Un laser per portare ancora Cinemeccanica e la tecnologia italiana nei cinema di tutto il mondo

Un laser per portare ancora Cinemeccanica e la tecnologia italiana nei cinema di tutto il mondo

di Roberto Colombo , pubblicato il

“Cinemeccanica ha rappresentato il fiore all'occhiello della produzione italiana di cineproiettori nel secolo scorso, con esportazioni in tutto il mondo. Le sue macchine proiettano a tutt'oggi film come 'The Hateful Eight' di Tarantino in pellicola 70mm, ma il futuro è tutto nel digitale, in particolare nelle soluzioni laser”

Il futuro del cinema: in che direzione si va?

Questa la nostra domanda a conclusione del nostro incontro in Cinemeccanica, chiedendo in particolare un'opinione su temi come 8K, HFR e HDR. Partiamo dall'High Frame Rate: dal punto di vista dei sistemi di proiezione è praticamente dato per scontato, ma al momento mancano i contenuti. 'Lo Hobbit' di Peter Jackson doveva essere il trampolino di lancio per la visione 48p ad elevato frame rate (il doppio dei 24 fotogrammi al secondo che è lo standard del cinema), ma per diversi problemi realizzativi - tra cui l'abbandono a progetto iniziato del primo regista incaricato, Guillermo del Toro - il risultato finale non è stato il miglior biglietto da visita per questa innovazione tecnica. Sebbene poi la visione guadagni in fluidità, il pubblico ha definito i film in HFR troppo 'televisivi' essendo, in effetti, più vicini alla frequenza di refresh delle immagini delle trasmissioni TV (50/60Hz) e dando una sensazione simile durante la visione. In sintesi i sistemi di proiezione sono pronti per l'High Frame Rate, ma i contenuti, per diversi motivi, latitano.

HFR e 3D hanno avuto un'accoglienza tiepida da parte del pubblico

Anche il 3D ha avuto un'accoglienza abbastanza tiepida da parte del pubblico, in questo caso per una chiara limitazione tecnica: dovendo proiettare alternativamente immagini per un occhio e poi per l'altro e passando inoltre per più filtri, polarizzatori e altri elementi (inclusi gli occhialini indossati dal pubblico) rispetto alle immagini normali, l'esperienza attuale dei film in tre dimensioni è quella di proiezioni percepite come più buie e meno definite, quindi alla fine anche meno coinvolgenti (mentre lo scopo del 3D sarebbe proprio quello opposto). Le tecnologie laser di generazione della luce sono in grado di risolvere in modo nativo il problema, mettendo a disposizione molta più luce di una lampada tradizionale, per cui a livello tecnico il problema terminerà di essere tale con il diffondersi di questo tipo di soluzioni, un processo che nei prossimi anni dovrebbe essere abbastanza naturale e più veloce di quanto previsto inizialmente, con già un terzo delle sale su questa tecnologia già dal 2018 (secondo alcune stime aggiornate). Ci sarà poi da convincere il pubblico, rimasto 'scottato' dalle prime esperienze deludenti del 3D, ma probabilmente potrà bastare una sola proiezione per far cambiare idea.

Il formato 4K resterà il riferimento per almeno un lustro

L'aumento di risoluzione non è al momento una delle priorità dell'industria cinematografica, che ha appena finito di rincorrere il 4K e manterrà questo formato come quello di riferimento per ancora almeno un lustro. Ci sono già esperimenti relativi all'8K ma si tratta al momento più di proof of concept che di veri sistemi implementabili nella produzione quotidiana. Ultimo tema è quello dell'HDR: stando ai tecnici di Cinemeccanica è forse questo lo sviluppo più interessante che vedremo nei prossimi anni, anche se al momento non c'è una strada ancora ben definita e nessuna soluzione attualmente attiva. L'High Dynamic Range dovrebbe aggiungere realismo alle immagini, seguendo il modo di vedere dell'occhio umano, che non ha una latitudine di posa fissa, ma adatta l'esposizione in modo continuo a seconda dell'illuminazione della porzione di scena che va ad analizzare, con la capacità quindi di combinare la visione dei dettagli nelle ombre con quella nelle alte luci. Con i mezzi di ripresa attuali (caratterizzati da molti stop di gamma dinamica) è già possibile ottenere con l'adeguata post produzione immagini HDR, ma sarà da vedere quale tecnica verrà scelta per riprodurre quel tipo di flussi video durante le proiezioni.

Eravamo però partiti dalla pellicola 70mm di 'The Hateful Eight' per raccontare Cinemeccanica e la sua storia e lì torniamo prima della conclusione. C'è stato grande stupore in azienda quando è arrivata la richiesta dagli Stati Uniti per delle macchine da proiezione per il formato 70mm, ormai dato per defunto (e sepolto). Cinemeccanica è riuscita a rimettere in piedi un paio di cineproiettori Victoria 8 per il roadshow di Tarantino, utilizzando poi delle ottiche anamorfiche da proiettori digitali per ottenere il rapporto giusto (il formato del film è un 2.76:1, decisamente in disuso rispetto agli attuali 1.85:1 o 2.39:1). Non si può parlare di un mercato che si riapre, il numero di proiezioni a pellicola rimane talmente esiguo sul totale (anche nel caso del film di Tarantino) che il fabbisogno di cineproiettori tradizionali può essere coperto con poche macchine. Il presente e il futuro restano tutti digitali ed è interessante vedere come un marchio che ha fatto la storia del cinema abbia trovato un nuovo modo per mantenere la sua bandierina saldamente piazzata all'interno dei cinema di tutto il mondo.

Articoli correlati

La recensione di Star Wars Il Risveglio della Forza

La recensione di Star Wars Il Risveglio della Forza

Questo articolo sarà differente rispetto ai soliti: una vera e propria recensione cinematografica di Star Wars Il Risveglio della Forza, l'evento dell'anno per quanto riguarda tutto il mondo dell'intrattenimento. Ci sforzeremo di ridurre al minimo gli spoiler, mentre nelle pagine successive trovate dettagli più tecnici su come sono stati realizzati i vecchi Star Wars, oltre che Il Risveglio della Forza.
Hideo Kojima in Italia: tra arte, cinema e 'Metal May Cry'

Hideo Kojima in Italia: tra arte, cinema e 'Metal May Cry'

In occasione del lancio di Metal Gear Rising Revengeance, anche se non coinvolto direttamente nello sviluppo, uno dei più grandi game designer di sempre ha fatto visita all'Italia. È stata l'occasione per esaminare l'incontro, tutto artistico, tra cinema e videogiochi.


Commenti (37)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Vash88 pubblicato il 03 Febbraio 2016, 12:30
Appena prenotati i biglietti, pronto per il 70mm
Commento # 2 di: FS9 pubblicato il 03 Febbraio 2016, 12:51
Bell'articolo.
Dubito però che i vari cinema staranno dietro a tutte queste innovazioni... tranne i multisala più grossi, gli altri non possono cambiare proiettore ogni 5-10 anni perché arriva il 4K-8K-32K-laser-chissàchealtro.
Commento # 3 di: Bestio pubblicato il 03 Febbraio 2016, 13:24
Tante belle cose, io però vorrei che si decidessero a produrre un proiettore casalingo 4k ad un prezzo decente, oramai il mio FHD mi sta veramente stretto!
Commento # 4 di: AlPaBo pubblicato il 03 Febbraio 2016, 13:41
Concordo con quanto pensano i tecnici di Cinemeccanica:
Originariamente inviato da: Articolo
stando ai tecnici di Cinemeccanica è forse questo (HDR) lo sviluppo più interessante che vedremo nei prossimi anni

3D, 8K e HFR portano minimi vantaggi per gli spettatori, mentre l'aumento di range dinamico ha effettivamente un impatto significativo sulla percezione ed è quindi quello più interessante. Gli altri tre sono per lo più invenzioni del marketing.
Commento # 5 di: Bestio pubblicato il 03 Febbraio 2016, 14:04
Originariamente inviato da: AlPaBo
Concordo con quanto pensano i tecnici di Cinemeccanica:

3D, 8K e HFR portano minimi vantaggi per gli spettatori, mentre l'aumento di range dinamico ha effettivamente un impatto significativo sulla percezione ed è quindi quello più interessante. Gli altri tre sono per lo più invenzioni del marketing.


PEr me invece dovrebbero puntare sul framerate, almeno 48fps, ma sarebbe ancora meglio 60.
Purtroppo la scattosità dei 24fps per me sta diventanto sempre più intollerabile (e meno male che c'è SVP, anche se non sarà mai come un 60fps reale.)
Commento # 6 di: al135 pubblicato il 03 Febbraio 2016, 14:31
appena è uscito sto schifo di 3d ho detto subito che faceva pena per la luminosita e per la definizione oltre che per la scomodità. e la gente uuuuuh belllo è TREDDIII1II1 !! maledetti ignoranti senza il minimo gusto.
ben venga l'hfr e direi che sarebbe anche ora. del 3d , seppur piu luminoso ne possiamo fare anche a meno.
Commento # 7 di: ThePolo pubblicato il 03 Febbraio 2016, 14:35
Originariamente inviato da: Bestio
PEr me invece dovrebbero puntare sul framerate, almeno 48fps, ma sarebbe ancora meglio 60.
Purtroppo la scattosità dei 24fps per me sta diventanto sempre più intollerabile (e meno male che c'è SVP, anche se non sarà mai come un 60fps reale.)

Ho guardato il secondo film de "Lo Hobbit" al cinema in HFR e sinceramente mi ha troppo dato l'idea di fittizio...a tratti sembrava un videogioco. Va bene se si tratta di CG, tipo Smaug era bellissimo, ma non per le scene classiche.
L'anno dopo sono andato a vedere "Interstellar" in IMAX 70mm ed era una gioia per gli occhi in tutti i sensi.
PS: tutti i film visti in sala Energia all'Arcadia di Melzo.
Commento # 8 di: +Benito+ pubblicato il 03 Febbraio 2016, 15:51
In attesa di andare a Melzo, sul 3D noto con rammarico che si punta sovente su aspetti tecnologici, mentre il principale difetto è la tecnica di ripresa. Scene con profondità di campo piccola nel 3D non si devono mai usare.
Commento # 9 di: Bestio pubblicato il 03 Febbraio 2016, 15:55
Originariamente inviato da: ThePolo
Ho guardato il secondo film de "Lo Hobbit" al cinema in HFR e sinceramente mi ha troppo dato l'idea di fittizio...a tratti sembrava un videogioco. Va bene se si tratta di CG, tipo Smaug era bellissimo, ma non per le scene classiche.
L'anno dopo sono andato a vedere "Interstellar" in IMAX 70mm ed era una gioia per gli occhi in tutti i sensi.
PS: tutti i film visti in sala Energia all'Arcadia di Melzo.


Anche a me, ma probabilmente era il film che non era fatto benissimo, prova a vedere anche una scena veloce girata con una GoPro a 60fps, e poi la stessa a 24fps non si può guardare!

Purtroppo per me Melzo è troppo lontano (ci vidi Avatar, SW ep1 il primo Spiderman), io se avessi la compagnia giusta me li farei anche 250km per vedere un film come si deve, ma i miei pseudo amici quando gli propongo una cosa del genere mi guardano come fossi un'alieno!
Commento # 10 di: Simonex84 pubblicato il 03 Febbraio 2016, 16:16
da ex-cineoperatore dico solo due cose, Cinemeccanica è stata, è e sarà sempre il TOP, la seconda è che il cinema, quello vero, va visto a 24 frame per secondo, su questo non ci sono discussioni.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor