Le migliori reflex entry-level e prosumer - Natale 2015

Le migliori reflex entry-level e prosumer - Natale 2015

di Alessandro Bordin , Roberto Colombo , pubblicato il

“Come orientarsi nella scelta di una fotocamera reflex, avendo ben in mente di non spendere troppo? Ecco alcuni criteri di scelta, nonché una raccolta di prodotti con sensore APS-C / DX che il mercato propone, con pro e contro. ”

Sony α77 Mark II

Sembra una reflex, ma non lo è. O almeno lo è solo in parte. Parlare di Sony α77 Mark II richiede una piccola introduzione alla tecnologia SLT che è alla base del progetto. Le reflex tradizionali si basano su un meccanismo a specchio ribaltabile che invia la luce che entra dall'obiettivo al mirino per permettere l'inquadratura e la messa a fuoco; quando si preme il pulsante di scatto lo specchio si solleva, lasciando che la luce passi in direzione del sensore (o della pellicola nelle vecchie reflex analogiche). Nell'istante in cui lo specchio è sollevato sia l'oculare del mirino, sia il modulo autofocus sono 'al buio' e quindi non si può né inquadrare, né mettere a fuoco. Sony da qualche anno propone la sua tecnologia Translucent Mirror Technology, che sostituisce allo specchio ribaltabile uno specchio fisso traslucido, che lascia passare circa tre quarti della luce verso il sensore e ne riflette circa un quarto verso il modulo autofocus. Al posto del mirino ottico utilizza un mirino elettronico, che mostra al fotografo direttamente le immagini riprese dal sensore. La tecnologia SLT a specchio semi-trasparente ha, nei piani di Sony, due vantaggi: mirino e modulo autofocus non sperimentano mai attimi di buio e possono essere sempre attivi, con il secondo che si basa, a differenza delle mirrorless, su un performante sistema a rilevazione di fase di tipo tradizionale.

24,3Mpixel
ISO 100-25600
726 grammi (corpo)
Video 1080p 60fps

Sony α77 Mk II utilizza un sensore CMOS Exmor APS-C da 24,3 megapixel e accetta le ottiche Sony A-Mount, ma anche tutte quelle del sistema Minolta AF da cui le fotocamere del produttore nipponico sono derivate. Si tratta di un parco ottiche abbastanza ampio, caratterizzato anche da obiettivi dalle qualità riconosciute a livello globale. Il comparto autofocus può contare su un sensore AF dedicato con 79 punti di cui 15 punti a croce. Come abbiamo già detto, la messa a fuoco non ha momenti di buio durante lo scatto e quindi può rimanere sempre agganciata al soggetto, anche quando quest'ultimo è in rapido movimento: questa caratteristica, unita all'elevata cadenza di scatto con 12 fotogrammi al secondo con AF attivo la rende una macchina fotocamera adatta alla fotografia d'azione, sia essa sportiva o naturalistica. In questi frangenti beneficia anche di un corpo tropicalizzato, che non teme umidità o polvere. Come tutte le reflex (e simili come in questo caso) di casa Sony, anche α77 Mark II è dotata di sistema di stabilizzazione sul sensore, che funziona con tutte le ottiche, anche le più vecchie.

Rispetto alle reflex, in cui il sistema di movimento dello specchio è responsabile di parte del peso, l'interpretazione Sony è più leggera delle concorrenti di pari fascia, facendo fermare l'ago della bilancia a 726 grammi in ordine di marcia. La fotocamera integra un mirino elettronico OLED da 2,36 milioni di punti, che in molti frangenti non fa rimpiangere il mirino ottico delle reflex: anzi in diversi casi, mostrando esattamente quello che riprende il sensore, rende più facile la valutazione dell'esposizione 'a occhio'. È disponibile poi un monitor posteriore da da 3 pollici con un particolare sistema snodato per inquadrature anche in posizioni complicate. Non manca poi il display LCD sulla spalla per avere a portata di sguardo tutti più importanti parametri di scatto. Il sensore è in grado di lavorare a sensibililità comprese tra 100-25600 ISO. A livello di interfaccia offre molti tasti personalizzabili e la doppia ghiera di regolazione. In ambito video permette di registrare filmati fino al formato Full HD 60p. Nella scheda tecnica non manca nemmeno la connettività Wi-Fi con tecnologia NF, per il collegamento e controllo remoto via smartphone.

PRO

  • Resistente a umidità e polvere
  • Autofocus a rilevazione di fase sempre attivo 
  • Raffica a 12fps
  • Wi-Fi e NFC
  • Doppia ghiera

CONTRO

  • Autonomia
  • Qualità alti ISO 
BenQ Monitor