Mattia Vacca: il mio segreto? Lavorare 'in punta di piedi'

Mattia Vacca: il mio segreto? Lavorare 'in punta di piedi'

di Roberto Colombo , pubblicato il

“Abbiamo incontrato Mattia Vacca, fresco vincitore di categoria al Renaissance Prize 2012 e giunto secondo di categoria ai Sony World Photography Awards: nell'intervista ci svela come ha iniziato e quale stile adotta per i suoi lavori”

Galleria fotografica: S'Ardia e gli altri lavori di Mattia Vacca

Vi proponiamo alcuni degli scatti più significativi dei lavori di Mattia Vacca: nella galleria abbiamo dato ampio spazio alle fotografie in formato quadrato del progetto S'Ardia, protagonista ai SWPA 2012, ma trovate anche un paio di foto del lavoro su Srebrenica e un assaggio del lavoro "Fascists" incentrato sul'estrema destra. Come detto in apertura vi rimandiamo al prossimo appuntamento con Mattia per i consigli a chi si avvicina al mondo della fotografia e a chi vorrebbe provare a fare della fotografia la propria professione.

Articoli correlati

I Sony World Photography Awards 2012 parlano italiano

I Sony World Photography Awards 2012 parlano italiano

Ogni anno i Sony World Photography Awards colgono l'essenza della fotografia a livello mondiale: sebbene non figurino tra i vincitori finali i diversi italiani giunti in finale raccontano di una situazione vivace anche nel nostro Paese
Valentina Cusano su fotografidigitali.it

Valentina Cusano su fotografidigitali.it

Inauguriamo con questo articolo un filone di interviste ai professionisti della fotografia, un campo mai come oggi pieno di problemi e contraddizioni, ma che offre grandi stimoli e opportunità anche grazie all'avvento del digitale. Valentina Cusano, fotografa e creativa a tutto tondo, ci parla del suo percorso artistico e professionale, con qualche consiglio per chi inizia.
SWPA 2011: le foto più belle hanno una storia da raccontare

SWPA 2011: le foto più belle hanno una storia da raccontare

La premiazione dei Sony World Photography Awards ci permette di gettare uno sguardo tra i migliori scatti del 2010/2011. Non basta una bella inquadratura, una foto deve saper raccontare una storia e lo può fare anche dal sensore di un cellulare


Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: RR2 pubblicato il 26 Giugno 2012, 11:39
Successone di commenti eh
Scherzi a parte, potendo, farei al sig. Vacca queste 3 domande:

Leggendo l'intervista sembra che nel 2006 abbia iniziato a fotografare per lavoro con il Corriere di Como, è realmente così? Nessun'altra esperienza precedente?
Quello che mi incuriosisce è capire se oggi, da "sconosciuto" basta presentarsi in un giornale, con 10/12 scatti adatti al ruolo che si vuole coprire, e questo è sufficiente per iniziare una collaborazione. Credevo che il mercato fosse fin troppo affollato, o semplicemente i giornali accettano tutti quelli validi, tanto poi pagano solo a seconda delle foto consegnate e accettate?

Nella Sua dotazione, macchine di indubbia qualità e "toy camera". Se legge qualche forum spesso il semplice appassionato rincorre esclusivamente l'ultimo modello di macchina e ottiche di altissima qualità. Feticismo, reale necessità o altro?

Vedendo le immagini sul Suo sito immagino siano state scelte per rappresentarLa professionalmente: fascisti, stragi, massacri, povertà, politici italiani... Godendo di libertà totale cosa vorrebbe fotografare o cosa vorrebbe aver fotografato?
BenQ Monitor