Sony A7S, quando meno è meglio

Sony A7S, quando meno è meglio

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“Sensore 35mm e risoluzione di "soli" 12 Mpixel sono il biglietto da visita della Sony A7S. Il dettaglio non è da record, ma la resa ad alti ISO è ai massimi livelli. Ottima per reportage e per le sue doti video (4K su supporto esterno), è penalizzata da un'autonomia ridotta. ”

Conclusioni

La A7S è una mirrorless innovativa, le cui peculiarità tecniche la indirizzano marcatamente verso un certo tipo di fotografia: reportage/street soprattutto, ma a livello amatoriale anche paesaggio (il non professionista potrà chiudere un occhio sul livello di dettaglio non eccezionale) e fotografia di viaggio.

In questi ambiti, la A7S da il meglio di sé in virtù della sua capacità di scattare quasi indifferentemente in pressoché ogni condizione di luce, e di essere più compatta di una reflex 35mm mantenendo però lo stesso formato di sensore, che è garanzia di qualità.


Certo, il sensore formato Full Frame obbliga a creare e utilizzare ottiche di dimensioni maggiori data l'assenza di moltiplicatore di focale, il che contrasta parzialmente il vantaggio della portabilità, ma si tenga conto che, rimanendo confinati al reportage, non servono focali molto lunghe. I veri e propri punti deboli, in quest'ambito, sono l'autonomia ridotta e l'assenza di tropicalizzazione, che impediscono di fare della A7S un validissimo strumento di lavoro per i reporter professionisti, come avrebbe per altri aspetti meritato.

Molto interessante anche per i videomaker di ambizioni elevate, grazie alle caratteristiche professionali (uscita 4K 8-bit non compressa, SLog2 gamma, zebra, focus peaking e formato XAVC S) e all'ideale sfruttamento, in quest'ambito, del sensore da 35mm da 12 Mpixel. 

Articoli correlati

Olympus OM-D E-M5 II

Olympus OM-D E-M5 II

Olympus aggiorna la capostipite della famiglia OM-D, cambiando poco e bene. La E-M5 II è più funzionale, versatile, e si distingue per mirino e stabilizzatore. Innovativa la modalità High Res.
Canon EOS 5Ds, 5Ds R, M3, 750D e 760D: tutte le novità dal vivo

Canon EOS 5Ds, 5Ds R, M3, 750D e 760D: tutte le novità dal vivo

Una mirrorless, due reflex APS-C e due reflex full frame 35mm gemelle: sono molti i prodotti che Canon ha voluto presentare venerdì scorso. Ecco il nostro report dalla presentazione e le prime impressioni dal vivo delle novità, in foto e in video live dall'evento. Canon EOS M3, EOS 750D e 760D, EOS 5Ds e 5Ds R sono le cinque nuove fotocamere, assieme all'ottica Canon EF 11-24 mm f/4L USM
Sony A7R e A7S, coppia vincente tra le mirrorless full frame

Sony A7R e A7S, coppia vincente tra le mirrorless full frame

Sony ha creato, con le A7 e A7R, due prodotti innovativi ed estremamente interessanti. Ha completato recentemente la gamma con la A7S, splendida per la fotografia in basse luci. Infine, ha annunciato la seconda generazione della A7 dall'affinata ergonomia. In attesa di poterla toccare con mano, ecco il report di una due giorni spesi con A7R e A7S.


Commenti (12)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: demon77 pubblicato il 15 Aprile 2015, 12:08
Che cannonata di macchina!

Certo, qualche limatura si può ancora fare.. (es. durata batteria non eccellente)
Ma la scelta di abbattere i mpx in favore di gamma dinamica e iso elevati mi piace davvero tantissimo.
Commento # 2 di: SENTINELLA pubblicato il 15 Aprile 2015, 13:28
Le mirrorless sono il futuro della fotografia. Io provengo da Canon e Nikon, ma se una delle due non comincia seriamente a concentrarsi sul mondo mirrorless, la mia prossima macchina sarà una Sony anche se dovrò rivendere il parco ottiche.
Spero che il sensore aumenti di poco il numero di pixel (pochi per carità e migliori la definizione (mi piace lo still life), per il resto avanti così!
Commento # 3 di: starlights74 pubblicato il 15 Aprile 2015, 13:50
Ci sono gli adattatori per tutte le Marche di ottiche, Canon e nikon comprese.
Se avesse il 4k in camera sarebbe stata mia già da un pezzo!
Ma sony ha collaborato con la ditta che crea i recorder 4k esterni e quindi credo che la storia del sensore che si scalda sia una balla e ci sia dietro una scelta commerciale.
Commento # 4 di: analfabeti01 pubblicato il 16 Aprile 2015, 08:32
Mi risulta che la macchina sia tropicalizzata
Commento # 5 di: Opteranium pubblicato il 16 Aprile 2015, 09:17
bè, più che la macchina in oggetto mi soprende la resa ad alti iso della x-t1

Se a 6400 preseta un tasso di rumore solo un punto percentuale superiore a questa, peraltro dotata di un sensore due volte e mezzo più grande e col 25% in meno di pixel, non posso che dire.. brava fuji
Commento # 6 di: +Benito+ pubblicato il 16 Aprile 2015, 10:36
Sono sempre scettico sulle prove ad alti iso.
La resa del sensore cambia radicalmente in base alla quantità di luce, mentre nei test, in genere, non si fanno mai prove a lux variabili. Scattare a 3200 di giorno non è come scattare a 3200 di notte ed i risultati possono essere mooolto differenti.
Commento # 7 di: ficofico pubblicato il 16 Aprile 2015, 11:31
non posso che dire.. brava fuji


Io cambierei in .... bara fuji..

The X-T1's high ISO image quality is excellent, with rich colours and low noise. This is something of a characteristic of Fujifilm's X-Trans CMOS sensor and associated image processing, although it's also important to understand that Fujifilm's extremely conservative sensitivity ratings mean that ISO6400 on the X-T1 is closer to ISO4000 on most other cameras. Even taking this into account, though, the X-T1 produces very good results.


http://www.dpreview.com/reviews/fujifilm-x-t1/13

E poi il problema con le fuji è che è vero che non c'è rumore, ma non c'è neanche dettaglio...
Commento # 8 di: analfabeti01 pubblicato il 16 Aprile 2015, 12:37
Originariamente inviato da: +Benito+
Sono sempre scettico sulle prove ad alti iso.
La resa del sensore cambia radicalmente in base alla quantità di luce, mentre nei test, in genere, non si fanno mai prove a lux variabili. Scattare a 3200 di giorno non è come scattare a 3200 di notte ed i risultati possono essere mooolto differenti.


Assolutamente corretto
Commento # 9 di: flapane pubblicato il 16 Aprile 2015, 12:46
Originariamente inviato da: demon77
Che cannonata di macchina!

Certo, qualche limatura si può ancora fare.. (es. durata batteria non eccellente)
Ma la scelta di abbattere i mpx in favore di gamma dinamica e iso elevati mi piace davvero tantissimo.


E'una pecca un po' di tutte le mirrorless Sony. La a6000 mi obbliga a portar dietro una seconda batteria che, in casi di utilizzo più intenso, è necessaria.
Ma il rapporto peso/prestazioni, beh, allevia di tantissimo il problema.

Notevole il voler finalmente limitare il numero di Mpixel, visto che non parliamo di una macchina da professionisti che necessitano di stampe di chissà quale dimensione.
Non ho mai avuto problemi particolari, coi 10 Mpixel della D80.
Commento # 10 di: demon77 pubblicato il 16 Aprile 2015, 14:00
Originariamente inviato da: flapane
E'una pecca un po' di tutte le mirrorless Sony. La a6000 mi obbliga a portar dietro una seconda batteria che, in casi di utilizzo più intenso, è necessaria.
Ma il rapporto peso/prestazioni, beh, allevia di tantissimo il problema.

Notevole il voler finalmente limitare il numero di Mpixel, visto che non parliamo di una macchina da professionisti che necessitano di stampe di chissà quale dimensione.
Non ho mai avuto problemi particolari, coi 10 Mpixel della D80.


Io ho regalato alla mia ragazza la NEX3 qualche anno fa.. e in effetti la batteria si consuma davvero alla svelta.
Io uso una nikon D5000 che ha una batteria del tutto similare e ci faccio praticamente il doppio degli scatti..
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor