Guida alla fotografia - parte 9: cerimonie, eventi, concerti

Guida alla fotografia - parte 9: cerimonie, eventi, concerti

di Matteo Cervo , pubblicato il

“Dopo aver analizzato le tecniche d'uso del flash e la post produzione, vediamo come metterci alla prova sul campo con eventi, cerimonie, concerti e temi assegnati. Ogni situazione necessita attenzioni dverse e alcuni piccoli trucchi possono essere d'aiuto per non perdere gli scatti più importanti”

Interpretare un tema assegnato

Interpretare un tema assegnato mette in gioco tutto il vostro estro creativo, nel momento in cui dovete raccontare una tematica attraverso una foto la fase di ragionamento prima dello scatto diventa tanto importante quanto la tecnica fotografica. Possiamo affermare che state sfiorando il reportage.

Prima di tutto dovete conoscere molto bene il soggetto del vostro scatto: sia esso un personaggio famoso, un prodotto da reclamizzare, una ditta da promuovere od una tematica della quale trattare su di un giornale o per preparare un volantino. A seconda del destinatario del messaggio dovrete scegliere il miglior metodo interpretativo: dovendo preparare il volantino per la serata danzante della terza età forse la ripresa elettrica e fluorescente di una discoteca non sarebbe propriamente indicata!

A volte il soggetto della storia che raccontate non entrerà nemmeno nel vostro mirino ma attraverso l’uso di metafore o immagini evocative potrete ricollegarvi al significato essenziale di ciò che volete descrivere: se ad esempio vorrete restituire la forza sprigionata dall’acqua di un bacino montano in conduttura, potrete ritrarre il getto d’acqua stesso oppure una notturna del paese illuminato sotto i profili delle montagne. Avete compreso il significato?

Facciamo un esercitazione pratica, scegliamo come tema da interpretare “ I consumi domestici “: tutto quello che vi viene in mente e che potrebbe raccontare le modalità, le quantità oppure gli accorgimenti per limitarli dovrete trasmetterli attraverso la fotografia. Quale elemento sarà caratterizzante nel vostro scatto? Il soggetto, la prospettiva, il colore, il contrasto? Concentratevi al massimo per farlo risaltare.


Gas: in questo scatto la prospettiva insolita generata da un obiettivo da 10 mm. da un senso alla foto altrimenti povera di contenuti


Paola per Hardware Upgrade: consumi domestici, prodotti per la pulizia

Postate sul forum le vostre foto, date spazio alla fantasia e mettetevi alla prova!

Articoli correlati

Teoria del colore e postproduzione

Teoria del colore e postproduzione

In questa terza guida del secondo ciclo affrontiamo i rudimenti della teoria del colore e i primi passi del workflow di postproduzione. Dopo aver analizzato le modalità di gestione e gli spazi colore, andremo a vedere i passi che portano dal negativo digitale in formato RAW alla foto in formato JPEG, alla quale sarà poi possibile applicare ulteriori correzioni
Guida alla fotografia parte 7: flash e tecniche d'uso

Guida alla fotografia parte 7: flash e tecniche d'uso

Il flash è uno di quegli strumenti che suscitano nel fotografo un rapporto di amore e odio: amore per le possibilità che offre, odio per la difficoltà d’utilizzo. Dopo la prima parte dedicata al suo funzionamento, in questa puntata offriamo alcuni spunti sulle tecniche di utilizzo del flash.
Guida alla fotografia - parte 6: il flash

Guida alla fotografia - parte 6: il flash

Il flash è uno di quegli strumenti che suscitano nel fotografo un rapporto di amore e odio: amore per le possibilità che offre, odio per la difficoltà d’utilizzo. In questo articolo, che apre il secondo ciclo delle nostre guide fotografiche, ne analizzeremo il funzionamento e la storia. Nella prossima puntata approfondiremo le tecniche di utilizzo


Commenti (33)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: thegiox pubblicato il 26 Maggio 2008, 17:05
sempre molto interessanti questi articoli
complimenti!
Commento # 2 di: GiulianoPhoto pubblicato il 26 Maggio 2008, 18:17
ottimo articolo...come sempre

Aggiungerei anche un pò diu pugno duro con gli invitati che disturbano il fotografo e non collaborano, inoltre l'utilizzo di una focale fissa luminosa in chiesa per rendere morbide ma non mosse le foto senza utilizzo di flash.
Commento # 3 di: kralin pubblicato il 27 Maggio 2008, 00:40
complimenti! articolo molto utile, soprattutto per un profano come me

e riguardo al consumo domestico...

Link ad immagine (click per visualizzarla)
Commento # 4 di: Dexther pubblicato il 27 Maggio 2008, 07:45
Bravi
Commento # 5 di: AlexWolf pubblicato il 27 Maggio 2008, 08:20
Complimenti, ottimo articolo come sempre, soprattutto per profani...si potrebbe ampliare il discorso per i professionisti...
comunque sia, continuate così!
Commento # 6 di: za87 pubblicato il 27 Maggio 2008, 09:07
complimenti davvero.
non so se me la sono perso, ma nel caso non l'aveste fatta sarebbe interessante avere anche una guida relativa agli obiettivi.
comunque davvero bravi, sto già facendo il libro rilegato delle vostre guide
Commento # 7 di: Puddus pubblicato il 27 Maggio 2008, 10:20
Se posso essere critico, le foto fatte in chiesa dimostrano un pò di inesperieza.
Nella prima foto la luce proveniente dall'esterno disturba non poco l'inquadratura, idem nella terza pagina, dove gli illuminatori ausiliari "sparano" parecchio...
Diciamo che sarebbe buona regola evitare disturbi provenienti da altre fonti luminose, altrimenti l'impiego del flash risulta parecchio sminuito, perdendo quell'effetto di luce "omogenea" nell'inquadratura.
Commento # 8 di: axse pubblicato il 27 Maggio 2008, 10:51
certo che le foto in chiesa sono bruttine...
i flash sparano dappertutto, il flash sulla macchina è troppo forte, gli sposi guardano in camera...

quelle dei concerto sono invece decisamente più accattivanti.
Commento # 9 di: (IH)Patriota pubblicato il 27 Maggio 2008, 11:19
Originariamente inviato da: Puddus
Se posso essere critico, le foto fatte in chiesa dimostrano un pò di inesperieza.


Concordo , non vorrei essere troppo feroce ma se mi dovessero presentare un lavoro del genere dubito che salderei il conto .

Il passaggio da un lavoro da amatore ad uno da professionista passa non solo per l' applicazione di qualche regoletta ma anche e sopratutto per un' adeguata esperienza fatta con attrezzature spesso molto costose il tutto condito con bel po' di occhio fotografico , ci penserei su anche piu' di 2 volte prima di cimentarmi in un' avventura matrimoniale senza la dovuta gavetta , se sbagli non solo non prendi neanche un centesimo ma ti porti a casa un bel po' di insulti.

Il flash praticamente diretto (anche buttato su slitta fa ben poca differenza) è osceno perchè crea una luce durissima , per fare un buon lavoro il flash deve essere necessariamente angolato rispetto al soggetto e deve essere bilanciato dall' altra parte da un secondo flash , se necessario i flash saranno anche ben piu' di 2 e certamente si dovrebbe avere l' accortezza di non farli rientrare in inquadratura.

Qui ci sono le foto di un ragazzo davvero bravo , giusto per dare un'idea.

Anche per il concerto è abbastanza ottimistico pensare di poter lavorare in interni con luce ambiente con 400/800 ISO anche con lenti F1.2 o F1.4. sopratutto se si vogliono risultati professionali (il che non solo significa fare degli scatti belli ma anche arrivare a casa con almeno il 70% di foto buone e non mosse)

Queste sono ISO 1600 e lenti F1.4/F2.0
Esempio 1 , Esempio 2 , Esempio 3

Insomma per quanto interessante trovo l' articolo particolarmente indicato per chi vuole migliorare la tecnica di base dando qualche spunto ma mi pare ben lontano e decisamente insufficiente per pensare di dare un tono professionale alla questione.

Ciauz
Pat
Commento # 10 di: eta_beta pubblicato il 27 Maggio 2008, 11:23
un consiglio
chiedete al sacrestano quanto dura la cerimonia perché alcuni preti fanno matrimoni in 30 minuti altri in 3 ore
un matrimonio di 3 ore può essere lungo per vari motivi o piccole cerimonie oppure essere un soliloquio di 2 ore del prete
le piccole cerimonie possono essere
battesimo dei presenti ,
benedizione degli sposi con velo
benedizione degli sposi della vergine Maria o affidamento degli sposi alla vergine
coinvolgimento dei testimoni e dei genitori degli sposi da parte del prete
lettura in doppia lingua della cerimonia
processione chilometrica di frutta e verdura
"il sacro cuore di Gesù"
recita di poesie scritte da parenti
etc...
questo in chiesa
fuori dalla chiesa riso ,piccioni,petali, palloncini, pistole ad acqua ,coriandoli etc...
un consiglio non state mai dietro gli sposi
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor