Fujifilm X-T20, compattezza e grandi prestazioni a meno di 1000 Euro

Fujifilm X-T20, compattezza e grandi prestazioni a meno di 1000 Euro

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“Con l'adozione del nuovo sensore X-Trans III e l'aggiornamento dell'elettronica a contorno, la piccola X-T20 somiglia sempre più alla sorella maggiore. Ecco la nostra recensione completa”

Conclusioni

Abbiamo a suo tempo giudicato la X-T10 come un "buon completamento" di gamma, che offriva prestazioni non lontanissime da quelle della X-T1 e la stessa, ottima qualità fotografica, a un prezzo sensibilmente inferiore. Per la nuova X-T20, nonostante il prezzo più elevato rispetto al precedente modello, questo è ancora più vero.

Utilizzare la stessa pipeline grafica dei modelli superiori assicura alla piccola Fuji non solo una qualità d'immagine al top, ma anche un sistema AF efficace. Inoltre, le aumentate performance in scatto continuo avvicinano ancora di più la X-T20 alla top di gamma - in questo caso la X-T2 - rendendola adatta, a differenza del precedente modello, anche a scene dinamiche.

Le principali rinunce rispetto alla X-T2 (tropicalizzazione, minore disponibilità di controlli diretti e mirino meno ampio) sono più che accettabili data la fascia di prezzo, soprattutto considerando che l'operatività è comunque migliore rispetto alla tipica concorrente sotto i 1000 Euro (reflex APS-C o mirrorless che sia).

In definitiva, con la X-T20 si acquista una mirrorless compatta e versatile, che assicura una resa fotografica eccellente sotto tutti i punti di vista. Dal punto di vista economico/funzionale, si tratta, forse, del miglior compromesso oggi disponibile all'interno della gamma Fujifilm.

Articoli correlati

Panasonic GX800, 4K in meno di 400 grammi

Panasonic GX800, 4K in meno di 400 grammi

Panasonic condensa molta della sua tecnologia foto/video in un prodotto da tascabile e leggero: ecco la GX800, mirrorless selfie-oriented con video 4K e funzione Post Focus. La nostra recensione completa
Sony A6500, ancora più veloce e… stabilizzata

Sony A6500, ancora più veloce e… stabilizzata

Sony incrementa ancora l'appetibilità della sua APS-C top di gamma, aggiungendo con la A6500 ancora più prestazioni in scatto continuo e uno stabilizzatore a 5 assi finora riservato alla Full Frame. Ecco la nostra recensione completa.


Commenti (7)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Lionking-Cyan pubblicato il 12 Maggio 2017, 17:29
Molto interessante. Quando ho tempo la leggo tutta la recensione.
Per capire intanto: cosa ha di meglio la panasonic g80, che nonostante il sensore più piccolo, costa solo 50 euro in meno (confrontando i kit base delle due macchine)?
Commento # 2 di: Schoeps pubblicato il 12 Maggio 2017, 19:27
Così ad occhio e croce la Fuji è un poco meglio nel comparto foto e un po' indietro nel video. Puoi vedere il confronto su DP review. Io ho una G80 essenzialmente per il video e devo dire che sono molto contento.
Commento # 3 di: manicomic pubblicato il 12 Maggio 2017, 22:32
La g80 è stabilizzata, la fuji no.
In realtà anche nel video questa fuji sembra eccellere, almeno nella pura qualità di immagine, bisogna vedere eventualmente la lavorabilità del file ed il funzionamento (la xt1 in ambito video è limitatissima), in generale le pana eccellono in ambito video, sia per pura qualità ma anche per usabilità e per funzioni varie adatte proprio al video.

In ambito foto la fuji è superiore a causa del sensore piu' grande.
Commento # 4 di: AleLinuxBSD pubblicato il 13 Maggio 2017, 06:55
Fotocamera interessante a parte il prezzo (considerando che tutti i produttori si sono messi d'accordo a pretendere questi costi per una prosumer ... è in cattiva compagnia ...) e l'assenza della stabilizzazione integrata sul sensore che, per decisioni progettuale, non verrà mai implementata.
Commento # 5 di: Lionking-Cyan pubblicato il 13 Maggio 2017, 10:16
Sì in effetti ho visto che la stabilizzazione non è comparabile con la panasonic g80 (e tutti i nuovi modelli in generale, con la doppia stabilizzazione corpo/ottica). Però la qualità low light della fuji mi sembra notevolmente superiore. Mi chiedo se con un gimbal risolverei del tutto il problema della stabilizzazione. Oramai un gimbal per una mirrorless lo si trova anche a 500 euro.

Un altro vantaggio della g80 è lo schermo roteabile a 360°, visibile anche davanti alla telecamera.
Commento # 6 di: manicomic pubblicato il 13 Maggio 2017, 15:00
Un gimbal serio (che non costa 500 euro ma almeno un pò di piu', il ronin poi costa oltre il doppio) in ambito video è anche superiore allo stabilizzatore sul corpo.
Sono comunque 2 cose diverse, il gimbal è grosso e macchinosa usare, non puoi girare sempre con il gimbal, inoltre il gimbal per le foto ci fai nulla.
Commento # 7 di: jonny18 pubblicato il 13 Maggio 2017, 19:24
carina
BenQ Monitor