Phase One iQ250: nuovi orizzonti grazie al CMOS

Phase One iQ250: nuovi orizzonti grazie al CMOS

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“Phase One passa al CMOS, portando la fotografia medio formato in epoca moderna. I puristi non temano: il colore è quello dei dorsi Phase One CCD; in compenso, le prestazioni in termini di alti ISO e velocità sono decisamente superiori, e anche la gamma dinamica supera quella dei precedenti CCD di 1 stop. ”

Esperienza d'uso

La struttura in alluminio e l'uso di batterie ai polimeri di litio rende il dorso leggero e maneggevole. L'aggancio alla fotocamera è veloce e sicuro, e il display è, di nuovo, qualcosa di mai visto in questo mondo: la sola disponibilità di una "seria" modalità Live View, ennesima cortesia del sensore CMOS, basta per gridare al miracolo.

Nel caso specifico, il display è anche di risoluzione elevata e consente un ragionevole controllo della messa a fuoco grazie alla possibilità di ingrandire al 100% l'immagine visualizzata. Inspiegabilmente, mancano però ancora alcune "finezze" come la funzione focus peaking in fase di scatto - tanto più strano se si considera che la stessa è disponibile in fase di revisione dello scatto, insieme al controllo alte luci. Un doppio peccato, dato che il sistema AF del corpo macchina 645DF+ (cosa del resto piuttosto comune tra le medio formato) è piuttosto arcaico se confrontato con quello di una reflex anche entry-level - tre soli punti, ravvicinati, e se si usa la modalità AF Normal (che affina continuamente la messa a fuoco) e non si assegna un pulsante al blocco AF, persino una semplice ricomposizione è una sfida.  

 

I pulsanti sensibili al contesto non sono mai i nostri preferiti, dato che impediscono di utilizzare la macchina "a memoria", ma in questo caso la velocità operativa raggiungibile è più che adeguata per i ritmi di scatto tipici del medio formato, quindi nessun reale problema. L'organizzazione del menu, assolutamente lineare, consente a chiunque di padroneggiare il dorso in pochi minuti, partendo da una schermata iniziale a quattro zone (Play, Menu, ISO e White balance).

BenQ Monitor