Pentax K20, l'ammiraglia reflex a 14 bit

Pentax K20, l'ammiraglia reflex a 14 bit

di Matteo Cervo , pubblicato il

“14 bit per gestire 14,6 megapixel effettivi, non solo queste le caratteristiche della Pentax K20 che rivela molte sorprese in un corpo sigillato.”

Conclusioni

La Pentax K20 è una reflex che restituisce al tatto una sensazione di solidità, tra le molte funzioni abbiamo apprezzato la possibilità di personalizzare la gestione dei pulsanti di maggiore utilizzo senza perdersi in menù complicati. I file immagine sono molto puliti e la risoluzione di 14,6 Mp consente, quando necessario, di effettuare crop senza troppi pensieri. Corpo sigillato e mirino ampio anche se non eccessivamente luminoso vanno a favore di un sistema che purtoppo ha presentato alcune mancanze di regolazione esposimetrica: la tendenza della K20 ad esporre per le alte luci, consente di non bruciare i bianchi ma clippa velocemente le ombre e spesso bisogna lavorare con l'opzione D-Range attivata con il conseguente aumento di rumore.

Il rumore è contenuto fino a 1600 ISO ed a 3200 ISO è accettabile, in presenza di poca luce la qualità di ripresa a 6400 ISO crolla e gli algoritmi di contenimento del rumore non reggono il passo. Al contrario, se si evitano sottoesposizioni troppo accentuate il file prodotto è morbido e pulito. Altri punti a vantaggio di questa Pentax sono rappresentati dallo stabilizzatore di immagine che lavora sul sensore, il pixel mapping che consente di verificare la presenza di polvere proprio sull'elemento sensibile e la pulizia dello stesso.

Autofocus con matrice ad 11 punti e velocità di messa a fuoco lavorano egregiamente anche se l'obiettivo 18-55 DA SMC fornitoci in dotazione ci è sembrato troppo rumoroso. In conclusione la Pentax K20 è una reflex che riserva grandi soddisfazioni, chi arriva dal mondo della pellicola e vuole confrontarsi per la prima volta con il digitale di Pentax farà di certo un acquisto di cui non sarà pentito. Ci aspettiamo grandi cose per il futuro da questa casa che ha rinnovato per il 2009 gran parte del proprio parco ottiche e che si è presentata prepotentemente nel mercato DSLR con gli ultimi modelli, dalle grandi potenzialità ma forse ancora leggermente acerbi


Commenti (19)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: demon77 pubblicato il 26 Gennaio 2009, 15:15
E' una macchina davvero molto bella ma mi pare una bella mancanza quel buco prestazionale che si fa sentire sulle condizioni di luce difficili..

Non ritengo che una macchina di questa fascia possa permetterselo!

Gia che ci sono butto lì una domanduzza un po' niubba:
Io ho una bridge (Konica Dimage A200) che va da 50 a 800 iso.. ma se metto 800 la grana si vede di bestia e i colori vnegono parecchio innaturali.
In altre parole.. a 800 le foto fan cagare.. come fa questa ad arrivare a roba tipo 6400!?!?
Commento # 2 di: Opteranium pubblicato il 26 Gennaio 2009, 15:35
Originariamente inviato da: demon77
Io ho una bridge (Konica Dimage A200) che va da 50 a 800 iso.. ma se metto 800 la grana si vede di bestia e i colori vnegono parecchio innaturali.
In altre parole.. a 800 le foto fan cagare.. come fa questa ad arrivare a roba tipo 6400!?!?


perchè la tua ha un sensore con diagonale 2/3", che ha un' area 6 volte più piccola di quello che monta questa qui. Ne consegue che i singoli pixel sono più piccoli e ricevono meno luce ciascuno, abbassando la soglia del rumore.
Questa comincia a perdere a 3200... le full frame (che hanno un sensore 2 volte più grosso) arrivano a 6400 (la d700 a 12800 ). Da dpreview.com

E poi ci saranno algoritmi meno "raffinati", lenti più scarse, ecc....
In fondo costa anche molto meno
Commento # 3 di: orlando_b pubblicato il 26 Gennaio 2009, 15:37
Non mi pare che il pixel mapping sia il sistema di rilevamento polvere e pulizia sensore

Mirino poco luminoso?? Rispetto a queli macchine però???

E così tante altre cose........................
Commento # 4 di: Leron pubblicato il 26 Gennaio 2009, 15:52
dpreview docet, pentax ha un sistema meno invasivo di riduzione del rumore rispetto a canon e nikon, ma nel contempo mantiene un dettagli nettamente maggiore. per questo sembra più rumorosa, ma al contempo più dettagliata delle concorrenti ad alti iso.

il mirino è più luminoso della D50 quindi non vedo da dove venga quel "poco nitido"

è una macchina eccezionale, soprattutto per la qualità che porta e per il prezzo che costa
Commento # 5 di: ciop71 pubblicato il 26 Gennaio 2009, 16:16
Il mirino non è poco nitido, la superficie del vetrino è volutamente 'ruvida' (guardando sembra che sia sporco) per facilitare la messa a fuoco manuale, nelle altre marche è un optional che si paga a parte.
Nella recensiono poi non sono state menzionate le modalità di scatto Sv (priorità sensibilità e TAv (priorità ai tempi e ai diaframmi) che Pentax ha introdotto per prima.
Altra cosa da dire sarebbe che è possibile montare senza adattatori tutti i tipi di obiettivi Pentax anche di 30 anni fa, l'AF ovviamente si perde con i più vecchi ma per molti funziona la trasmissione del diaframma, cosa che non succede con nessun'altra marca.
Commento # 6 di: acq749 pubblicato il 26 Gennaio 2009, 17:54
per ciop71,

se non sbaglio anche le vecchie ottiche nikon trasmettono il diaframma alle nuove fotocamere
Commento # 7 di: ^v3rsus pubblicato il 26 Gennaio 2009, 18:20
Originariamente inviato da: ciop71
...che non succede con nessun'altra marca.


Mi spiace contraddirti ma in casa nikon puoi montare ottiche costruite 50 anni fa mantenendo informazione diaframma, esposimetro e pure misurazione matrix (dalle semi-pro in su quest'ultima funzione)...Il 50mm f/1.4 della F2 di mio padre (si parla degli anni 60...), marchiato ancora nippon kogaku funziona divinamente sulla mia D300 (ovviamente non ha l'autofocus) ....
Commento # 8 di: Evanghelion001 pubblicato il 27 Gennaio 2009, 02:36
Inutile una reflex che lavora male con caontrasti forti e luci molto alte o afflitta da problemi di palese sottoesposizione: fa gli errori delle compatte (e tra l'altro ora le compatte sono igliorate di molto in questi aspetti!)
Commento # 9 di: notomb pubblicato il 27 Gennaio 2009, 11:03
era un Test??

Giudicare una reflex da questa prova è allucinante, "test" in ritardo di quasi un anno, le 3/4 foto fatte non hanno senso e non hanno una stessa foto fatta con altre macchine per paragonare. Non vengono bene le foto fatte a 3200 iso e a 6400??? Ma davvero??
L'unico vero difetto delle Pentax è l'autofocus lento ma per scoprirlo bisogna fare foto e provare altre macchine.
Commento # 10 di: Leron pubblicato il 27 Gennaio 2009, 13:59
Originariamente inviato da: ^v3rsus
Mi spiace contraddirti ma in casa nikon puoi montare ottiche costruite 50 anni fa mantenendo informazione diaframma, esposimetro e pure misurazione matrix (dalle semi-pro in su quest'ultima funzione)...Il 50mm f/1.4 della F2 di mio padre (si parla degli anni 60...), marchiato ancora nippon kogaku funziona divinamente sulla mia D300 (ovviamente non ha l'autofocus) ....


l'autofocus lo perdi su tutte le ottiche sui modelli fino alla D60, il che non è poco ed è un controsenso dato che spesso una vecchia ottica può valere non poco anche oggi

nikon sotto questo punto di vista ha castrato volutamente le vecchie ottiche soprattutto sulle reflex entry level, non inserendo il motore autofocus, quindi sei costretto a prendere ottiche AF-S e le AF ti tocca usarle in manual focus

pentax su OGNI modello garantisce l'assoluta compatibilità con tutte le ottiche prodotte con attacco K mantenendo tutti gli automatismi, e tramite adattatore anche sugli attacchi a vite, in più si guadagna la stabilizzazione su tutte le ottiche e un semiautomatismo in priorità dei diaframmi sempre su tutte le ottiche.

comunque concordo, la recensione non mi sembra eccezionalmente attendibile, non vengono esaminati una marea di fattori e alcuni sono trattati con superficialità, non me ne voglia l'autore che posta le sue impressioni
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor