Sony Alpha 700: la reflex top di gamma alla prova

Sony Alpha 700: la reflex top di gamma alla prova

di Roberto Colombo , pubblicato il

“Ecco il nostro incontro ravvicinato con la Sony Alpha 700, dopo il primo contatto avuto in occasione della sua presentazione europea a Baveno nel mese di settembre. In attesa dell'ammiraglia, prevista per fine anno, ecco la reflex dedicata agli amatori più esigenti, in cerca di qualcosa di più performante della Alpha 100”

Sony Alpha 700

Le differenze della Alpha 700 rispetto alla prima reflex di casa Sony si fanno sentire fin da subito; il peso, lievitato fino a circa 690 grammi, e le dimensioni, 141,7x104,8x79,7mm, tradiscono da subito la maggior sostanza rispetto al modello entry-level. In crescita anche il numero di tasti che permettono l'accesso rapido (senza il passaggio dal menu) alle impostazioni di scatto. La Alpha 700 adotta, come d'obbligo nel segmento, due ghiere di regolazione, in modo da poter variare in contemporanea tempi e diaframmi, senza l'ulteriore pressione di altri tasti.

Ecco in sintesi le caratteristiche della Sony Alpha 700, come presentate sul sito del produttore:

  • Sensore Sony CMOS "Exmor" da 12,24 megapixel effettivi dotato di conversione A/D a 12 bit su chip e di doppia tecnologia di riduzione del rumore
  • Processore di immagini BIONZ a velocità elevata
  • Messa a fuoco automatica ad alta precisione con sensore a 11 punti con doppia croce centrale e sensore tipo F2,8 al centro
  • Scatto continuo a 5 fps
  • Uscita HDMI per visualizzazione su display HD Ready e modalità Photo TV HD per immagini ad alta definizione completa ottimizzata sui nuovi televisori BRAVIA
  • Display LCD Fine da 3 pollici con risoluzione da 921.000 punti
  • Compatibile con l'intera gamma di obiettivi con innesto α di Sony e Carl Zeiss, oltre agli obiettivi Konica Minolta
  • La tecnologia di stabilizzazione delle immagini Super SteadyShot integrata nel corpo della fotocamera, in grado di ridurre le vibrazioni con qualsiasi obiettivo
  • Funzione "Quick Navi" per un accesso semplice e rapido alle impostazioni della fotocamera
  • Struttura solida in magnesio con telaio in alluminio e comandi con guarnizioni per proteggere dalla polvere e dall'umidità
  • Il doppio sistema anti-polvere per proteggere il sensore dal pulviscolo (rivestimento antistatico e meccanismo di stabilizzazione CCD-shift)

Il sensore adotta il formato APS-C, con dimensioni pari a 23,5 x 15,6 millimetri, e accoppiato al processore Bionz offre valori di sensibilità pari a ISO 100-3200; è possibile inoltre impostare valori ISO fino a 6400 in qualità di gamma ISO estesa. La fotocamera può produrre file RAW, del peso di circa 18MB, cRAW, del peso di circa 12MB e JPEG. Il secondo formato è un RAW compresso al 30%, per unire i vantaggi del file con i dati grezzi del sensore a un maggior risparmio di spazio sulla scheda di memoria. Alla risoluzione massima le immagini sono formate da 4288x2856 pixel.L'esposizione si basa su un sistema di misurazione della luce TTL a 40 segmenti a nido d'ape.

I tempi di scatto vanno da 1/8000sec a 30 secondi, più la posa B. Lo scatto a raffica arriva fino a 5fps, con una massimo di 17 fotogrammi RAW, 11 fotogrammi RAW+JPEG, 24 fotogrammi cRAW, e nessun limite in modalità JPEG Fine e Standard, se permesso dalla velocità in scrittura del supporto e dalle condizioni di ripresa. La memorizzazione delle immagini può essere effettuata su supporti CF e Memory Stick Duo. La velocità sincronizzazione flash, con Super SteadyShot disattivato è pari a 1/250sec, che scendono a 1/200sec in caso di attivazione del sistema di riduzione del mosso. Il mirino a pentaprisma copre il 95% dell'inquadratura, con ingrandimento pari a 0,9x. Appena sotto il mirino sono posizionati i sensori che spengono il display o attivano l'autofocus appena si avvicina l'occhio del fotografo.

La funzione Quick Navi permette l'accesso ai parametri visualizzati sullo schermo con la semplice pressione del tasti Fn e muovendosi poi con il joystick; questa funzione riduce moltissimo il numero di volte in cui è necessario accedere al menu principale, risultando in un buon guadagno di tempo per il fotografo.

BenQ Monitor