Fujifilm: zoom standard, quale comprare? XC16-50mm, XF18-55mm e XF16-55mm WR a confronto

Fujifilm: zoom standard, quale comprare? XC16-50mm, XF18-55mm e XF16-55mm WR a confronto

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“Fujifilm produce oggi tre zoom standard, molto diversi tra loro. Si va dall'economico XC 16-50mm, reperibile a partire a 200 Euro, al professionale XF 16-55mm F2.8 da oltre 1000 Euro. Abbiamo voluto metterli a diretto confronto, per aiutare nell'acquisto chiunque fosse indeciso tra due o più di essi”

XF 18-55mm F2.8-4 R LM OIS

Prezzo medio rilevato: 500 Euro

L'XF 18-55mm è stato il primo zoom standard del sistema Fujifilm X, e rimane tutt'oggi il più equilibrato e versatile dei tre, nonché il preferito di molti utenti Fujifilm. Con la sua focale equivalente di 27-82.5mm nel formato 35mm è il classico zoom standard adatto a una moltitudine di situazioni di scatto, dal panorama al reportage, passando per il ritratto.

Costituito da 14 elementi in 10 gruppi, utilizza tre elementi asferici e uno a bassa dispersione, contenuti in un corpo in metallo che da impressione di grande solidità e precisione meccanica ma che mantiene peso e ingombri su livelli accettabilissimi: 65mm di diametro, circa 70mm di lunghezza, 310 grammi di peso (diametro filtri 58mm).


La minima distanza di messa a fuoco, pari a soli 60 cm (30-40 cm in modalità macro), si traduce in un rapporto di ingrandimento massimo pari a 0,15x (posizione tele). Il diaframma a 7 lamelle arrotondate si chiude fino a f/22.
Come indica la lettera R nella sigla, questo obiettivo è dotato di ghiera dei diaframmi. Trattandosi di uno zoom ad apertura variabile, però, la posizione dei diaframmi non è assoluta, come nel caso di molti obiettivi a focale fissa - si tratta invece di un controllo "by-wire", che risulta comunque molto pratico.


I controlli sul corpo obiettivo prevedono due switch, uno per attivare o disattivare lo stabilizzatore ottico (che non ha funzione panning) e uno per disabilitare la ghiera dei diaframmi e lavorare in automatismo (priorità di tempo o P). Seguono un'ampia ghiera di zoom (circa 23 mm di ampiezza, seguita dalla più piccola ghiera di messa a fuoco, 11 mm. Entrambe sono estremamente fluide e precise, e la ghiera di zoom, assolutamente priva di "gioco", non soffre nemmeno lontanamente di problemi di scorrimento. Molto ampia la corsa della ghiera AF, pari a circa 200°.


Non si tratta di un obiettivo a zoom interno - a 55mm, il barilotto interno si estende e la lunghezza complessiva arriva quasi a 100mm. Il portafiltri però non ruota, come invece accade a molti zoom economici, così l'utilizzo di filtri polarizzatori o digradanti risulta facilitato. 

Lo stabilizzatore ottico è accreditato da Fujifilm di 4 stop, dato a nostro parere ottimistico. In base alla nostra esperienza, l'OIS Fujifilm porta un vantaggio di circa 3 stop, o poco meno, il che non ne fa il prodotto leader di mercato ma ne fa comunque un utilissimo strumento per quanti di dedicano alla ripresa video.  
La velocità di messa a fuoco, 6 decimi di secondo per l'intera corsa, è nella media.

BenQ Monitor