Sony A9, mirrorless delle meraviglie

Sony A9, mirrorless delle meraviglie

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“Le mirrorless hanno promesso molto, anche in ambito sportivo. La Sony A9 è la prima a mantenere quelle promesse – un prodotto unico, che rappresenta una pietra miliare per l'intera categoria. ”

Conclusioni

Le mirrorless full frame Sony si sono subito distinte, conquistando fin dal debutto una buona quantità di fotografi amatoriali e qualche professionista. Nonostante il giudizio più che positivo sulla serie 7, però, la Sony A9 è indiscutibilmente di un altro pianeta.

La struttura più sofisticata del corpo macchina, che però non tradisce la compattezza della serie 7, e i nuovi comandi, uniti alla maggior durata della batteria e (soprattutto) a un mirino elettronico che in scatto continuo (otturatore elettronico, si intende!) non fa rimpiangere il mirino ottico, ne fanno uno strumento di lavoro efficace e affidabile in ogni contesto.

Le prestazioni sono stellari, e il sistema autofocus, che copre di fatto l'intero fotogramma, beneficia degli efficaci algoritmi di inseguimento Sony, per assicurare risultati impeccabili tanto al professionista quanto al principiante

Qualcosa può ancora essere affinato. Ad esempio, la posizione e/o la forma del pulsante AF-On andrebbero corretti, e il doppio slot SD / SD+MS potrebbe lasciare spazio in futuro a un doppio SD UHS-II, oppure a un formato più performante. Ciò non toglie che, per la prima volta in assoluto, abbiamo usato con piacere una mirrorless in ambito sportivo, trovandola perfettamente all'altezza di una reflex pro. Non "simile", non "quasi come…". Esattamente equivalente. Ovviamente con i suoi pro e contro – in alcuni frangenti le ammiraglie reflex mantengono un vantaggio, in altri è la Sony A9 a prevalere, ma questo fa parte del gioco.

Basterà questo a convincere i professionisti impegnati a bordo campo / pista? Purtroppo, al momento la risposta non può che essere: "no". La A9 ha un tremendo potenziale ma, considerando solo le lenti "pro", il parco obiettivi FE non va oltre il 70-200mm. Benvenuto il recente 100-400mm F4.5-5.6, ma per sostituire davvero EOS 1 e D4/D5, servono (almeno) il 300mm e il 400mm F2.8.

Al momento, la A9 può essere interessante per i professionisti che richiedono velocità e leggerezza ma non lunghe focali (cerimonia), e ovviamente per tutti gli appassionati di fotografia dinamica che, potendosi permettere la spesa, si divertiranno con un corpo macchina dalle prestazioni complessive finora impensabili.


Commenti (16)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: AleLinuxBSD pubblicato il 05 Settembre 2017, 22:04
In alcuni aspetti ci sono stati miglioramenti sostanziali, che gli auguro includano pure nella Sony A9R e Sony A7R Mark III, ma per sue importanti lacune non la defnirei una pietra miliare.
Parte di esse, permangono al livello di corpo macchina, e risultano significative per usi sportivi, cioè proprio per l'ambito che vuole coprire questa fotocamera, mentre il resto deriva dalla mancanza di alcuni teleobiettivi nativi e scarso supporto della garanzia.
Soltanto dopo sarà opportuno per un utente comune considerare questo marchio.
Chiaro chi dispone di vie preferenziali, e qui mi riferisco a chi fà recensioni, che dato il poco tempo disponibile, difficilmente incorrerà in problemi relativi all'assistenza, e gli ambasciatori del marchio.
Peccato.
Commento # 2 di: demon77 pubblicato il 05 Settembre 2017, 23:12
in merito all'errore del bianco sul jpeg.. penso sia una cosa che potranno correggere con un aggiornamento del firmware.

Comunque il livello di qualità dei sensori odierni è impressionante, a 6400 ISO l'immagine è ancora perfetta.
Commento # 3 di: TecnoWorld8 pubblicato il 05 Settembre 2017, 23:49
Ho smesso di leggere alla seconda frase dell'introduzione. La Samsung nx1 ha prestazioni eccezionali di af e risale al novembre 2014.

Non è ff, ma proprio per questo è paragonabile ad una d500, pur essendo uscita ben prima, a prezzo inferiore e con molte caratteristiche superiori.
Commento # 4 di: a.debernardi pubblicato il 06 Settembre 2017, 08:17
Originariamente inviato da: TecnoWorld8
... La Samsung nx1 ha prestazioni eccezionali di af e risale al novembre 2014....


Mi ricordo bene della Samsung NX1, avendola testata (e apprezzata): http://www.fotografidigitali.it/art...stazioni_8.html.
L'efficacia della A9 è però nettamente superiore. C'è poi da considerare il "dettaglio" del ritiro di Samsung dal mercato delle fotocamere: http://www.fotografidigitali.it/new...lese_59750.html
Commento # 5 di: TecnoWorld8 pubblicato il 06 Settembre 2017, 09:28
Ci mancherebbe, da una fotocamera che costa 4 volte tanto ed è uscita tre anni dopo non mi aspetto nulla di meno.

C'è però da dire che la nx1 è molto migliorata con i fw recenti come accuratezza e rapidità di AF (con la 50-150s non sbaglia un colpo, con soggetti in movimento veloce, tipo ciclisti).

Dunque dire che la a9 è la prima mirrorless che mantiene certe promesse è irrispettoso nei confronti di una fotocamera che, pur ritirata dal mercato, rappresenta il massimo livello di mirrorless apsc ancora oggi.
Commento # 6 di: emanuele83 pubblicato il 06 Settembre 2017, 10:41
Credo che ergonomia e soprattutto tropicalizzazione siano due aspetti troppo sottovalutati in questa recensione.
Un professionista che usa una top di gamma, canon o nikon che sia, si aspetta che sia affidabile in ogni ambiente di utilizzo.

Prendete questa mirrorless e provate a cambiare obiettivo in una tempesta di sabbia (spiaggia ventosa) o sotto un monsone: auguri.

Sulla ergonomia mi spiace ma un corpo così piccolo non sarà mai comodo come un corpo macchina enrome stile flagship.

da ultimo sarebbe interessante vedere un confronto sulla durata della batteria in ogni ambito di utilizzo (anche ambientale) tra flasship canon nikon e questa fantabolante mirrorless.
Commento # 7 di: Grillo.M pubblicato il 06 Settembre 2017, 15:48
Originariamente inviato da: emanuele83
Credo che ergonomia e soprattutto tropicalizzazione siano due aspetti troppo sottovalutati in questa recensione.
Un professionista che usa una top di gamma, canon o nikon che sia, si aspetta che sia affidabile in ogni ambiente di utilizzo.

Prendete questa mirrorless e provate a cambiare obiettivo in una tempesta di sabbia (spiaggia ventosa) o sotto un monsone: auguri.

Sulla ergonomia mi spiace ma un corpo così piccolo non sarà mai comodo come un corpo macchina enrome stile flagship.

da ultimo sarebbe interessante vedere un confronto sulla durata della batteria in ogni ambito di utilizzo (anche ambientale) tra flasship canon nikon e questa fantabolante mirrorless.


L'ergonimia e' l'unica cosa che mi "preoccupa" di queste macchine. La mia 6D e' leggermente piccola ma ci convivo felicemente pero' queste sono un po' troppo piccole.
Tuttavia dalle recensioni su Youtube sembra davvero impressionante e puo'/possono solo migliorare.
Commento # 8 di: AceGranger pubblicato il 06 Settembre 2017, 17:39
Originariamente inviato da: Grillo.M
L'ergonimia e' l'unica cosa che mi "preoccupa" di queste macchine. La mia 6D e' leggermente piccola ma ci convivo felicemente pero' queste sono un po' troppo piccole.
Tuttavia dalle recensioni su Youtube sembra davvero impressionante e puo'/possono solo migliorare.


l'ergonomia è molto personale;

io ho una A7R II e mi sci trovo benissimo, anzi i corpi voluminosi ora mi stanno proprio sui maroni.
Commento # 9 di: emanuele83 pubblicato il 06 Settembre 2017, 19:47
Originariamente inviato da: AceGranger
l'ergonomia è molto personale;

io ho una A7R II e mi sci trovo benissimo, anzi i corpi voluminosi ora mi stanno proprio sui maroni.


bene è di fatto una cosa personale, ma nell'ergonomia rientra anche, visto che questa recensione la paragona a una flagship (cosa che non condivido minimamente), il fatto che la presa debba essere sicura, i comandi accessibili, i tasti customizzabili anche e soprattutto in situazioni di stress. Un professionista, con la P maiuscola, che scatta in zone di guerra o in condizioni estreme un corpo del genere non lo tocca manco coi guatoni da box. meglio prtarsi 1 chilo in pi nello zaino ma portare a casa La Foto piuttosto che risparmiare e viaggiare leggeri e avere trascurato questi "particolari".

Rimane aperto il discorso tropicalizzazione.
Commento # 10 di: dexter769 pubblicato il 06 Settembre 2017, 20:09
Originariamente inviato da: emanuele83
bene è di fatto una cosa personale, ma nell'ergonomia rientra anche, visto che questa recensione la paragona a una flagship (cosa che non condivido minimamente), il fatto che la presa debba essere sicura, i comandi accessibili, i tasti customizzabili anche e soprattutto in situazioni di stress. Un professionista, con la P maiuscola, che scatta in zone di guerra o in condizioni estreme un corpo del genere non lo tocca manco coi guatoni da box. meglio prtarsi 1 chilo in pi nello zaino ma portare a casa La Foto piuttosto che risparmiare e viaggiare leggeri e avere trascurato questi "particolari".

Rimane aperto il discorso tropicalizzazione.


Probabilmente non hai mai preso una Sony in mano...i tasti sono tutti customizzabili, esiste un accessorio apposito per migliorare il grip, da utilizzare alla bisogna, altrimenti con un'ottica pancake diventa quasi tascabile. Un professionista, con la P maiuscola, può continuare a lavorare con le reflex. Per tutti gli altri, da oggi esiste un'alternativa che offre massime prestazioni a prezzo minore delle flagship canon/nikon.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor