Fujifilm X-A2, ecco la nuova mirrorless X entry-level

Fujifilm X-A2, ecco la nuova mirrorless X entry-level

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“Fujifilm rinnova la sua mirrorless entry-level con la X-A2. Schermo orientabile, nuovo obiettivo, nuove funzioni elettroniche e più autonomia, ma il sensore non è un X-Trans. ”

Risultati dei test


I test di Fotografi Digitali vengono effettuati con tutte le ottiche messe a disposizione dal produttore, a tutte le focali principali e a tutte le aperture di diaframma. Vengono pubblicati i risultati a 50mm, f/8 (50mm equivalenti, f/5.6 nel caso di formato APS-C) per la migliore combinazione ottica/fotocamera a nostra disposizione.   

La Fujifilm X-A2 è stata testata con gli obiettivi XF18-55mmF2.8-4 R LM OIS, XF35mmF1.4 R e XC16-50mmF3.5-5.6 OIS II. I risultati dei test di Risoluzione, LCA & Noise e Colore sono riferiti all'ottica XF35mmF1.4 R. I risultati dei test di Prestazioni sono riferiti all'ottica XF18-55mmF2.8-4 R LM OIS.

Con l'XF18-55mm la prestazioni sono complessivamente piuttosto buone, ma l'autofocus a sola rilevazione di contrasto soffre di focus hunting, a volte in modo anche molto evidente. Obiettivi lenti come l'XF35mm rendono l'effetto molto evidente - l'aggancio del soggetto può richiedere oltre 1 secondo. Buona la durata della raffica in scatto continuo, soprattutto considerando la categoria di fotocamera.

Il livello di dettaglio è molto elevato, e ha poco da invidiare ai modelli dotati di sensore X-Trans. La nitidezza risulta invece maggiormente penalizzata. Forse proprio per questo, il JPEG viene trattato in modo molto "aggressivo", con un oversharpening spinto che, in alcune circostanze, genera artefatti e da all'immagine un aspetto artificiale.  

  

L'aberrazione cromatica con l'XF35mm è molto contenuta, e questo non è una novità. La buona notizia è che anche l'XC16-50mm si è dimostrato un obiettivo qualitativamente molto valido. Il rapporto segnale/rumore a 6400 ISO è leggermente peggiore rispetto a X-T1 e altre mirrorless APS-C come la Samsung NX-1, ma non tanto da modificare la qualità percepita. Immagini molto pulite fino a 1600 ISO, e RAW utilizzabile per tutta la gamma di sensibilità disponibile (200-6400 ISO).

 

Buono il comportamento cromatico. Errori sempre molto bassi, anche grazie a un'esposizione pressoché perfetta. Efficace il bilanciamento automatico del bianco.  

BenQ Monitor