Instagram, nuovi termini d'uso, clausola arbitrale: facciamo chiarezza

Instagram, nuovi termini d'uso, clausola arbitrale: facciamo chiarezza

di Roberto Colombo , pubblicato il

“Entriamo nel dettaglio dei nuovi Termini d'Uso di Instagram, in vigore dal 19 gennaio prossimo, il cui cambiamento ha scatenato la rivolta degli utenti, fino alla class action: con il parere di un esperto di giurisprudenza un approfondimento sulla clausola compromissoria”

La clausola compromissoria: il parere dell'esperto di giurisprudenza

Per questo approfondimento sulla clausola compromissoria ci siamo avvalsi della collaborazione del dott. Valentino Spataro che cura i contenuti del sito www.civile.it/internet. Spataro ha anche trattato direttamente la tematica legata al cambiamento dei Termini d'Uso di Instagram in uno dei suoi podcast, trovate l'audio (da ascoltare in linea o scaricare per un ascolto successivo) a questo indirizzo.

La clausola compromissoria, detta anche clausola arbitrale, è quella clausola che permette alle parti di arrivare più velocemente a un accordo, in caso di contrasto, davanti ad un giudice privato scelto dalle parti, senza passare dalla giustizia ordinaria e quindi dal tribunale.

Generalmente la clausola arbitrale è positiva per entrambe le parti, perché permette di risolvere i contrasti in modo più veloce e spesso migliore. In tal senso si sta muovendo anche l'Europa invitando a ricorrere ad arbitri invece che a giudici.

È opportuno sottolineare come nei diversi sistemi giuridici la clausola compromissoria possa avere risvolti diversi. La clausola arbitrale può rendere difficile l'esercizio dei diritti o impedire le class action: questo pare essere il caso degli Stati Uniti, motivo per cui l'inserimento di tale clausola all'interno dei Termini d'Uso di Instagram ha suscitato tanto clamore nella community del popolare social network fotografico. Instagram lo dice chiaramente nella nuova clausola, l'utente accettando i nuovi termini d'uso, ossia continuando ad utilizzare il servizio, il cui uso sottintende l'accettazione delle condizioni generali, rinuncia al diritto di muovere una class action. Per rendere chiaro il concetto Instagram introduce la nota utilizzando il carattere maiuscolo: "ARBITRATION NOTICE: EXCEPT IF YOU OPT-OUT AND EXCEPT FOR CERTAIN TYPES OF DISPUTES DESCRIBED IN THE ARBITRATION SECTION BELOW, YOU AGREE THAT DISPUTES BETWEEN YOU AND INSTAGRAM WILL BE RESOLVED BY BINDING, INDIVIDUAL ARBITRATION AND YOU WAIVE YOUR RIGHT TO PARTICIPATE IN A CLASS ACTION LAWSUIT OR CLASS-WIDE ARBITRATION"

In Italia, essendo diverso il meccanismo della class action, una clausola arbitrale non può bloccare una class action: la 'versione' italiana di tale iniziativa è molto diversa da quella statunitense, tanto da rendere l'appellativo stesso 'class action' non esattamente applicabile nel caso italiano.

In ogni caso le clausole vessatorie vanno approvate per iscritto (carta e penna oppure PEC): diversamente, in Italia non hanno valore legale. C'è una novità però: le Camere di commercio ma anche le autorità (Antitrust in primis) possono fare elenchi di clausole vessatorie che non hanno valore in Italia. Si tratta di un meccanismo che vuole ottenere la rimozione di clausole nulle, oltre che fastidiose, senza bisogno di una causa: l'intento è quello di riuscire a velocizzare la risoluzione delle controversie tra le parti.

Articoli correlati

Fotografia tradizionale e cellulare: due mondi che non si parlano?

Fotografia tradizionale e cellulare: due mondi che non si parlano?

Da un lato il Photoshow con numeri in calo, dall'altro Facebook che mette sul piatto un miliardo di dollari per comprare Instagram: la fotografia tradizionale e il mondo dei cameraphone sono due mondi che sembrano vivere su binari separati. Ha ancora senso?
Instagram per Android: primo contatto

Instagram per Android: primo contatto

Da poche ore Instagram è sbarcato su Android: ecco le nostre prime impressioni sull'applicazione, sugli effetti e sulle foto


Commenti (7)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: doc1980 pubblicato il 04 Gennaio 2013, 09:24
Il mondo non è finito a causa della profezia dei Maya ma Facebook, Instagram e compagnia bella hanno buone probabilità di rincoglionirlo del tutto.

La gente ormai fotografa anche la propria m***a che fa la mattina al bagno per poi postarla su fb commentandola pure...

...un ragazzo passa più tempo a corteggiare una ragazza (o viceversa) su fb invece di telefonare ed invitarla/o ad uscire (anzi ti prenderebbero troppo sul serio)...

...si fotografano i piedi con l'effetto seppia e hanno paura che vendano la loro foto ricavandone milioni di dollari!!

Vien quasi da ridere ma in realtà ci sarebbe da piangere.
Commento # 2 di: +Benito+ pubblicato il 04 Gennaio 2013, 11:54
Complimenti per l'immagine.
Commento # 3 di: Pakos6600 pubblicato il 04 Gennaio 2013, 13:49
ho semplicemente cancellato l'account la scorsa settimana, sti social network hanno raggiunto l'apice, sarà come MSN, non dureranno in eterno
Commento # 4 di: PhoEniX-VooDoo pubblicato il 04 Gennaio 2013, 16:30
Originariamente inviato da: Pakos6600
ho semplicemente cancellato l'account la scorsa settimana, sti social network hanno raggiunto l'apice, sarà come MSN, non dureranno in eterno


i social network non sono il male in assoluto, il problema è che sono lo strumento ideale per esprimere l'unica cosa che Albert Einstein considerava sicuramente infinita
Commento # 5 di: benzolo pubblicato il 05 Gennaio 2013, 20:31
stampare

scusate ma il tasto stampa è scomparso?
Commento # 6 di: aspirina pubblicato il 05 Gennaio 2013, 21:25
penso che ho fatto bene ad non essermi mai registrato... questi cambi improvvisi portano poi ai limiti dei contratti sottoscritti, che a volte manco leggiamo...
Commento # 7 di: maxmax80 pubblicato il 08 Gennaio 2013, 01:20
il declino dei social network inizierà quando facebook crollerà (più o meno volontariamente) in borsa.
quando inizieranno a calare le iscrizioni, il titolo perderà terrento e fiducia.
è facilmente intuibile.
massimo 5 anni.
forse anche prima.
BenQ Monitor