14,6 megapixel per il nuovo CMOS back-illuminated Toshiba

14,6 megapixel per il nuovo CMOS back-illuminated Toshiba

di Roberto Colombo, pubblicata il

“La struttura back-illuminated contraddistingue il nuovo sensore CMOS Toshiba Dynastron in formato 1/2,3" da 14,6 megapixel”

Anche Toshiba ha deciso di puntare sulla tecnologia CMOS back-illuminated per i suoi prossimi sensori per macchine fotografiche digitali compatte. La tecnologia è la stessa impiegata da Sony per alcune sue linee di sensori, in particolare per gli ultimi Exmor R di piccole dimensioni e ribalta la struttura classica di questo tipo di sensori, in cui la circuiteria è sovrapposta agli elementi sensibili, determinando un assorbimento inutile della luce in arrivo.

Ribaltando la struttura i fotodiodi sono la prima cosa che la luce incontra dopo aver attraversato le microlenti. L'immagine qui sotto, tratta dal comunicato stampa in giapponese del nuovo sensore, rende evidente in modo grafico il concetto.

Toshiba come riportato da DPReview, dovrebbe produrre con questa tecnologia un sensore in formato 1/2.3" da 14,6 megapixel, che verrà commercializzato sotto il brand Dynastron. Le richieste del mercato sono elevate, tanto che la produzione iniziale è programmata in ben 50 milioni di unità, con possibilità di espansione in considerazione della risposta del mercato.


Commenti (13)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: gabi.2437 pubblicato il 27 Ottobre 2009, 17:26
Detta così sembra l'uovo di colombo... cioè, ci voleva toshiba a ribaltare i sensori?
Commento # 2 di: cicastol pubblicato il 27 Ottobre 2009, 18:27
Sono anni e anni che ci sono i CCD back-illuminated(marconi) finalmente hanno fatto lo stesso anche con i CMOS.....
Commento # 3 di: chemako_87 pubblicato il 27 Ottobre 2009, 18:40
Originariamente inviato da: gabi.2437
Detta così sembra l'uovo di colombo... cioè, ci voleva toshiba a ribaltare i sensori?

Per scopi scientifici li usano da anni ma fino a poco tempo fa non avevano costi tali da renderli utilizzabili nelle fotocamere compatte digitali... la prima a produrne di "abbordabili" è stata Sony che li usa sia nelle videocamere che nelle fotocamere...e ora arriva anche Thoshiba.
Commento # 4 di: demon77 pubblicato il 27 Ottobre 2009, 19:21
Ok.. resta il fatto che 14 mpx per quei sensori formato coriandolo con davanti obiettivi con risolvenze ignobili puzzano di fregatura in luccicante marketing style..
Coma la solita sk video fascia media con 2 giga di ram che i fessi regolarmente comprano..

Comunque sono curioso di vedere delle foto per giudicare qualità e livelli di rumore..
Commento # 5 di: JackZR pubblicato il 27 Ottobre 2009, 20:00
e presto ce le ritroveremo nei cellulari...
Commento # 6 di: chemako_87 pubblicato il 27 Ottobre 2009, 20:56
I back-illuminated servono proprio a migliorare le prestazioni dei sensori molto densi quindi è normale che usino questa tecnologia in sensori francobollo... probabilmente con sensori più grossi e quindi meno densi la differenza di prestazioni sarebbe troppo piccola per giustificarne il maggior costo.
Commento # 7 di: demon77 pubblicato il 27 Ottobre 2009, 23:34
Ma anche no!
Penso ad una maccina seria con sensore forrmato APS-C: se con un CMOS standard e 12mpx arriva a 1600 iso con livelli di rumore diciamo accettabili con qesta nuova tecnologia potrà permettersi di andare più in là mantenedo una qualità adeguata!
Commento # 8 di: chemako_87 pubblicato il 28 Ottobre 2009, 00:15
Originariamente inviato da: demon77
Ma anche no!
Penso ad una maccina seria con sensore forrmato APS-C: se con un CMOS standard e 12mpx arriva a 1600 iso con livelli di rumore diciamo accettabili con qesta nuova tecnologia potrà permettersi di andare più in là mantenedo una qualità adeguata!

Guarda che non lo dico io ma gli sviluppatori dei cmos back-illuminated Sony (Exmor R).

Un estratto da una intervista a Hirayama Akira Mine (direttore della sezione sviluppo sensori Sony):
Reporter Question:
Many users want to have a DSLR using Exmor R sensor. To get two times of sensitive and reduce the amount of noise.
However, it is not such simple, right?

Hirayama Answer:
Yes, because the sensor used in the Cyber shot is small, 1/2.4 inch, so that it can increase 2 times of sensitivity by using Exmor R sensor.
However, in DSLR, the size of the sensor is much larger, so that it is much easy to receive light under this size.
Therefore, using Exmor R will not able to increase the sensitivity to light by 2 times.


Ed è pure logico: se hai dei fotodiodi minuscoli e ci fai passare sopra delle piste queste copriranno una percentuale considerevole dell'area dei fotodiodi... se invece i fotodiodi sono sufficientemente grandi l'area coperta dalle piste sarà, in percentuale, molto più piccola e quindi i benefici nel "rivoltare" il sensore molto minori
Commento # 9 di: Oldbiker pubblicato il 28 Ottobre 2009, 04:36
I "back" esistono da decenni, ma, almeno fino ad ora, hanno dei costi di produzione altissimi.
9 anni fa comprai, per uso scientifico, 2 sensori ccd, di pari geometria, 1 "front", pagato 1800 euro, ed il secondo "back": 9000 euro!
La differenza: l'efficienza quantica del miglior CCD "front" non supera il 30-40% (ricordo che la pellicola arriva a 6 e l'occhio a 7-8). Il mio sensore "back" arriva all'85%!

2 anni fa, quando appena giravano le voci del trasporto di questa tecnologia nel campo della fotografia comune, predissi la morte dei "front", almeno nel campo DSLR professionale: ci stiamo pian piano arrivando. Quando proverete il "back" vi chiederete come avete fatto a viverne senza.-)
Commento # 10 di: Tonisca pubblicato il 28 Ottobre 2009, 11:05
Originariamente inviato da: Oldbiker
I "back" esistono da decenni, ma, almeno fino ad ora, hanno dei costi di produzione altissimi.
9 anni fa comprai, per uso scientifico, 2 sensori ccd, di pari geometria, 1 "front", pagato 1800 euro, ed il secondo "back": 9000 euro!
La differenza: l'efficienza quantica del miglior CCD "front" non supera il 30-40% (ricordo che la pellicola arriva a 6 e l'occhio a 7-8). Il mio sensore "back" arriva all'85%!

2 anni fa, quando appena giravano le voci del trasporto di questa tecnologia nel campo della fotografia comune, predissi la morte dei "front", almeno nel campo DSLR professionale: ci stiamo pian piano arrivando. Quando proverete il "back" vi chiederete come avete fatto a viverne senza.-)


Nonostante sia di moda tra i politici, preferisco non provare..
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor