Canon EOS 80D, perfetta per l'appassionato di foto e video

Canon EOS 80D, perfetta per l'appassionato di foto e video

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“Apparentemente più simile alle entry-level che alle pro, la EOS 80D sconta qualche difetto ergonomico, ma sorprende con prestazioni elevate e un (doppio) sistema AF allo stato dell'arte. Ottima per la ripresa video.”

Dettagli tecnici e prestazioni

 SCHERMO
Sensore CMOS APS-C (22,3x14,9mm)
Risoluzione 24,2 Mpixel - 6000x4000
Formato file CR2 (RAW) 14 bit, JPEG
Sensibilità (estensione) 100-16.000 ISO (25.600 ISO)
Mirino Pentaprisma con copertura 100% del campo inquadrato
Ingrandimento 0,95x (0,60x eq. 35mm), eye-point 22mm.
Display TFT 3" (7,6 cm) 1.040.000 punti, touchscreen
Tempi di posa Da 30s a 1/8000 + Posa B
Syncro flash 1/250s
Scatto continuo 7 fps max / 110 JPEG o 25 RAW
Esposimetro

RGB+IR 7560 pixel, 63 zone

Compensazione -5 / +5 EV in passi da 1/3 o 1/2 EV
Bracketing

2, 3, 5 o 7 fotogrammi (passi da 1/3 EVo 1/2 EV): +/-3 EV

Autofocus TTL-CT-SIR CMOS + Dual Pixel CMOS
N° punti AF

45 punti (45 a croce f/5,6, 27 punti f/8, di cui 9 a croce)

Sensibilità AF Da -3 a +18 EV (100 ISO) con punto centrale
Video

MOV / MP4 H.264
1920x1080 - 60p, 50p inter-frame
1920x1080 - 30p, 25p, 24p intra o inter-frame

Obiettivi compatibili Baionetta Canon EF / EF-S
 I/O
Memory card SD/SDHC/SDXC (UHS-I)
Interfacce

USB 2.0, HDMI mini, Mic-in, Cuffie, Wi-Fi

 CORPO MACCHINA
Flash NG 12
Batteria LP-E6N, 960 scatti
Dimensioni (LxAxP)

139x105,2x78,5 mm

Peso 730g con batteria e SD

Il cuore tecnico della fotocamera è il sensore Dual Pixel CMOS, nel quale ogni pixel è costituito da 2 fotodiodi separati; questi possono essere letti separatamente per ottenere informazioni sulla distanza di messa a fuoco, oppure a coppie, per costituire il singolo pixel dell'immagine finale. Si ottiene così una messa a fuoco a rilevazione di fase "nativa" anche in modalità Live View (ripresa video), peraltro molto reattiva dato che non è richiesta un’elaborazione supplementare per i pixel dedicati all’AF.

La gamma ISO è sostanzialmente invariata rispetto al modello precedente - considerare 16.000 ISO anziché 12.800 ISO la sensibilità massima nativa è pura semantica. Anche la cadenza di scatto è invariata, ma la maggior potenza di calcolo del DIGIC 6 ha prolungato leggermente la raffica: da 16 a 25 RAW, oppure da 65 a 110 JPEG, secondo Canon. Dalle nostre prove abbiamo rilevato 6,7-6,8 fps effettivi per almeno 21 scatti consecutivi (RAW+JPEG), che diventano 27 nel caso di solo formato RAW e 54 nel caso di solo formato JPEG. Non esattamente quanto dichiarato, ma un ottimo passo avanti rispetto alla 70D, che si fermava a 8 RAW+JPEG o 14 RAW.

Al pari della 70D, la 80D è molto rapida nell'accendersi e molto reattiva allo scatto: la messa a fuoco (con prefocus) richiede solo 8 centesimi di secondo, a fronte di un puro shutter lag stimabile in 6 centesimi.  Passando dal punto singolo alla selezione automatica del punto AF il ritardo aumenta leggermente (0,11s). La buona notizia è che questo coincide anche con il tempo necessario per la messa a fuoco Live View; confermato dunque che, grazie al Dual Pixel CMOS, la composizione tramite schermo posteriore non è più penalizzante per le reflex Canon.

Per quanto riguarda il sistema AF, la tabella riporta tutti i dati salienti. Sottolineiamo solo come la 70D non fosse in grado di utilizzare l'autofocus con obiettivi f/8, il che le impediva di sfruttare alcune combinazioni ottica/moltiplicatore come ad esempio 300mmf/4+Externder 2x. 

Da apprezzare le performance dell'otturatore, che arriva a 1/8000s e 1/250s di tempo syncro flash, e il mirino, che a differenza della 70D copre il 100% del campo inquadrato (la 70D si fermava al 98%, con pari ingrandimento).

Apprezzabili infine i miglioramenti in ambito video, settore in cui la 80D è avvantaggiata rispetto ai concorrenti grazie all'ottima messa a fuoco Live View. In questo comparto, sono arrivati i 60 fps e i connettori per microfono e cuffie, indispensabili per un utilizzo "serio" della reflex come videocamera. I più esigenti lamenteranno comunque l'assenza del video 4K, che alcuni concorrenti offrono ormai da tempo in questa fascia di prezzo.   

BenQ Monitor