Comparativa: tre compatte da 10 megapixel

Comparativa: tre compatte da 10 megapixel

di Roberto Colombo , pubblicato il

“Abbiamo messo a confronto tre compatte dall'anima diversa, ma accomunate dal sensore da circa 10 megapixel: Olympus µ 1010, Nikon Coolpix S600, Casio Exilim EX-S10. Circa 200 euro il costo di queste compatte dedicate a chi vuole affidarsi nello scatto agli automatismi della macchina. Le abbiamo messe alla prova nelle principali situazioni d'uso.”

Olympus µ1010, Nikon S600, Casio EX-S10 - Prova sul campo

Per le compatte di questa fascia di mercato una delle caratteristiche fondamentali deve essere la possibilitą di ottenere buoni scatti senza difficoltą, con l'approccio punta&scatta. L'utente tipo di questo tipo di fotocamere č infatti un fotografo poco esperto o che che desidera pił semplicemente scattare senza preoccuparsi di tutti i parametri di scatto. Le diverse scene preimpostate sono quindi messe bene in evidenza in tutti e tre i modelli, nella ghiera dei modi sulla Olympus, nella ghiera virtuale sulla Nikon e, addirittura, con un tasto dedicato nel caso della Casio. Quest'ultima č quella che ha pił situazioni d'uso comune in memoria e ne permette la creazione di personalizzate dall'utente; all'altro estremo c'č la Nikon, che ne offre 15. Nel primo caso la somiglianza tra alcune scene puņ far emergere dubbi su quale sia effettivamente la pił corrette, nel secondo bisogna saper immaginare a quale scena una data situazione č assimilabile.

Su tutti i modelli troviamo scene dedicate ai ritratti, al Macro, ai paesaggi, alle situazioni ad alta luminositą (come spiaggia o neve) e, al contrario, quelle in cui le condizioni di scarsa illuminazione richiedono di elevare la sensibilitą ISO. Abbiamo provato a confrontare le prestazioni delle tre fotocamere in queste situazioni punta&scatta, in cui č fondamentale che il risultato finale sia il pił possibile aderente a quello che l'utente si immagina nel momento di fotografare. Ad esempio i paesaggi solitamente vengono riprodotti saturando maggiormente i toni blu e verdi, per ottenere dei JPEG da mandare in stampa senza ulteriori ritocchi a livelli e saturazione dei colori in post-produzione.

Dal confronto tra le tre immagini scattate con la scena Paesaggio/Panorama si possono vedere alcune differenze nel modo di interpretare la situazione, mentre tutte tre sono accumunate dall'uso della sensibilitą inferiore per questo tipo di scatti. La µ 1010 chiude il diaframma fino al valore f/10, mentre la S600 si affida a un diaframma ben pił aperto, pari a f/5,4; la Casio invece si pone nel mezzo con f/7,9. Tra i tre quello della Olympus č lo scatto meno esposto e meno nitido. Quest'ultimo parametro č pił elevato nelle altre due fotografie, ma principalmente per un'azione energica della maschera di contrasto. Sia nell'immagine della Nikon sia in quella della Casio č riscontrabile un effetto bordo ai lati del lampione, pił marcato nel primo caso.

L'intervento della maschera di contrasto č evidente anche nei fiori rossi in primo piano. In questo frangente particolare La Casio e la Olympus concordano nel rendere la tonalitą dei gerani, mentre la Nikon tende a schiarire sia il verde sia il rosso. In questo frangente la S600 dimostra tutte le potenzialitą della sua ottica grandangolare, in grado di inquadrare un angolo di campo ben pił ampio delle concorrenti, abbastanza limitate sotto questo aspetto.

La modalitą macro č quella in cui le differenze sono pił evidenti gią a prima vista; solitamente in questo frangente le compatte offrono, grazie alla focale reale molto corta, accoppiata a sensori di dimensione piccole, un rapporto di ingrandimento apparente elevato. La Exilim S10 in questo campo perde il confronto con le altre due fotocamere, fermandosi al massimo a 15cm dall'oggetto da mettere a fuoco alla focale minima.

Tra le altre due la distanza minima di messa a fuoco sulla carta č abbastanza simile, 2 cm per la Olympus e 3 cm per la Nikon, ma alla prova dei fatti č la µ 1010 a prevalere, anche in considerazione del fatto che la Nikon offre la minima distanza di messa a fuoco alla focale minima di 28mm equivalenti, mentre la Olympus, quando si attiva la modalitą SuperMacro si posiziona su una focale fissa di circa 50mm equivalenti. Al contrario della modalitą paesaggio in questa occasione la Nikon ha saturato molto i colori arrivando al limite della pastellatura. Le immagini della Olympus sono invece morbide come nelle altre occasioni, ma un leggero tocco di maschera di contrasto in post produzione permette di portare a casa ottimi scatti.

Del lotto quella che mostra la minore distorsione a barilotto alla focale minima č la Olympus u 1010; questo risultato era ampiamente prevedibile, anche in considerazione delle differenti focali di partenza delle fotocamere. In linea con questo dato la distorsione maggiore č quella che si riscontra nelle immagini a 28mm equivalenti di focale della Coolpix.

BenQ Monitor