Nikon D90: reflex di classe per amatori evoluti

Nikon D90: reflex di classe per amatori evoluti

di Matteo Cervo , pubblicato il

“A circa un anno di distanza dal lancio, Nikon D90 continua ad essere una DSLR che si pone a diritto tra i primi posti del settore. Corpo compatto, buona nitidezza ed un contenimento del rumore ottimo si affiancano a funzionalità aggiuntive come il ritocco in macchina ed un ampia gestione immagine da utilizzare in fase di scatto. La possibilità di registrare filmati HD chiude il quadro di una reflex che suscita le voglie di molti, ora che il prezzo inizia ad abbassarsi.”

Prova sul campo - Analisi del rumore

Il file prodotto dalla Nikon D90 è molto pulito con un ottima resa dei dettagli, il contenimento del rumore risulta il migliore nella sua categoria. Fino ad 800 ISO la grana è contenuta e in particolare i cromatismi fantasma sono molto meno invasivi di quelli prodotti da altre fotocamere. Le sensibilità di 1600 e 3200 ISO sono ancora utilizzabili anche se più rumorose, mentre la sensibilità di 6400 ISO soffre la sottoesposizione se pur con un rumore distribuito in modo omogeneo.

100 ISO
200 ISO
400 ISO
800 ISO
1600 ISO
3200 ISO
6400 ISO

Tra gli algoritmi di gestione immagine troviamo anche la riduzione del rumore ad alti ISO, il filtro è impostabile su tre livelli: basso, normale, elevato. Verifichiamo l'apporto dell'algoritmo alle sensibilità di 1600, 3200, 6400 ISO.

Sensibilità 1600 3200 6400
NR Low
NR Normal
NR High

I risultati ottenuti dopo l'applicazione della riduzione del rumore ad alte sensibilità sono davvero ottimali, anche la sensibilità di 6400 ISO con algoritmo High mantiene una buona leggibilità con una netta riduzione del rumore e una conservazione dei dettagli che non pregiudica eccessivamente la qualità dell'immagine. La prova è stata effettuata su di una mira illuminata adeguatamente, verifichiamo come si comporta in condizioni di bassa luce, attraverso una ripresa che ha necessitato un tempo di otturazione di 1,6 secondi alla sensibilità di 6400 ISO.

Ripresa in bassa luce: a sinistra l'algoritmo di riduzione del rumore ad alti ISO disattivato, a destra attivato in modalità High

L'immagine a 6400 ISO è cliccabile per visualizzare l'originale

La perdita di dettaglio ammorbidisce l'immagine ma al contempo opera una valida riduzione della grana, pur mantenendo alcuni cromatismi fantasma a macchia di leopardo, la resa finale supera le aspettative. Dal punto di vista della riduzione del rumore per lunghe esposizioni, abbiamo eseguito due test a 30 secondi di otturazione con algoritmo attivato e disattivato. I cromatismi fantasma vengono ridotti.

Riduzione rumore lunghe esposizioni Disattivato Algoritmo lunghe esposizioni attivato

Il test di nitidezza del sistema mostra un andamento stabile a tutte le focali, all'aumentare della sensibilità ISO si osserva una diminuzione delle performance solamente per 3200 e 6400 ISO. Riassumiamo in grafico i risultati ottenuti.

La nitidezza rimane stabile attorno alle 1760 LW/PH con una propensione verso la risoluzione spaziale orizzontale, il moirè non disturba le mire e solo le espansioni soffrono un leggero calo di nitidezza. La risoluzione di estinzione si attesta a 2000 LW/PH. Tali valori rimangono in linea con quanto ottenuto con il vecchio modello D80, si nota un leggero miglioramento in nitidezza che viene però enfatizzato dall'ottimo contenimento del rumore.

BenQ Monitor