Nikon D5, recensione completa della nuova ammiraglia reflex dalle specifiche stellari

Nikon D5, recensione completa della nuova ammiraglia reflex dalle specifiche stellari

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“Specifiche da capogiro, ma anche molta concretezza e solide performance per la nuova Nikon D5, che migliora la precedente top di gamma sotto ogni singolo aspetto: risoluzione, velocità, autofocus, prestazioni video e LiveView. Ecco la nostra recensione completa, con scatti i laboratorio, nelle principali situazioni d'uso reale e con in più anche il parere di una fotografa professionista”

Funzioni nuove (o notevoli)

Una delle prime novità, piccola se si vuole, ma che abbiamo particolarmente apprezzato, è la disponibilità della pagina dedicata alle personalizzazioni ( f1). Date le ampie possibilità offerte, raccogliere tutto in un'unica area di facile lettura è stato quanto mai opportuno. 

Abbiamo già parlato delle nuove opzioni di bilanciamento del bianco, mentre chi utilizza esposizioni multiple beneficerà di nuove opzioni di blending delle immagini; molto pratiche la classica "media semplice", che in pratica regola l'esposizione in base al numero dei fotogrammi, e due nuove modalità che privilegiano, rispettivamente, i pixel più chiari e quelli più scuri - la prima è utile per i fuochi artificiali, la seconda per soggetti ad alto contrasto (controluce).


Con la D5, è possibile far si che il pulsante di scatto premuto a metà corsa funga da blocco esposimetrico solo per lo scatto a raffica (c1), in modo da mantenere costante l'esposizione degli scatti ravvicinati. A proposito di esposizione costante, dal firmware c1.1 è disponibile la funzione anti-flickering, che sincronizza la raffica alle condizioni di luce ambientali per evitare disuniformità nel caso di scatto con tempi brevi in presenza di luce artificiale. È anche possibile disabilitare il rilevamento automatico del volto per ottenere un'esposizione più costante in modalità Matrix (b5).

Disponibili nuove opzioni di scatto silenzioso. Quella chiamata Quiet, selezionabile dalla consueta ghiera di sinistra, arriva fino a 3 fps (premendo il pulsante "avanzamento" sotto il display LCD posteriore); la Silent, che è del tutto silenziosa, si attiva in modalità Live View premendo il pulsante i, ma è limitata alla risoluzione Small (2784x1856 nel caso sia selezionato il formato FX).

Infine, una grande comodità: la calibrazione AF automatica degli obiettivi (Auto AF Fine-Tuning). Basta appoggiare la fotocamera su cavalletto, passare in Live View avendo selezionato AF-S wide/normal, mettere a fuoco al centro su un opportuno soggetto immobile (preferibilmente ad alto contrasto), e premere contemporaneamente il pulsante AF Mode (quello frontale a lato dell'obiettivo) e il pulsante video per qualche secondo. L'unico vincolo è che l'ottica deve essere dotata di CPU. La funzione AF Fine-Tune deve essere abilitata dal menu di impostazione.    

BenQ Monitor