Panasonic Lumix G2: evoluzione convincente

Panasonic Lumix G2: evoluzione convincente

di Roberto Colombo , pubblicato il

“Con Lumix G2 Panasonic ha voluto dare un erede alla capostipite della gamma Micro Quattro Terzi G: touchscreen, video in alta definizione e alcuni miglioramenti operativi sono il bagaglio di questa mirrorless ”

Galleria Fotografica ed esempi video

Nella Galleria Fotografica che trovate qui sotto abbiamo incluso tutti gli scatti che trovate in questa recensione (eccetto i test di laboratorio), ai quali abbiamo aggiunto anche altre immagini non utilizzate nel testo dell'articolo, ma che hanno contribuito al nostro giudizio finale sulla macchina.

La Lumix G2 permette di registrare filmati in alta definizione a risoluzione 1280x720 pixel: grazie al pulsante diretto situato vicino al comando di scatto è possibile far partire la registrazione dei video in ogni momento, senza dover passare dal menu. Anche la registrazione dei filmati può beneficiare del supporto della modalità Intelligent Auto e permettere anche ai meno esperti di ottenere buone immagini video senza sforzo.

Il video qui sopra mostra la fotocamera alle prese con una scena notturna su cavalletto davanti al Duomo di Colonia, mentre quella sotto riprende il passaggio di una chiatta sotto il ponte sul Reno, sempre a Colonia. Questo secondo esempio mostra come gli obiettivi zoom non siano ottimizzati per la ripresa video e non permettano delle zoomate fluide.

Anche i filtri colore e le simulazioni di pellicola possono essere utilizzate durante la registrazione dei filmati, stuzzicando certamente la creatività dei foto-videoamatori. Nei video qui sotto abbiamo messo alla prova la modalità 'Nostalgic' e il bianco e nero ad alto contrasto



Articoli correlati

Panasonic Lumix G2: primo contatto e primi scatti

Panasonic Lumix G2: primo contatto e primi scatti

Abbiamo passato un pomeriggio in compagnia di un esemplare pre-serie della nuova Panasonic Lumix G2, a lato del press briefing di presentazione dei due nuovi modelli Micro Quattro Terzi Lumix G2 e G10
Olympus PEN: ecco i primi scatti in anteprima della E-P1

Olympus PEN: ecco i primi scatti in anteprima della E-P1

Dopo mesi di attesa e dopo uno strettissimo embargo Olympus ha presentato la sua prima fotocamera Micro Quattro Terzi la Olympus PEN, che si rifà al passato con un cuore digitale


Commenti (20)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: PESCEDIMARZO pubblicato il 25 Novembre 2010, 17:40
Commento # 2 di: Kappa76 pubblicato il 25 Novembre 2010, 18:40
Originariamente inviato da: PESCEDIMARZO



e quindi?

ci sono vantaggi e svantaggi
Commento # 3 di: Pung pubblicato il 25 Novembre 2010, 20:13
Troppo cara.

Penso che un prodotto di questo tipo abbia senso solo se ha un costo competitivo con una reflex, non se costa di più. A questi prezzi rimane solo un esercizio di stile un po snob.
Commento # 4 di: demon77 pubblicato il 26 Novembre 2010, 00:35
Vabbeh, in effetti non è che è proprio regalata però devo dire che nel complesso si comporta molto bene.
A tirare le somme fino a 1600 iso va benissimo, a 800 iso si comporta davvero bene poi...

Con questo livello di qualità è possibile fare ottime foto nella maggior parte delle situazioni secondo me.
Commento # 5 di: Raghnar-The coWolf- pubblicato il 26 Novembre 2010, 08:45
Originariamente inviato da: Pung
Penso che un prodotto di questo tipo abbia senso solo se ha un costo competitivo con una reflex, non se costa di più. A questi prezzi rimane solo un esercizio di stile un po snob.


Beh 580 euri di listino sono più che competitivi nel mercato reflex.
Non aveva senso la G1 e GH1 che di listino stavan attorno ai 1000 (più della 50D-D90)!!

Più che altro, al contrario di quanto detto nell'articolo, di sostanzioso mi sembra non ci sia davvero una mazza...
Commento # 6 di: Cico the SSJ pubblicato il 26 Novembre 2010, 11:14
A natale pensavo di passare a una macchina un po' piu seria della mia bridge.

Reflex o mirrorless, non faccio distinzioni da purista.. Però a vedere i prezzi e a pensare che queste sono solo i primi modelli di una nuova famiglia, e che quindi andranno a migliorare tante piccole cose in breve tempo, preferisco rimanere su una collaudata reflex.

Se poi penso che una K-X mi viene anche 100€ abbondanti in meno non ci penso nemmeno.


O buttano giù i prezzi o non avranno,al momento, un gran mercato secondo me.
Il futuro però lo vedo loro..
Commento # 7 di: vetrofragile pubblicato il 26 Novembre 2010, 11:46
La comodità di queste EVIL è la compattezza,ovviamente abbinandole ad un obiettivo non ingombrante ma la qualità del mirino digitale è ancora da migliorare ,tutto questo salto di prestazioni non le noto (come invece fa notare un non si sa quanto imparziale articolo) piuttosto un lieve refresh del vecchio modello.Il prezzo a cui vengono proposte è in generale ancora alto una via di mezzo tra le bridge evolute e le reflex entry level,lasciando perdere le varie offerte.Penso sia da imputare a precise logiche interne all'azienda,producendo sia bridge che reflex non si pesterebbero mai i piedi in casa.
Commento # 8 di: Roberto Colombo pubblicato il 26 Novembre 2010, 12:30
Originariamente inviato da: vetrofragile
...tutto questo salto di prestazioni non le noto (come invece fa notare un non si sa quanto imparziale articolo) piuttosto un lieve refresh del vecchio modello...


Due cose: 1- l'accusa di non essere imparziale è grave, penso non debba essere utilizzata con così tanta leggerezza. Se ti riferisci a questa recensione forse dovresti portare delle prove e delle argomentazionii maggiori.

2- Se ti riferisci a questo articolo mi chiedo se hai letto le conclusioni
"In estrema conclusione la Lumix G2 è l'aggiornamento alla G1 che ci si aspettava: guadagna le capacità video HD e un'ergonomia migliorata, anche grazie all'adozione del touchscreen, che non si pone ad alternativa dei comandi, ma in molti frangenti permette delle regolazioni veloci e intuitive, rappresentando una marcia in più nella regolazione della messa a fuoco direttamente a display. Il sensore è lo stesso della G1 e dei modelli che l'hanno seguita (fino alla GH2) è stato modificato il processo di elaborazione quindi in questo frangente i miglioramenti sono più lievi. Lumix G2 rappresenta un'ottima alternativa sul mercato delle mirrorless: il design simil-reflex si riflette in un'ottima ergonomia e impugnatura. Certamente chi non ha nel touchscreen e nelle funzionalità video una priorità può sempre continuare a considerare anche la G1 una valida alternativa per i suoi acquisti.


In sintesi è un aggiornamento che integra le funzionalità richieste al momento dal mercato e aggiunge il touchscreen abilitando un'interfaccia diretta con alcuni comandi che io ho trovato molto comoda. Dal punto di vista del sensore non cambia ma ne migliora lievemente la gestione. Nell'articolo dico anche chiaramente che l'innalzamento a 6400 ISO è buono solo per il marketing. Per chi non è interessato alle nuove funzionalità dico chiaramente che la G1 resta una valida alternativa. Non mi pare di aver millantato "tutto questo salto di prestazioni".
Commento # 9 di: jocau pubblicato il 26 Novembre 2010, 18:49
Queste macchine hanno senso solo se si considera il comparto video: mettere a fuoco durante un video con una reflex per adesso è fantascienza...
Commento # 10 di: vetrofragile pubblicato il 26 Novembre 2010, 19:32
X roberto colombo.

Non sono accuse,sono miei riflessioni.
Da anni vi leggo,come leggo tante altre riviste del resto .. e ho sempre trovato quantomeno dubbio il rapporto esistente tra chi invita le redazioni a speciali eventi organizzati e le recensioni che ne scaturiscono.
Ora, io esprimo un mio libero pensiero,non ho accusato ma ho fatto notare che non so quanto non siano condizionate le recensioni;perchè in effetti non lo so.
Prendiamo ad esempio una rivista, che per mantenersi e guadagnare deve pubblicizzare tantissimi prodotti, non è nuova la storia di sponsor spariti da riviste che per colpa hanno avuto quella di recensire in maniera imparziale.Poi la differenza tra dire bugie o semplicemente enfatizzare caratteristiche del prodotto si perde nella sensibilità individuale; Resta il fatto che nell'articolo in oggetto,novità di sostanza (a parte il toch screen) non ve ne sono;parlo da fotografo ,parlo da lettore e parlo da uno che ama esprimere le proprie opinioni

Se questo non è gradito,è sempre possibile disattivare il commento agli articoli.

Un saluto e buon lavoro
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor