Olympus OM-D, vintage digitale: primo contatto

Olympus OM-D, vintage digitale: primo contatto

di Roberto Colombo , pubblicato il

“Non solo un restyling vintage delle sue PEN: per la sua nuova OM-D E-M5 Olympus ha creato una nuova posizione in gamma: dalle immagini l'avevo catalogata come un semplice esercizio di stile vintage in salsa PEN, ma il primo contatto dal vivo con Olympus OM-D E-M5 mi ha visto cambiare nettamente idea.”

Un prodotto ben riuscito

Negli scorsi mesi l'abbiamo detto più di una volta: dopo aver contribuito alla prima evoluzione delle fotocamere mirrorless, Olympus con le sue PEN ha attraversato una fase di stanca, riuscendo a mettere sul piatto poche reali innovazioni. Guardando i semplici dati tecnici della nuova OM-D E-M5 avevamo temuto di essere di fronte a un ulteriore restyling di poca sostanza della serie PEN, ma al primo contatto ci siamo dovuti ricredere.

Olympus con OM-D ha creato una nuova serie di EVIL nella sua gamma ed effettivamente la sensazione non è quella di impugnare una PEN. Il richiamo alla vecchia serie reflex OM è anche tattile oltre che visivo e sicuramente farà sentire a proprio agio quelli che decideranno di traghettare il proprio parco ottiche Olympus OM sul digitale con la nuova nata del produttore nipponico.

Il mirino da 1,440K punti svolge molto bene il suo lavoro ed è abbastanza definito anche per una messa a fuoco manuale precisa, con la possibilità di sfruttare l'ingrandimento per aggiungere precisione. Il sensore da 16 megapixel e il processore TruePic VI rappresentano un'accoppiata affiatata, tale da permettere un balzo di qualità alle immagini della nuova CSC Olympus nei confronti delle precedenti PEN.

La disponibilità di ottiche di qualità, tra cui anche il  M.ZUIKO DIGITAL ED 12-50-mm f3.5-6.3, che condivide la tropicalizzazione con il corpo macchina e rende l'accoppiata adatta all'uso in esterna senza patemi anche con tempo inclemente, si affianca ai diversi adattatori per utilizzare sulla EVIL non solo le ottiche del sistema reflex digitale Quattro Terzi, ma anche del vecchio sistema reflex analogico OM.

Il prezzo la posizionerà laddove sembra essersi radicata la nicchia del new-vintage, attorno ai mille euro. Si tratta un prezzo di accesso elevato, ma che i prodotti Fuijfilm come X100 hanno saputo sdoganare. Inoltre l'utenza a cui si rivolge in prima istanza è quella nostalgica della vecchia tradizione fotografica e dotata di un potere di acquisto abbastanza solido.

Articoli correlati

Mirino: chiave di volta per il successo delle mirrorless o retaggio del passato?

Mirino: chiave di volta per il successo delle mirrorless o retaggio del passato?

Inquadrare guardando nel mirino o sul display LCD in Live View sono metodi molto diversi. Le mirrorless sembrano volersi buttare sui mirini elettronici per attirare il pubblico di più vecchia data. La preferenza per mirino o LCD è una questione di come ci si è avvicinati alla fotografia o di altri fattori personali?
Olympus PEN E-P3: prime impressioni a freddo

Olympus PEN E-P3: prime impressioni a freddo

Prime impressioni sulla nuova Olympus PEN E-P3 e primi scatti per vedere i miglioramenti alle alte sensibilità dichiarate da Olympus alla presentazione
Olympus PEN: le mirrorless si rinnovano diventando Lite e Mini

Olympus PEN: le mirrorless si rinnovano diventando Lite e Mini

Olympus segue i piani: tre nuovi corpi macchina Micro Quattro Terzi e tre ottiche. Nuove Olympus PEN E-P3, E-PL3- E-PM1 con sensore da 12,3 megapixel e sistema FAST AF e nuovi obiettivi 14-42mm, 12mm f/2.0 e 45mm f/1.8


Commenti (13)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: aoaces pubblicato il 12 Marzo 2012, 17:51
35 anni fa scorazzavo e fotografavo con una OM-1n (gran macchina!!!).
Rivedere queste forme e linee mi fa venire un poco di nostalgia ..... bei tempi veramente!
Commento # 2 di: messerschmitt pubblicato il 12 Marzo 2012, 18:05
Detto

Ma non era Due Piedi in una scarpa??
Commento # 3 di: messerschmitt pubblicato il 12 Marzo 2012, 18:23
Detto

Ma non era Due Piedi in una scarpa??
Commento # 4 di: MisterG pubblicato il 12 Marzo 2012, 19:52
Originariamente inviato da: messerschmitt
Ma non era Due Piedi in una scarpa??


E tisembra comodo? sicuramente più comodo Un piede in due scarpe (comode)
Commento # 5 di: uncletoma pubblicato il 12 Marzo 2012, 20:26
Bella lo è, ma a me le fotocamere piacciono un po' grosse. Ed ho le mani piccole
Commento # 6 di: alepeo pubblicato il 12 Marzo 2012, 20:59
Prenotata Silver
Commento # 7 di: Edward Monte pubblicato il 12 Marzo 2012, 22:31
Originariamente inviato da: aoaces
35 anni fa scorazzavo e fotografavo con una OM-1n (gran macchina!!!).
Rivedere queste forme e linee mi fa venire un poco di nostalgia ..... bei tempi veramente!


Se vuoi, continuare ad usarla non è illegale, te l'assicuro.
Commento # 8 di: task- pubblicato il 13 Marzo 2012, 09:07
Dalla prime recensioni in giro per la rete sembra che questa macchina sia davvero spettacolare sotto tutti i punti di vista... peccato per il prezzo
Commento # 9 di: mirkonorroz pubblicato il 13 Marzo 2012, 17:50
potere di acquisto abbastanza solido
= Schèi
Commento # 10 di: GiulianoPhoto pubblicato il 13 Marzo 2012, 20:08
La macchina esteticamente è splendida ma....

Peccato per quel sensore 4/3 davvero odioso.

Vecchi obbiettivi OM inutilizzabili nella focale: il 50 diventa 100, il 28 diventa 56. Che kacchio di focali sono?

No spiacenti, ero un fan di Olympus quando usava pellicola 24x36 ma ora con sti sensori ultra densi lascio perdere.
Nettamente meglio la Fuji X1 pro.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor