Ghiera dei modi: una piccola guida per usarla al meglio

Ghiera dei modi: una piccola guida per usarla al meglio

di Roberto Colombo , pubblicato il

“È presente sulla spalla di buona parte delle fotocamere in circolazione, ma spesso viene ignorata dai fotografi. Stiamo parlando della ghiera dei modi, in grado di cambiare radicalmente il comportamento di una macchina fotografia: ecco una guida per usarla al meglio”

Considerazioni finali

Le fotocamere dedicate a un pubblico esperto spesso riportano sulla ghiera la possibilità di richiamare uno o più profili personalizzati, senza la necessità di passare dal menu per impostare i parametri. Generalmente è possibili personalizzare il modo d'uso, la sensibilità, il profilo colore, la modalità di lavoro dell'autofocus. È possibile creare quindi, ad esempio, la propria scena per le fotografie sportive o il bianco e nero e avere i parametri giusti a portata di un click della ghiera.

Sebbene il principio di funzionamento sia lo stesso per le ghiere dei diversi produttori, ci possono essere alcune piccole differenze apprezzabili o meno dagli utenti. Alcune ghiere hanno una rotazione continua, altre invece vedono un blocco di fine corsa all'inizio e alla fine: nel secondo caso per passare dal primo all'ultimo modo è necessario scorrere tutta la ghiera e non è possibile saltare direttamente da uno all'altro.

Le ghiere possono essere poi più morbide o più dure da azionare a seconda della scelta del produttore: ghiere più morbide sono più facili da azionare, mentre quelle più dure sono più sicure contro un azionamento accidentale. Questo è uno dei motivi per cui i prodotti professionali demandano la scelta del modo di scatto alla combinazione di pulsante+ghiera di regolazione o integrano un meccanismo di blocco: entrambe le azioni sono più macchinose, ma molto più sicure contro l'azionamento accidentale, davvero deleterio nei casi in cui è necessario non sbagliare nemmeno uno scatto.

Come abbiamo visto la ghiera dei modi è quell'elemento fondamentale che decide il comportamento della macchina fotografica, trasformadola da pura punta&scatta in strumento creativo nelle mani del fotografo. Le modalità automatiche non sono da demonizzare, in quanto rappresentano un mezzo veloce per accedere a parametri di scatto ottimizzati per situazioni anche difficili e per la loro funzione didattica nei confronti del pubblico neofita, ma certamente le modalità semiautomatiche e ancora di più quelle manuali sono quelle che permetto ad ogni fotografo di mettere a frutto la propria creatività.

Trovate le nostre guide precedenti, riguardanti la scelta della fotocamera e le basi della fotografia a questa pagina: Fotografi Digitali - Tutte le guide.

Articoli correlati

La fotografia fatta semplice: l'inquadratura

La fotografia fatta semplice: l'inquadratura

Breve guida per iniziare ad affrontare la fotografia, ancora prima dello scatto, con un approccio ragionato. In questa guida ci occuperemo dei fondamenti dell'inquadratura, al fine di sensibilizzare l'utenza alle prime armi a problemi che riguardano il giusto posizionamento dei soggetti e dell'apparecchio fotografico stesso
Fotocamera: sì ma quale? Reflex, mirrorless o compatta?

Fotocamera: sì ma quale? Reflex, mirrorless o compatta?

Si fa presto a dire macchina fotografica. Se fino a poco tempo fa le categorie del digitale erano due e ben divise (reflex e compatte) ora il mercato propone molte intepretazioni: ecco una panoramica per orientarsi meglio


Commenti (27)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: acerbo pubblicato il 26 Giugno 2012, 12:30
Articolo senza senso. Potevate almeno contestualizzarlo in una sorta di corso di fotografia "a puntate". Messo così e scritto così è veramente inutile.
Commento # 2 di: birmarco pubblicato il 26 Giugno 2012, 12:43
Ma che senso ha? Tutto quello che c'è scritto poteva essere riassunto in 10 righe, e l'articolo in sè non dice nulla di più del manuale della macchina fotografica. Almeno qualche consiglio d'uso, non so... penso che lo sappiano tutti che la ghiera attiva funzionalità diverse e penso che tutti sappiano a cosa servono le modalità Av, Tv e M se hanno mai dato una scorsa veloce al manuale della macchina...
Commento # 3 di: opelio pubblicato il 26 Giugno 2012, 13:05
"Questa modalità di utilizzo della fotocamera è utile anche in tutti quei casi in cui l'esposimetro è messo in seria difficoltà (ad esempio se non mette a disposizione l'opzione Spot a misurazione ristretta) e invece seguire alcune regole fisse può risultare più efficace per ottenere un'esposizione corretta: è ad esempio questo il caso delle foto alla luna"

Mi scusi signor R.Colombo, ma Lei, sulla base di quale esperienza/riconoscimento/attestato scrive (peraltro con i soliti errori di battitura che continua ad ignorare) di fotografia?
Commento # 4 di: Human_Sorrow pubblicato il 26 Giugno 2012, 13:07
Originariamente inviato da: acerbo
Articolo senza senso. Potevate almeno contestualizzarlo in una sorta di corso di fotografia "a puntate". Messo così e scritto così è veramente inutile.


Originariamente inviato da: birmarco
Ma che senso ha? Tutto quello che c'è scritto poteva essere riassunto in 10 righe, e l'articolo in sè non dice nulla di più del manuale della macchina fotografica. Almeno qualche consiglio d'uso, non so... penso che lo sappiano tutti che la ghiera attiva funzionalità diverse e penso che tutti sappiano a cosa servono le modalità Av, Tv e M se hanno mai dato una scorsa veloce al manuale della macchina...


Commento # 5 di: ziozetti pubblicato il 26 Giugno 2012, 13:44
Alla festa dell'asilo ho visto un sacco di reflex con la ghiera inchiodata su "quadratino verde" (alias modalità scimmia) e flash integrati che sparavano da 15 metri (per illuminare le teste degli astanti, non certo il palco).
Idem al saggio di pattinaggio, però le distanze in gioco erano maggiori.

PS: alla festa dell'asilo però ho anche visto una reflex a PELLICOLA!
Commento # 6 di: acerbo pubblicato il 26 Giugno 2012, 13:55
Originariamente inviato da: Human_Sorrow


Commento # 7 di: birmarco pubblicato il 26 Giugno 2012, 14:37
Originariamente inviato da: Human_Sorrow


Che significa?
Commento # 8 di: Edward Monte pubblicato il 26 Giugno 2012, 15:48
Originariamente inviato da: ziozetti

PS: alla festa dell'asilo però ho anche visto una reflex a PELLICOLA!


Ti stupisce così tanto? Non siamo la maggioranza, ma ci siamo e siamo in tanti.

Per quanto riguarda l'articolo, non avendo una digitale ero curioso di scoprire il significato di tutti quei simboli sulla ghiera e, soprattutto, i risultati che producono, giusto per curiosità, ma non se ne parla.
Commento # 9 di: ziozetti pubblicato il 26 Giugno 2012, 15:59
Originariamente inviato da: Edward Monte
Ti stupisce così tanto? Non siamo la maggioranza, ma ci siamo e siamo in tanti.

Si, mi ha stupito sentire il rumore del trascinamento e mi ha colpito la mancanza del display sul dorso.

Mi ha stupito più che altro l'occasione.
Per quanto riguarda l'articolo, non avendo una digitale ero curioso di scoprire il significato di tutti quei simboli sulla ghiera e, soprattutto, i risultati che producono, giusto per curiosità, ma non se ne parla.

Non hai perso nulla, sono tutti programmi farlocchi preimpostati, inutili nel 101% dei casi.
C'erano già sulle reflex a pellicola di qualche anno fa comunque.
Commento # 10 di: DIDAC pubblicato il 26 Giugno 2012, 17:00
Originariamente inviato da: ziozetti
Alla festa dell'asilo ho visto un sacco di reflex con la ghiera inchiodata su "quadratino verde" (alias modalità scimmia) e flash integrati che sparavano da 15 metri ...



come non quotarti
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor