Nikon D300: compagna fedele in ogni situazione

Nikon D300: compagna fedele in ogni situazione

di Roberto Colombo , pubblicato il

“La Nikon D300 rappresenta uno degli oggetti del desiderio degli appassionati del marchio nipponico. 12,3 megapixel, una buona raffica e un ottimo contenimento del rumore agli alti ISO la rendono una reflex molto versatile, adatta a diverse situazioni d'uso. Il Nikkor 18-200 VR II ne è un degno compagno.”

Conclusioni

Il prezzo della configurazione in nostro possesso, navigando nella sezione prezzi di Hardware Upgrade, parte da circa € 2.300, mentre la versione solo corpo da circa €1.500. L'obiettivo risulta una buona scelta per chi è alla ricerca di un tuttofare dalle prestazioni abbastanza costanti su tutta l'escursione. Il sistema di stabilizzazione ottica VR II funziona molto bene e permette di accedere a tempi di scatto ben oltre quelli di sicurezza.

La qualità costruttiva della macchina è molto buona e la sensazione che trasmette è quella di solidità. La tropicalizzazione permette di non avere troppe preoccupazioni anche in ambienti difficili, con acqua e polvere. Il menu permette una personalizzazione finissima delle impostazioni di scatto, memorizzabili in appositi profili, ma i parametri che vengono  variati più di frequente hanno tutti un pulsante di accesso diretto. L'uso della Nikon D300 obbliga a un periodo di apprendistato per familiarizzare con i comandi, ma poi risulta abbastanza facile, anche grazie ai molti comandi diretti che evitano il passaggio dal menu.

La Nikon D300 è una fotocamera adatta a moltissime situazioni d'uso, anche grazie alla raffica abbastanza sostenuta, accompagnata da un sistema autofocus di prim'ordine, in grado di seguire il soggetto inquadrato, e alle sensibilità ISO elevate pienamente utilizzabili. Proprio quest'ultimo aspetto ci ha colpito in particolare: il dato grezzo digitale di partenza è già molto buono, ma l'algoritmo di riduzione del rumore lavora in modo ottimo, riducendo il rumore a 'grana' e senza eccessiva perdita di dettaglio.

Anche grazie al ridotto uso che fa del display in fase di scatto, l'autonomia ha superato i 500 scatti con una carica della batteria standard. Il flash integrato farà sicuramente piacere agli amatori, che a differenza dei professionisti non sempre hanno un lampeggiatore esterno nel loro corredo. Alcune funzioni software, ad esempio la tecnologia D-Lighting, possono inoltre accorciare i tempi di post-produzione, riducendo il lavoro da fare a valle dello scatto.

In conclusione il nostro giudizio sulla fotocamera si potrebbe riassumere in una frase: 'Per chi se la può permettere la Nikon D300 è un'ottima scelta'. Dopotutto non poteva che essere così per una reflex che Nikon inserisce nella sua gamma professionale e su cui punta molto a livello di mercato. Gli aggiornamenti rispetto al modello precedente sono importanti e potrebbero in qualche caso giustificare un nuovo acquisto, nonostante il tempo intercorso tra l'uscita dei due modelli sia stato più breve del solito e la D200 sia ancora un'ottima alternativa per i fotografi. Il sistema autofocus a 51 punti, ad esempio, è uno dei pregi più evidenti della fotocamera, così come le alte sensibilità ISO pienamente utilizzabili.

Articoli correlati

Sony Alpha 700: la reflex top di gamma alla prova

Sony Alpha 700: la reflex top di gamma alla prova

Ecco il nostro incontro ravvicinato con la Sony Alpha 700, dopo il primo contatto avuto in occasione della sua presentazione europea a Baveno nel mese di settembre. In attesa dell'ammiraglia, prevista per fine anno, ecco la reflex dedicata agli amatori più esigenti, in cerca di qualcosa di più performante della Alpha 100
Canon EOS 40D: la specie prosumer si evolve

Canon EOS 40D: la specie prosumer si evolve

Canon continua la linea evolutiva della sua serie di reflex digitali dedicate alla fascia prosumer con la EOS 40D. Non solo una serie di aggiornamenti, ma modifiche sostanziali che la distanziano dalla EOS 30D, che l'ha preceduta sul mercato. Tra le novità maggiormente sottolineate il Live-View, che permette la visione diretta delle immagini riprese dal sensore
Nikon Coolpix P5100: obiettivo qualità

Nikon Coolpix P5100: obiettivo qualità

Sensore da 12 megapixel racchiuso da un corpo in magnesio, ecco la carta di identità della Nikon Coolpix P5100. Lo zoom ottico 3,5x potrebbe sembrare poco esteso, ma la possibilità di utilizzare tele e wideconverter amplia molto le possibilità offerte da questa fotocamera. Disponibile anche la slitta per flash esterno, peccato per la mancanza del formato RAW


Commenti (73)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Paganetor pubblicato il 18 Aprile 2008, 15:23
Bella bestia la D300... le ultime due nate in casa Nikon (questa e la D3) hanno dato una bella spallata a Canon, pur senza sovrapporsi alle rispettive concorrenti (40D e 1D MK III).

speriamo che questa "lotta" continui, noi utenti ne abbiamo solo da guadagnarci!

soprattutto io che sto tirando avanti da parecchio con la "vecchia" 300D...
Commento # 2 di: luckye pubblicato il 18 Aprile 2008, 15:32
...che rimane sempre legata al forato Dx che anche a detta di Nikon non si è certi che durerà ancora molto...anzi con le full frame a prezzi simili in mia opinione che compra una D300 non ha molta lungimiranza.
Commento # 3 di: norp74 pubblicato il 18 Aprile 2008, 15:43
bella bella
notevole il risultato a 1600

anch'io come Paganator ho tirato avanti con la 300d ... da poco ho però tratto vantaggio dalla competizione nella fascia appena superiore
Commento # 4 di: Duncan pubblicato il 18 Aprile 2008, 15:48
Beh più che altro l'importante è non comprare solo obiettivi DX, almeno quabndo si cambia corpo non c'è da ricomprare tutto il corredo
Commento # 5 di: Neo_ pubblicato il 18 Aprile 2008, 15:48
Originariamente inviato da: Paganetor
Bella bestia la D300... le ultime due nate in casa Nikon (questa e la D3) hanno dato una bella spallata a Canon, pur senza sovrapporsi alle rispettive concorrenti (40D e 1D MK III).

speriamo che questa "lotta" continui, noi utenti ne abbiamo solo da guadagnarci!

soprattutto io che sto tirando avanti da parecchio con la "vecchia" 300D...


è una strategia per non annientarsi a vicenda,sarebbe un suicidio per entrembe.
Questa macchina è il mio sogno proibito.
Commento # 6 di: opelio pubblicato il 18 Aprile 2008, 16:13
per luckye
lungimiranza di cosa. Magari si compra la D300 proprio perchè si ha in casa un parco ottiche DX e le si vuole continuare a sfruttare con una macchina praticamente professionale. La D3 poi costa ben più del doppio quindi il tuo commento proprio non si capisce.
Commento # 7 di: Paganetor pubblicato il 18 Aprile 2008, 16:25
sì, in effetti il commento di luckye non lo capisco... o, meglio, lo capisco ma non lo condivido...

il formato DX a parer mio ha ancora parecchi anni di vita davanti

certo, farsi un parco ottiche per il FF mette al riparo da qualsiasi progresso (è quello che ho fatto io), ma non deve essere necessariamente l'unica strada
Commento # 8 di: opelio pubblicato il 18 Aprile 2008, 16:40
quel commento parte dal presupposto che prima si compra la macchina e poi le ottiche. Normalmente, con le reflex, non è proprio così o quantomeno non sempre. Sarà pieno di gente che ha comprato, dai tempi della D50 e D70, ottiche DX e ora le vuole sfruttare con una macchina più performante.
Commento # 9 di: merced pubblicato il 18 Aprile 2008, 17:30
Indegno accoppiare il 18-200 vr a questa magnifica macchina, per cortesia se non avete obiettivi migliori lasciate perdere le recensioni di questo genere. Il 18-200vr pur essendo il miglior tutto-fare sul mercato.. resta comunque qualitativamente scarso se paragonato ad altri obiettivi nikkor.

Penso che nessun possessore di d300 comprerà mai il 18-200vr da abbinarci.
Commento # 10 di: street pubblicato il 18 Aprile 2008, 17:51
sul discorso "mi faccio il corredo dx" "no, me lo faccio fF perché così poi non devo cambiarlo" ne discutevo con un altro ragazzo del forum.

In realtà, i passaggio aps-> ff vuol dire comunque rifare completamente il corredo.
Se sei abituato con un 17-50, mettiamo sia compatibile FF, mettendolo sul sensore pieno ti troveresti spaesato, perché non avresti più il tuo 28-80 ma un, appunto, 17-50.
non più mediograndangolo->mediotele ma grandangolo spinto -> normale.

A quel punto, il problema é relativo.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor