Sony DSC HX1: la nuova era delle fotocamere bridge

Sony DSC HX1: la nuova era delle fotocamere bridge

di Matteo Cervo , pubblicato il

“Tra le svariate proposte di fotocamere compatte superzoom Sony si distingue con un prodotto dalle caratteristiche innovative.”

Corpo e comandi - menu

Alla prima accensione e dopo ogni cambio scheda di memoria, la fotocamera impiega qualche secondo per indicizzare il contenuto della memoria, gli avvii successivi risultano più rapidi e portano immediatamente a visualizzare sul display lcd l'inquadratura e le informazioni di ripresa in sovra impressione a quest'ultima. Tutti e quattro i bordi dello schermo sono occupati dalle icone che richiamano i valori di sensibilità ISO, tempo di otturazione e apertura di diaframma, modalità di ripresa, impostazioni flash, risoluzione di ripresa ecc.

Così tante informazioni possono risultare scomode a chi necessiti di una chiara visione della scena inquadrata, tramite il pulsante DISP presente sul dial è possibile ridurre o aumentare il numero di informazioni riassunte a schermo e modificare la luminosità di quest'ultimo.

Come appare lo schermo lcd quando si sceglie di riportare le informazioni di ripresa in sovraimpressione

Il menu di regolazione dei parametri di ripresa

L'interfaccia grafica della Sony HX1 presenta un menu verticale a tendine orizzontali posto lungo il bordo sinistro del display. Le diverse voci vengono fatte scorrere verticalmente e aprono la tendina orizzontale che racchiude i diversi parametri di scelta. L'organizzazione è buona e la navigazione rapida. I parametri di ripresa come la gestione flash, le impostazioni macro e il breacketing sono raggiungibili direttamente dal dial o dagli appositi pulsanti disposti sul corpo macchina, evitando in tal modo l'accesso al menu e rendendo più veloce la modifica dei parametri.

Le impostazioni di messa a fuoco e scatto multiplo vengono raggiunte tramite i pulsanti sulla spalla della fotocamera

Il menu relativo alle impostazioni della fotocamera, data e ora, formattazione della scheda di memoria e gestione delle cartelle è separato dalle impostazioni di ripresa e viene visualizzato solo dopo avere effettuato l'accesso alla scheda specifica. Questa modalità risulta funzionale: divide concettualmente gli ambiti di gestione fotografica e di preferenze d'uso ed evita di toccare voci di menu che si vogliono mantenere stabili nel tempo.

La revisione delle immagini viene attivata tramite l'apposito pulsante posto sopra il display lcd, le dimensioni generose di quest'ultimo e la possibilità di inclinarlo permettono una buona visione delle immagini e dei video. È possibile visualizzare immagini a tutto schermo così come miniature organizzate per cartella o per data. Tramite la pressione del tasto DISP si sceglie quali e quante informazioni visualizzare in sovraimpressione all'immagine. Una barra grigia orizzontale posta in basso riporta le frecce del dial e la loro funzione utile a navigare o a modificare il volume e l'avanzamento dei filmati.

BenQ Monitor