EOS-1D X Mark II, Canon cala l'asso: la nostra recensione completa

EOS-1D X Mark II, Canon cala l'asso: la nostra recensione completa

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“Nuovo sensore Dual Pixel, più risoluzione e ancora più velocità per la nuova ammiraglia EOS, indubbiamente destinata a diventare lo strumento di lavoro di molti fotografi sportivi (e non solo). In queste pagine la nostra recensione completa e dattagliata”

Qualità d'immagine, continua

Naturalmente, questa valutazione non può prescindere dal confronto con la rivale naturale Nikon D5, il cui comportamento è sostanzialmente parificabile ma, anche in questo caso, non esattamente equivalente. Nikon può vantare un miglior rapporto segnale/rumore alla sensibilità base (42,4 dB contro 39,4 dB), e si mantiene in vantaggio fino a 6400 ISO compresi (29,3 dB contro 28,1 dB). Alle sensibilità superiori, però, è Canon a prevalere (21,1 dB contro 20,9 dB @ 51.200 ISO); in effetti, il divario è, a nostro avviso, superiore a quanto facciano trasparire i numeri in virtù della già citata minore "granulometria" del rumore della EOS, che lo rende meno invasivo (vedi particolari colorchecker a fondo pagina).

Un'importante differenza tra i due marchi si osserva anche nel trattamento del JPEG. Nel caso di Nikon, il rapporto S/N dei JPEG in-camera aumenta molto, indice di un pesante intervento dei filtri di de-noise. Il JPEG Canon, invece, mantiene un rapporto S/N analogo a quello del RAW - il rumore è più evidente, ma l'immagine appare più incisa.


100 ISO


1600 ISO


6400 ISO


25600 ISO

ESAMINA LA SERIE ISO COMPLETA, DA L (50 ISO) AD H3 (409600 ISO):

In tema di confronti diretti, i risultati risultano speculari quando si prende in considerazione la gamma dinamica. Va innanzitutto detto che, numeri alla mano, la Mark II ha effettivamente un grande margine di vantaggio sul precedente modello pressoché a tutte le sensibilità, con un massimo di oltre 1,5 EV @ 100 ISO. Il margine a 100 ISO è importante anche sulla concorrente Nikon (circa 1 EV di vantaggio, con la EOS che raggiunge quota 13,5). Tale vantaggio però si annulla a circa 3200 ISO, dove entrambe fanno segnare circa 11 EV, poi la Nikon passa in vantaggio e fa registrare un divario massimo poco inferiore a 1 EV a 12.800 ISO; gli scarti tendono infine a svanire a sensibilità superiori.     


Canon EOS-1D X Mark II, 51.200 ISO, ingrandimento 25% (click per ingrandire).


Nikon D5, 51.200 ISO, ingrandimento 25% (click per ingrandire).

Allargando un po' il confronto, si può dire che è possibile, oggi, trovare figure di merito superiori (almeno per aspetti specifici). I sensori Sony di recente generazione, utilizzati tra l'altro anche da Nikon (vedi D750), hanno già mostrato ad esempio tutte le loro qualità. Nessuna fotocamera concorrente, però, riesce oggi a unire questa qualità d'immagine con prestazioni di pari livello

L'errore medio di esposizione rilevato a 100 ISO è insignificante (+0,13 EV). Dal punto di vista cromatico, infine, i risultati del RAW sono davvero encomiabili. Previo corretto bilanciamento del bianco in post-produzione, l'errore cromatico dC 94 medio si attesta nell'introno di soli due punti, con un massimo di inferiore a 4,5. Per quanto riguarda il JPEG, vale la pena citare l'ottimo lavoro svolto dai Picture style: a fronte di uno Standard che garantisce la classica risposta Canon (saturazione 115%, rossi accesi, errore dC 94 comunque contenuto in ottimi 10,5 punti), il Fedele assicura una risposta quasi identica a quello del RAW ottimizzato (saturazione 105,9%, dC 94 massimo pari a 5,2 punti, errore di esposizione praticamente pari a zero).

BenQ Monitor