Olympus E3: ancora in forma nonostante l'età

Olympus E3: ancora in forma nonostante l'età

di Roberto Colombo , pubblicato il

“Dopo l'ultimo aggiornamento firmware abbiamo messo alla prova al reflex Olympus E-3, che nonostante abbia ormai quasi due anni sulle spalle riesce ancora a dire la sua nel mercato semi-pro delle fotocamere a pentaprisma. Nel frattempo sembra che sia in preparazione la sua futura erede”

Olympus E-3

La Olympus E-3 ha diversi particolari che ne lasciano trasparire l'anima semi-pro, tra cui spiccano la tropicalizzazione e il corpo in lega di magnesio. A confronto con le altre proposte sul mercato i 10,1 megapixel di risoluzione delle immagini posso sembrare pochi, ma al momento della sua uscita Olympus ha deciso di non strafare sul numero di pixel sul sensore, puntando invece a contenere il rumore per una buona qualità delle immagini. Abbiamo raccolto tutti i dati relativi alla Olympus E-3, come disponibili sul sito italiano del produttore, nella seguente tabella:

Corpo Lega di magnesio
Dimensioni: 142,5 x 116,5 x 74,5 mm
Peso: 810 grammi
Sensore Tipo: 4/3 ''
Sensore Hi-Speed Live MOS    
Pixel effettivi: 10,1 Megapixel    
Filtro colori primari (RGB)    
Rapporto fra i lati e superficie: 4:3 / 17,3 x 13,0 mm
Processore TruePic III
Filtro di protezione dalla polvere Supersonic Wave Filter
Display Monitor LCD HyperCrystal Multi-angle (LCD TFT a colori semi-trasmittente)
6,4 cm / 2.5 ''
230.000 pixel
Tipo di mirino Mirino ottico a pentaprisma
Campo inquadrato circa 100 %    
Ingrandimento circa 1,15x con obiettivo 50 mm
Tendina oculare integrata
Live View 100% del campo inquadrato, anteprima della regolazione dell'esposizione, anteprima della regolazione del bilanciamento del bianco, anteprima della sfumatura automatica, reticolo visualizzabile, ingrandimento possibile 7x/5x/10x, MF/S-AF, visualizzazione della cornice di messa a fuoco, visualizzazione del punto di messa a fuoco, dati di ripresa, istogramma
Stabilizzatore dell'immagine Movimento del sensore    
Modalità Attivazione: bi-direzionale o mono-direzionale (panning)
Sistema di messa a fuoco Sistema TTL a rilevazione del contrasto
11 punti / tutti biassiali, selezione automatica e manuale
Blocco AF
Focus tracking
Esposimetro Misurazione TTL a tutta apertura
Sistema di rilevazione multi area a 49 Zone, spot, media pesata al centro, sulle alte luci, sulle ombre
Otturatore Otturatore computerizzato sul piano focale
Funzione Anti Shock (sollevamento preventivo dello specchio)
Gamma tempi di posa 1/8000-60 secondi
Posa B fino a 30 minuti
Bilanciamento del bianco Sistema di misurazione ibrido con sensore High-speed Live MOS e sensore esterno dedicato
Manuale, gradi Kelvin (2000-14000 K), nuvoloso, ombra, tungsteno, luce fluorescente (3), One Touch
Flash Integrato
Numero guida 13
Riduzione effetto occhi rossi
Sincronizzazione sui tempi lunghi
Sincronizzazione sui tempi lunghi sulla 2° tendina   
Fill-in (attivazione forzata)
Velocità sincro: 1/250 s
Scatto in sequenza 5 fps / Buffer per 17 fotogrammi RAW

Per diverso tempo Olympus E-3 è rimasta ben separata dal resto dell'offerta reflex del produttore giapponese, soprattutto per quanto riguarda le caratteristiche tecniche. Mentre il resto delle fotocamere a specchio del produttore nipponico puntava su corpi leggeri e dalle dimensioni ridotte, Olympus E-3, pur non rappresentando un colosso, è decisamente più solida una volta presa in mano, soprattutto se dotata dell'obiettivo standard che meglio la accompagna lo Zuiko Digital 12-60mm f/2,8-4 ED SWD.

Per diverso tempo la doppia ghiera, il display orientabile, il display LCD monocromatico con i parametri di scatto hanno rappresentato un gap molto ampio rispetto alle altre reflex della casa, più attente al comparto entry--level. L'arrivo della Olympus E-30 ridotto molto questa netta separazione, e l'introduzione della Olympus E-620 ha ulteriormente contribuito a rendere la gamma del produttore del sol levante più continua e ricca.

Le caratteristiche che continuano a mantenere al top della gamma Olympus la E-3 sono sicuramente la completa tropicalizzazione e l'abbondanza di comandi e scorciatoie disseminati lungo tutto il corpo, oltre a particolari come l'uscita sincro flash e l'ampio mirino, con una copertura pari al 100% dell'inquadratura. Nelle prossime pagine ci addentreremo nei particolari di questa reflex, cominciando da corpo e comandi, fino a spingerci all'analisi sul campo degli scatti ottenibili dalla Olympus E-3

BenQ Monitor