EOS M6, mirrorless Canon nella sua forma migliore

EOS M6, mirrorless Canon nella sua forma migliore

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“Sensore Dual Pixel CMOS ed elevate prestazioni in un corpo semplificato ma non troppo, che incarna alla perfezione lo spirito mirrorless senza scontentare chi desidera più controllo sull'immagine. ”

Dettagli tecnici e prestazioni

 SCHERMO  EOS M6
Sensore CMOS APS-C (22,3x14,9mm)
Risoluzione 24,2 Mpixel - 6000x4000
Formato file CR2 (RAW) 14 bit, JPEG
Sensibilità (estensione) 100-25.600 ISO
Mirino Opzionale (EVF-DC1 - EVF-DC2)
Display TFT 3" (7,6 cm) 1.040.000 punti, touchscreen
Tempi di posa Da 30s a 1/4000 + Posa B
Syncro flash 1/200s
Scatto continuo 9 fps max (messa a fuoco fissa) / 26 JPEG o 17 RAW
7 fps max (con AF)
Esposimetro

Sensore principale, 384 zone

Compensazione -3 / +3 EV in passi da 1/3 EV
Bracketing

3 fotogrammi, +/-2 EV in passi da 1/3 EV

Autofocus Dual Pixel CMOS
N° punti AF

49 punti su griglia 7x7
(griglia 3x3 per zona AF)

Sensibilità AF Da -1 a +18 EV (100 ISO) con punto centrale
Video

MP4 H.264
1920x1080 - 60p, 50p 30p, 25p, 24p

Obiettivi compatibili Baionetta Canon EF-M
 I/O  
Memory card SD/SDHC/SDXC (UHS-I)
Interfacce

Micro USB, Micro HDMI (Type D), Mic-in, Wi-Fi con NFC, Bluetooth

 CORPO MACCHINA  
Flash NG 5
Batteria LP-E17, 295 scatti
Dimensioni (LxAxP)

112x68,2x44,5 mm

Peso 390g con batteria e SD

Al pari delle recenti reflex di fascia media, alla base della pipeline grafica si trova un sensore Dual Pixel CMOS da 24 Mpixel che, come ormai noto, utilizza 2 fotodiodi separati per ciascun pixel; questi possono essere letti singolarmente, per ottenere informazioni sulla distanza di messa a fuoco, oppure insieme, a formare un punto dell'immagine finale. Si ottiene così una messa a fuoco a rilevazione di fase che copre circa l'80% del fotogramma in entrambe le direzioni.
A questo proposito, vale la pena sottolineare come la specifica Canon riportata in tabella, pur formalmente corretta, sia auto-penalizzante: la posizione del riquadro AF può in effetti prescindere dalle 49 zone AF principali, muovendosi in passi pari a 1/3 della sua dimensione in verticale e a 1/5 della sua dimensione in orizzontale. In totale, si hanno a disposizione 651 posizioni che consentono, di fatto, un piazzamento libero del punto AF all'interno dell'80% centrale del fotogramma.
Cadenza di scatto dichiarata e profondità della raffica sono state entrambe pienamente confermate dai nostri test. Identiche a quelle della versione "con EVF" EOS M5, si possono considerare entrambe molto soddisfacenti. La cadenza di scatto, in particolare, è piuttosto elevata per una mirrorless, e la profondità della raffica, pur non al top del mercato, è di tutto rispetto – dopotutto, 18 scatti RAW a 9 fps sono più di quanti ne offrisse una ex regina come la 5D Mark III a 6 fps.
Rispetto alla M3, sono stati fatti passi da gigante: non solo la cadenza è più che raddoppiata e la profondità della raffica RAW è circa quadruplicata; abbiamo rilevato anche una reattività decisamente maggiore nello scatto singolo, che consente di effettuare due scatti ravvicinati (a distanza minima di circa mezzo secondo) quando il modello precedente, dopo il singolo scatto RAW, rimaneva "congelato" per oltre un secondo.
Se sul fronte prestazionale le notizie sono dunque più che buone, scorrendo la tabella si notano alcune piccole note stonate. L'otturatore non è allo stesso livello di quello della 80D: 1/4000s contro 1/8000s, e la sensibilità del sistema AF in basse luci non fa gridare al miracolo (pur essendo di 3 EV superiore a quella dichiarata dalla M3).
Il reparto video Full HD, poi, certamente scontenterà più di qualcuno. La posizione Canon, in proposito, è che i tempi non siano ancora maturi perché il pubblico di riferimento della M6 possa davvero beneficiare del 4K. Possiamo anche concordare, ma rimane il fatto che i concorrenti offrono questa caratteristica ormai da qualche tempo.
Chiudiamo segnalando le principali caratteristiche dei due mirini elettronici opzionali. Per EVF-DC1: 0,48" – formato 4:3, 2.36 milioni di punti, circa 43g di peso, prezzo di listino circa 310 Euro; per EVF-DC2: 0,39" – formato 4:3, 2.36 milioni di punti, circa 29g di peso, prezzo di listino circa 280 Euro.

BenQ Monitor