Leica T: in prova l'inedita mirrorless tedesca

Leica T: in prova l'inedita mirrorless tedesca

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“A 100 anni dall'introduzione del formato 35mm, Leica porta al debutto il nuovo sistema T. Design mirrorless, formato APS-C e tanta elettronica per quello che il costruttore spera diventi un nuovo classico. ”

Il corpo macchina

Si è parlato molto del design della Leica T, le cui linee sono state create in collaborazione con il centro stile Audi, e del suo corpo unibody ricavato da un blocco solido di alluminio. Alcuni dettagli curiosi meritano di essere citati, come ad esempio quello del peso: il blocco di alluminio iniziale pesa 1600 grammi; dopo la fresatura e la finitura manuale, quello che è ormai diventato il telaio della Leica T pesa solo 94 grammi.


Andando oltre aneddoti e curiosità, quello a cui siamo qui maggiormente interessati è, comunque, l'efficacia. Iniziamo col dire che ghiere e pulsanti sono ridotti al minimo - talmente pochi che la prima impressione è di avere tra le mani una punta-e-scatta. Sul frontale non si trova nient'altro che il pulsante di rilascio dell'obiettivo e l'illuminatore ausiliario AF. Poco di più sulla parte superiore: la ghiera di accensione (con pulsante di scatto concentrico) funge anche da attivazione per il flash a scomparsa, posizionato leggermente a destra dell'obiettivo (NG 4.5 @100 ISO); alla sua sinistra, la slitta a contatto caldo che include i contatti elettici per il mirino elettronico opzionale; due ghiere di comando e un pulsante di registrazione video completano il breve elenco.

Il dorso è interamente occupato dal display touch screen. Sul lato destro, uno sportellino in plastica copre il vano per memory card SD e una porta micro USB. La batteria si trova invece sul fondo, con la base della batteria stessa che funge da copertura del vano. Il peculiare e ricercato meccanismo di sblocco estrae la batteria, che però non cade, dato che il rilascio completo avviene solo premendo leggermente la batteria stessa.

Tra le peculiarità meno evidenti di questo design, citiamo la vite di aggancio al cavalletto, centrata sul corpo macchina ma non sull'ottica, i perni rotanti che sostituiscono le classiche feritoie per la tracolla (easy click), e la memoria integrata di ben 16 GB. Molte fotocamere offrono una piccola quantità di memoria integrata per qualche scatto "di emergenza", ma questo modello consente di fatto, a chi lo desidera, di fare a meno delle schede di memoria. Manca invece un'uscita HDMI per la connessione diretta alla TV.

BenQ Monitor