Sony Alpha A99: primo contatto e primi scatti con la full frame da 24,3 megapixel

Sony Alpha A99: primo contatto e primi scatti con la full frame da 24,3 megapixel

di Roberto Colombo , pubblicato il

“Abbiamo sfruttato un evento Sony per un primo contatto dal vivo con Sony Alpha A99, la full frame 35mm da 24,3 megapixel con cui Sony sfida il duopolio pieno formato Canon/Nikon”

Sony Alpha α99: raffica e autofocus i punti di forza

La tecnologia SLT Translucent mirror di Sony ha un indubbio vantaggio, che abbiamo avuto modo di apprezzare sul campo con Sony Alpha A77: la mancanza dello specchio reflex con meccanismo a ribaltamento permette a Sony di giocare con agio su due fronti: da un lato la raffica, dall'altro l'autofocus. Senza lo specchio in movimento la raffica può essere più veloce, non deve attendere il movimento del meccanismo reflex. Grazie allo specchio semitrasparente, poi, il modulo autofocus a rilevazione di fase da 19 punti, di cui 11 a croce, può essere sempre attivo e vigile sulla scena, anche durante le raffiche più veloci. In più Sony ha scelto di integrare sulla superficie del sensore Exmor CMOS full-frame da 24,3 megapixel effettivi ben altri 102 sensori a rilevazione di fase.

La velocità dell'autofocus è effettivamente l'aspetto che colpisce maggiormente impugnando Sony Alpha A99: probabilmente Sony ha integrato la tecnologia già utilizzata in passato per avviare la procedura di messa a fuoco già quando il fotografo avvicina l'occhio al mirino elettronico, utilizzando il sensore di prossimità che commuta la visualizzazione tra display e mirino OLED. Sta di fatto che la sensazione che si ha è che andando a premere il pulsante di scatto, l'autofocus abbia fatto già il suo lavoro ancor prima che il tasto sia arrivato a metà corsa. Questo anche in interni caratterizzati da scarsa illuminazione e soggetti a basso contrasto.

Il sistema studiato da Sony dovrebbe dare il suo meglio nell'inseguimento dei soggetti, con i 102 punti a rilevazione di fase sul sensore deputati ad assistere il modulo autofocus quando il soggetto esce dalla zona di copertura di quest'ultimo, o negli spazi tra un punto sensibile e l'altro. Non abbiamo potuto mettere veramente alla prova il sistema su soggetti difficili, ma da quel poco che abbiamo potuto vedere dal vivo il sistema aggancia e segue bene i soggetti che si spostano. Non ci ha convinto del tutto il posizionamento dei 102 punti sul sensore: essi coprono molto bene e in modo fitto la parte centrale del fotogramma, ma si estendono poco al di là della copertura del modulo a 19 punti, limitando alla zona centrale del fotogramma quella dove l'inseguimento è disponibile. Inoltre al momento la modalità di messa a fuoco Dual AF-D, che utilizza entrambi i sistemi in contemporanea è disponibile con sole 6 ottiche: il numero sarà comunque allargato nei prossimi mesi con aggiornamenti firmware.

Per quanto riguarda la raffica Sony Alpha A99 è in grado di scattare sequenze di immagini alla massima risoluzione a una velocità massima di 6 frame al secondo, o di 10 fps in modalità Tele-zoom ad alta velocità. L'autofocus riesce a stare al passo con la raffica, purtroppo il buffer dell'esemplare che abbiamo provato no. Dopo un numero limitato di scatti la raffica rallenta in modo sensibile. La prova è stata effettuata con una scheda SD ADATA con velocità di scrittura massima pari a 45 MB/s.

BenQ Monitor