Nikon D5, recensione completa della nuova ammiraglia reflex dalle specifiche stellari

Nikon D5, recensione completa della nuova ammiraglia reflex dalle specifiche stellari

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“Specifiche da capogiro, ma anche molta concretezza e solide performance per la nuova Nikon D5, che migliora la precedente top di gamma sotto ogni singolo aspetto: risoluzione, velocità, autofocus, prestazioni video e LiveView. Ecco la nostra recensione completa, con scatti i laboratorio, nelle principali situazioni d'uso reale e con in più anche il parere di una fotografa professionista”

Dettagli tecnici e prestazioni

 SCHERMO
Sensore CMOS Full Frame (FX)
Risoluzione 20,8 Mpixel - 5568x3712
Formato file NEF (RAW) 12 o 14 bit, TIFF, JPEG
Sensibilità (estensione) 100-102.400 ISO (50-3.280.000 ISO)
Mirino Reflex, copertura 100%, ingrandimento 0,72x, eye-point 17mm.
Display 3,2" (8 cm) / 2.359.000 punti (1024x768 pixel RGB)
Tempi di posa Da 30s a 1/8000 + Posa B e T
Syncro flash 1/250s
Scatto continuo 12 fps (14 fps Mup - 3 fps Quiet continuos)
Esposimetro Color Matrix 3D III, 180.000 pixel
Compensazione -5 / +5 EV in passi da 1/3, 1/2 o 1 EV
Bracketing

AE, Flash, AE+Flash, WB, ActiveD-Lighting
AE/Flash: 2 - 9 fotogrammi in passi da 1/3, 2/3, 1 EV
2 - 5 fotogrammi con passi da 2 o 3 EV

Autofocus Multi-CAM 20K
N° punti AF Totali: 153 (99 a croce), 15 f/8
Selezionabili: 55 (35 a croce), 9 f/8
Sensibilità AF Da -4 a +20 EV (100 ISO)
Video MOV H.264/MPEG-4 3840x2160 - 30p, 25p, 24p
MOV H.264/MPEG-4 1920x1080x- 60p, 50p, 30p, 25p, 24p
Obiettivi compatibili AF Nikkor tipo G, E, D; AI senza CPU solo A e M
Obiettivi DX compatibili con crop 1,6x
 I/O
Memory card 2x XQD
Interfacce

USB 3.0 Micro-B, HDMI Type C, Mic-in, Audio-out, Remote 10pin /GPS, Gigabit Ethernet RJ-45, Connettore periferiche

 CORPO MACCHINA
Flash -
Batteria EN-EL18a
Dimensioni (LxAxP)

160x158,5x92 mm

Peso 1405g con batteria e 2 memory card XQD
1415g con batteria e 2 memory card CF

Nuovo incremento di risoluzione per la sportiva di casa Nikon, peraltro percentualmente rilevante: da 16,2 a 20,8 Mpixel. Ormai il livello raggiunto è quello delle Full Frame per uso generico, che nella maggior parte dei casi offrono sensori da 20-24 Mpixel. La D5, però, lo fa garantendo anche 12 fps! Il nuovo processore d'immagine, con la sua maggior potenza di calcolo, porta con sé anche nuovi algoritmi di riduzione del rumore, e quasi a volerlo sottolineare, la gamma ISO nativa è cresciuta di 2EV rispetto alla D4S, quella estesa di 3EV.

Il formato d'immagine può essere JPEG, TIFF o RAW (NEF), a 12 o 14 bit, con compressione standard, lossless o senza compressione.
Il formato non influenza la cadenza di scatto, sempre almeno pari a quanto dichiarato da Nikon, mentre influenza, comprensibilmente, la durata della raffica, comunque assimilabile a infinita: il caso più sfavorevole è ovviamente quello del formato RAW 14 bit non compresso + JPEG Fine, per il quale si contano 124 scatti @ 100 ISO e 101 scatti @ 6400 ISO.

Passando alla compressione lossless, a 100 ISO già si raggiungono i 200 scatti consecutivi che è il limite massimo imposto dal costruttore, mentre a 6400 si contano 141 scatti consecutivi. Scegliendo il solo formato RAW 14 bit, a 100 ISO si raggiungono sempre i 200 scatti massimi, a prescindere dalla compressione selezionata, così come a 6400 ISO con compressione lossless, mentre senza compressione ci si ferma a 154 scatti. In ogni caso, più di quanto possa servire anche nella più complicata delle situazioni.

NOTA: le prestazioni si riferiscono alla versione XQD, testata con scheda Lexar 2933x da 440 MB/s ed equipaggiata con firmware C 1.10. Memory card più lente riducono la durata della raffica.

Il sistema autofocus è affidato al nuovo modulo AF Multi-CAM 20K a 153, 55 dei quali selezionabili, 9 dei quali attivi fino a f/8, per l'uso con moltiplicatori di focale.La reattività complessiva della fotocamera è da sportiva di razza: da 0,14s a 0,20s il ritardo allo scatto con prefocus, a fronte di un puro shutter lag stimabile in 40ms.

L'Esposimetro è il 3D Colour Matrix III da 180.000 pixel, e assicura le consuete modalità matrix (valutativa), media ponderata e spot, oltre alla spot con protezione alte luci, che assegna maggior peso appunto alle alte luci per prevenire la perdita di dettaglio in condizioni particolari quali gli spettacoli teatrali. La media ponderata è personalizzabile: per default circa il 75% della sensibilità è concentrata su un cerchio di 12mm al centro del fotogramma, ma in presenza di obiettivi con CPU il cerchio può diventare da 8, 15 o 20mm, o eliminato per ottenere una media semplice. La lettura spot copre un cerchio di 4mm (circa 1,5% del campo inquadrato) intorno al punto AF selezionato, oppure intorno al punto centrale se si utilizza un obiettivo senza CPU.

Una nota importante riguarda la durata massima dei filmati, che originariamente era stata mantenuta molto ridotta (qualcuno ha ipotizzato per evitare ai professionisti di livello top l'esborso di diritti non dovuti); con il firmware C 1.10, però, la lunghezza dei filmati è salita ai consueti 30 minuti meno 1 secondo

BenQ Monitor