Olympus OM-D E-M5 Mark II: la mirrorless fino a 40 megapixel

Olympus OM-D E-M5 Mark II: la mirrorless fino a 40 megapixel

di Roberto Colombo , pubblicato il

“Olympus presenta l'erede del modello che fu capostipite della serie OM-D: ecco Olympus OM-D E-M5 Mark II, un ponderato rinnovo con nuove funzionalità interessanti. Grazie a un innovativo sistema multi scatto che sfrutta la stabilizzazione per muovere il sensore di mezzo pixel alla volta la macchina arriva a scattare immagini a ben 40 megapixel di risoluzione”

Un obiettivo: rendere tutto facile, senza passare dal PC

Come avevamo già avuto modo di dire negli ultimi tempi Olympus ha lavorato molto per ottimizzare con funzionalità avanzate un comparto tecnico ormai collaudato: il concetto su cui ha lavorato il marchio giapponese è quello di rendere più semplici operazioni che generalmente richiedono o una profonda conoscenza tecnica oppure un successivo passaggio di lunga post produzione su PC.

Per chi ama le pose lunghe e si vuole cimentare nel light painting sono molto interessanti le funzionalità legate alla posa B e alla posa T. Abbiamo già avuto modo di apprezzare le possibilità creative della funzione Live Bulb, una posa B o T in cui è possibile seguire sul display in tempo reale l'andamento dell'esposizione e fermare lo scatto quando si raggiunge il risultato voluto. A questa funzione se ne aggiunge una molto particolare che effettua uno scatto correttamente esposto (o esposto secondo i voleri del fotografo) e ad esso aggiunge una sorta di posa B/T in cui vengono modificare solo le porzioni dell'immagine che ricevono nuova luce: è possibile così ad esempio scattare la foto di un tramonto correttamente esposta e poi divertirsi con il light painting a scrivere e disegnare sulla foto, senza che l'esposizione dello sfondo venga bruciata.

Nella recensione di OM-D E-M1 avevamo già visto come Olympus avesse incluso funzionalità per rendere più facile la vita a chi si approccia al mondo dei video pur non avendo a casa un PC dalle prestazioni tali da poter operare una efficace post produzione. Direttamente mentre si registra il video si possono aggiungere effetti, transizioni, cambiare picture style e filtri creativi e anche scegliere una porzione dell'inquadratura in cui effettuare una zoomata. Si tratta di uno strumento molto interessante, ma che richiede, per arrivare a buoni risultati, di sapere bene già in fase di ripresa esattamene cosa fare.

Sulla nuova E-M5 Mark II debutta una nuova funzionalità: essa permette di registrare brevi clip (fino a 16 secondi) e di effettuare montaggio e post produzione con effetti e transizioni direttamente dal display della fotocamera, eliminando le clip inutili e riordinandole a piacere. In questo modo si può ottenere un filmato completamente montato già quando si arriva a casa pronto sulla scheda oppure da condividere direttamente sui social grazie alla connettività Wi-Fi e l'app per smartphone

BenQ Monitor