Sigma 24mm F1.4 DG HSM Art

Sigma 24mm F1.4 DG HSM Art

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“Sigma amplia la gamma di obiettivi Art, aggiungendo questa volta un 24mm di grande apertura che promette di essere un nuovo punto di riferimento nella sua categoria. ”

Sigma 24mm F1.4 DG HSM Art - Funzionalità e prestazioni

L'obiettivo viene fornito con paraluce e custodia di trasporto. Il corpo è costituito da alluminio e TSC (Thermally Stable Composite), uno speciale materiale che subisce una dilatazione termica analoga a quella dell'alluminio e che risulta più elastico del classico policarbonato (che contiene fibra di vetro); si riducono in questo modo le deformazioni in corrispondenza degli accoppiamenti tra parti, a tutto vantaggio della precisione meccanica.

Sul barilotto si trovano solo la scala delle distanze di messa a fuoco, scorrevole e protetta da una finestra trasparente, e il selettore AF/MF.


Al pari degli altri modelli Art, anche il 24mm appare molto robusto, ben rifinito e molto preciso nei movimenti. La ghiera di messa a fuoco è fluida ma offre la "giusta" consistenza per restituire al fotografo il necessario feedback tattile, e non mostra il minimo accenno di "gioco" quando si inverte la corsa. Ampia e convenientemente posizionata nella parte anteriore dell'obiettivo, può essere impugnata senza problemi dato che non ruota durante la messa a fuoco automatica. L'ergonomia è quindi impeccabile. La sua corsa è pari a circa 90°, che per questo tipo di focale è più che sufficiente a garantire la precisione necessaria per lavorare fino a f/1.4.

La velocità di messa a fuoco è, in assoluto, solo discreta: le due semi-corse (da minima distanza a 1 metro, da 1 metro all'infinito), sommate, arrivano a quasi un secondo (92 centesimi per la precisione), con 0,42 secondi per passare da infinito a 1 metro. I diretti concorrenti di Canon (EF 24mm f/1.4L II USM) e Nikon (AF-S 24mm f/1.4G ED) sono entrambi più veloci. Il Canon, decisamente più veloce (l'intera corsa richiede poco più di metà tempo). Chiaro comunque che, trattandosi di un obiettivo indirizzato prevalentemente al paesaggio, la velocità di messa a fuoco non è determinante.


La messa a fuoco si è dimostrata consistente, vale a dire sicura nell'agganciare e costante nel risultato assicurato. L'esemplare in nostro possesso ha comunque mostrato sul corpo macchina in uso un leggero front-focus di circa 5mm così, come spesso accade con ottiche molto luminose, è necessaria una taratura specifica per ottenere il massimo della precisione. Anche in questo caso, trattandosi di un obiettivo da paesaggio, un errore di pochi millimetri nella messa a fuoco risulterà quasi sempre ininfluente e potrà quindi essere trascurato; dato però che Sigma produce per questa gamma di obiettivi una docking station USB che consente, a un prezzo ragionevole, di effettuare tarature di questo tipo e di personalizzare la risposta dell'ottica, consigliamo di approfittarne.

BenQ Monitor