Il know how  di Hasselblad nella compensazione delle lenti derivato dalla progettazione della serie H3D, ha permesso di raggiungere elvati valori di risolvenza dell'intero sistema lente fotocamera. Per ottenere la massima qualità basta inserire da menu il modello di obiettivo usato, l'apertura di diaframma e la distanza di lavoro:il sistema digitale di correzione delle aberrazioni cromatiche e geometriche effettuerà le dovuute compensazioni.

È possibile scegliere il formato di ripesa tra quadrato (29 Mp derivato da un crop del sensore) oppure rettangolare in rapporto 4:3, sfruttando la massima risoluzione consentita. La velocità di scatto si attesta a 1,4 fps e le sensibilità di lavoro coprono il range compreso tra 50 e 800 ISO. Il peso di 503 g e la registrazione su schede CF aggiungono valore alla portabilità del sistema alimentato da batteria agli ioni di litio.


Commenti (23)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Lithium_2.0 pubblicato il 06 Luglio 2009, 11:11
Il know out?

Edit: avete corretto subito, bravi
Commento # 2 di: demon77 pubblicato il 06 Luglio 2009, 11:55
Considerando il costo esorbitante di macchine ed ottiche professionali direi che è più che giusto pensare a dei dorsi digitali da montare su sistemi nati per l'analogico!
Commento # 3 di: carini pubblicato il 06 Luglio 2009, 11:57
Bellissima

La manovella su una digitale è fantastica!
Commento # 4 di: Bisont pubblicato il 06 Luglio 2009, 12:24
Notare come ora venga messa come foto di placeholder sul dorso una immagine scattata all'aperto in condizioni di luce scarsa.

La paura delle reflex di alta gamma si fa sentire moltissimo... con quelle fai quasi tutto bene (anche i video), perchè spendere il doppio in un dorso? Fa solo alcune cose anche se benissimo.

Allora ti mettono l'immaginina del concerto, per dire, guarda che si fanno anche con questa i concerti all'aperto, la manifestazioni, etc...... mhhhhhh



Prima venivano prensentati così i dorsi:
http://www.robgalbraith.com/imgs/fog/kodak_pro_back.jpg
http://www.photographyblog.com/imag...ad_503cwd_1.jpg
http://www.pk-digital.it/cf.jpg
http://www.fotografiareflex.net/H2CFH39_back.jpg
http://www.fotografiareflex.net/CF39_back.jpg
Commento # 5 di: demon77 pubblicato il 06 Luglio 2009, 12:48
@ Bisont

Calma calma!
Ti ricordo che si parla di ambito professionale..

Vero che una reflex di alta gamma ha un output assolutamente eccellente però non può competere con una camera da studio con un dorso simile.

Ovviamente la differenza salta fuori quando si fanno foto particolari o che magari sono destinate ad essere stamapate su superfici grandissime (ambito pubblicitario)

O magari si ritagliano dei particolari che però devono avere sempre una risoluzione decente..
Commento # 6 di: ARARARARARARA pubblicato il 06 Luglio 2009, 13:02
Originariamente inviato da: demon77
Calma calma!
Ti ricordo che si parla di ambito professionale..

Vero che una reflex di alta gamma ha un output assolutamente eccellente però non può competere con una camera da studio con un dorso simile.

Ovviamente la differenza salta fuori quando si fanno foto particolari o che magari sono destinate ad essere stamapate su superfici grandissime (ambito pubblicitario)

O magari si ritagliano dei particolari che però devono avere sempre una risoluzione decente..


Bhè dimensioni grandi... più è grande la stampa e più è bassa la risoluzione di stampa con 10 megapixel puoi stampare un cartellone di 500 metri quadrati senza che nessuno veda i pixel per 2 motivi, primo la stampa ha dei puntini immensi e secondo se è 500 metri quadrati dubito che la guarderai da meno di 20 metri, sarà a 15 metri sopra un palazzo e la guarderai passando a 110 km/h in macchina... se a questo aggiungiamo che potrebbe esserci immortalata una gran bella gnocca bhè... trova i pixel se ci riesci!

La vera utilità di queste macchine è nella loro assoluta qualità di immagine, nello sfocato, si usano per calendari, per still life, per set per esempio di moda, per fotografare le auto quando vengono presentate, tutte applicaizoni dove la qualità elevata è necessaria per una post produzione particolarmente accurata, si può fare anche con una reflex certo ma non a quella risoluzione. Poi c'è gente come la mia coinquilina che vorrebbe una hasselblad perchè le è sempre piaciuta, molto spesso le scelte non sono razionali, se ti piace usare una determinata macchina e te la puoi permettere non ti fermerà il prezzo.
Commento # 7 di: Lucamax pubblicato il 06 Luglio 2009, 13:31
I dorsi sono di un altra categoria

Ho una Nikon D200 e per curiosità ho messo un vecchio dorso phase One da 6 MP sul mio banco ottico Linhof.
Il confronto è imbarazzante , i dorsi hanno una qualità nettamente superiore.
Ora in studio uso un dorso da 11 Mp pagato 400 euro usato, che quando necessita diventano 33 MP .

Le reflex vanno bene per eventi sportivi o per reportage per tutto il resto i 16 bit colore dei dorsi sono imbattibili
Commento # 8 di: cristo1976 pubblicato il 06 Luglio 2009, 13:55
Ehhh....se fossi un professionista sarebbe un sogno da orgasmo...un must have!
Commento # 9 di: mentalrey pubblicato il 06 Luglio 2009, 14:35
la storia dei 500 metri e' da rivedere un pochetto magari?
io ho un cliente che abbisogna di riprese fotografiche di lamine di legno
da 2/3 metri con stampa a 300/360 pixel pollice
Col cavolo che i 10/12 megapixel di una reflex ce la fanno.
E francamente non e' l'unico che ha questo ptipo di problemi.
Commento # 10 di: Berno pubblicato il 06 Luglio 2009, 14:40
Il punto debole delle fotocamere fullframe o aps è dato dalla risolvenza delle lenti, pochissime infatti sono in grado di risolvere 24Mpix su di una fullframe mentre quasi tutte le lenti per medio formato riescono a risolvere almeno 20-30Mpx...

Certo che anche con questi dorsi digitali ci si avvicina sempre più al limite di risolvenza delle lenti...
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor