Canon Eos 50D: innovazione reale

Canon Eos 50D: innovazione reale

di Matteo Cervo , pubblicato il

“A 12 mesi dal lancio della Eos 40D, è arrivata sul mercato l'ultima prosumer di casa Canon. Scopriamo cosa riserva questa DSLR che esternamente sembra conservare lo stesso vestito”

Introduzione

Quando venne lanciata la Eos 40D, nell'agosto del 2007, in molti si chiesero quali furono le effettive innovazioni rispetto al modello precedente Eos 30D. Canon aveva aspettato più di un anno per rinnovare il segmento prosumer e la scelta di adottare il live view divise gli appassionati della casa bianco rossa tra i delusi e gli entusiasti.

A distanza di 12 mesi dal lancio della Eos 40D ecco sui banchi dei negozianti l'evoluzione della specie, ovvero la Canon Eos 50D, che promette un balzo in avanti dal punto di vista tecnologico. Il mondo reflex digitale odierno si è fatto più attento agli aspetti di contenimento del rumore, resa alle alte sensibilità e capacità di riprodurre sfumature colore aumentando la resa cromatica, aspetti tenuti in considerazione da tutti i produttori, Canon compresa.

Nelle prossime pagine analizzeremo una delle novità più importanti, rintracciabili a livello del sensore CMOS APS-C da 15,1 Mp. Anticipiamo come Canon abbia concentrato i propri sforzi nella realizzazione di un sensore "gapless", studiato per minimizzare gli spazi tra un fotodiodo e l'altro, ovvero gli elementi sensibili che formano il sensore stesso. Processore di immagine DiGiC IV, nove punti di messa a fuoco e una velocità di scatto di 6,3 fps sono solo alcune delle ulteriori caratteristiche della nuova prosumer Canon che andremo a scoprire lungo questa recensione.

BenQ Monitor